Mondo

Coronavirus, che cosa succede in Francia, Germania, Giappone e Svizzera

di

Tutte le novità sul Coronavirus in Francia, Germania, Giappone e Svizzera

Dopo l’Italia, ora tremano anche la Francia e la Germania, dove quasi 200 bambini sono in quarantena a Bonn.

Alle prese con un numero crescente di contagi da coronavirus, i due più popolosi Paesi dell’Ue sono ormai in vetta fra gli Stati mondiali che registrano il maggior numero di casi della malattia.

Con i casi saliti a 100 in Francia e a 79 in Germania i due Paesi sono rispettivamente settimi e noni nella classifica mondiale dell’epidemia.

Dopo l’Italia, che resta al terzo posto, sono proprio i francesi – che hanno superato Hong Kong – e i tedeschi i primi paesi occidentali per numero di pazienti.

Il ministro della Salute di Parigi, Olivier Véran, ha reso noti 16 nuovi casi di contagio solo nell’ultima giornata. E ha annunciato che fino a nuovo ordine tutti gli eventi che prevedono la presenza di 5.000 persone o più in un luogo chiuso sono vietati su tutto il territorio.

La fiera dell’immobiliare Mipim di Cannes, considerata tra i leader del settore, è stata spostata da marzo a giugno. Cancellazioni e rinvii che ormai accomunano molti grandi saloni in diversi Paesi europei.

Sempre in Francia, la fiera internazionale dei materiali compositi, Jec World, prevista per la prossima settimana, è stata rinviata a maggio.

Il Salone dell’automobile di Ginevra di Ginevra, importante incontro nel settore che riunisce oltre 600.000 persone ogni anno per dieci giorni, è stato cancellato.

La fiera dell’orologeria di Basilea, che si sarebbe svolta dal 30 aprile al 5 maggio, è stata posticipata e quella di Ginevra, prevista pochi giorni prima, è stata cancellata.

Stessa sorte in Germania per la Fiera Internazionale del Turismo di Berlino, mentre in Italia il rinvio è toccato nei giorni scorsi al Salone del Mobile e alla fiera dell’occhialeria Mido, due tra i maggiori eventi espositivi mondiali organizzati nel Paese.

Il governo francese non pensa per il momento di annullare le elezioni comunali in programma il 15 e 23 marzo in tutto il Paese, ma intanto ha disposto il divieto di qualsiasi tipo di raduno nell’Oise, la regione a nord di Parigi dove si sono verificati casi in cinque centri. Chiuse anche tutte le scuole che hanno registrato, nel proprio personale, casi di esposizione a persone contagiate.

Dalla Germania arrivano intanto anche notizie di bambini coinvolti nell’epidemia. Almeno quattro bimbi che frequentavano l’asilo nel land del Nordreno-Vestafalia, dove insegna la maestra tedesca contagiata dal coronavirus nei giorni scorsi, sono risultati positivi ai test. E sono quasi 200 gli alunni di una scuola elementare di Bonn messi in quarantena in casa.

ECCO CHE DI SEGUITO IL PUNTO DI PETER KRUGER TRATTO DAL SUO PROFILO FACEBOOK:

  • Il Giappone, con circa 1/5 dei nostri casi (241) e 1/6 dei decessi (5), dopo aver chiuso tutte le scuole della nazione (13 milioni di alunni), venerdì ha anche annunciato il lockdown dell’isola di Hokkaido (circa 6 milioni di abitanti).
  • Francia. Hanno appena 73 casi diagnosticati (meno di un quindicensimo dei nostri), eppure il governo ha appena messo al bando tutti gli eventi con più di 5000 persone e il Ministro della Salute ha appena invitato tutta la popolazione nazionale a smettere di salutarsi stringendosi le mani (da noi, tranquilli, tutto ok, baci, abbracci, lingue in bocca). Registrati i primi casi di assalto ai supermercati.
  • Svizzera, solo 19 casi. Qui il bando è su tutti gli eventi con più di 1000 persone. Tutte le università chiuse.
  • UK (23 casi). La NHS, che tra tutte le agenzie nazionali per la salute fin qui si è comportata da modello (tra l’altro, hanno fatto circa la metà dei nostri tamponi), inizia a dare segnali preoccupanti di panico per via del notoriamente basso numero di posti in terapia intensiva del paese. Intanto, hanno comunicato il piano per chiudere tutte le scuole fino a due mesi (non ancora attuato). Anche qui primi casi di assalto ai supermercati.

(articolo aggiornato alle ore 10 dell’1 marzo 2020)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati