Mondo

Coronavirus, che cosa sta succedendo (di nuovo) negli Usa

di

trump case farmaceutiche politico

I casi di coronavirus stanno raggiungendo di nuovo il loro picco. Ecco come è diverso questa volta secondo il New York Times

La prima ondata dell’epidemia di coronavirus negli Stati Uniti non si è mai veramente conclusa, e i casi stanno aumentando di nuovo. Ma questa volta, una fascia diversa e molto più grande del paese ne sta risentendo – riporta il NYT.

Il primo picco è arrivato all’inizio di aprile: Sono stati segnalati circa 30.000 casi al giorno, ma i punti più caldi si sono concentrati in poche regioni. Con i passi giusti, hanno detto gli esperti di salute pubblica, c’era ancora una possibilità di contenere l’epidemia.

Questo non è accaduto, e nuove infezioni negli Stati Uniti si sono manifestate prima che il virus si diffondesse nuovamente verso la fine di giugno, quando il virus si è diffuso nel resto del Paese. I casi giornalieri sono ormai ben oltre 30.000, e quasi 10 volte più numerosi sono i punti caldi – dove almeno una persona su mille è stata diagnosticata nelle ultime due settimane – rendendo ancora più improbabile la prospettiva di un contenimento.
Alcune contee rurali del Sud, dell’Ovest e del Midwest, dove il virus sembrava una minaccia lontana solo due mesi fa, stanno vedendo gli ospedali avvicinarsi alla piena capacità per la prima volta.

Il numero di nuovi casi in alcune contee della Florida, tra cui Miami-Dade e Duval, è più che triplicato nelle ultime due settimane. In Texas, ogni giorno vengono diagnosticati più di 6.000 nuovi casi. Gli ospedali di Houston sono così pieni che i pazienti vengono trasferiti in altre città.

A New York City, nel frattempo, gli ospedali travolti hanno visto un calo di pazienti affetti da coronavirus a maggio così forte che è stato “come se qualcuno avesse chiuso l’idrante”, e le nuove infezioni sono rimaste basse.

All’inizio di aprile, la maggior parte dei nuovi casi si sono verificati in grandi aree metropolitane. L’area di New York City ha avuto quasi la metà di tutti i nuovi casi alcuni giorni. Altri focolai precoci hanno colpito New Orleans e Detroit. Ma l’attuale ondata di casi si è estesa a più zone rurali e suburbane del Paese, lasciando poche contee in gran parte del Sud.
Alcune tendenze demografiche rimangono invariate, anche quando il virus si diffonde. Le persone di colore hanno sopportato il peso dell’epidemia in modo sproporzionato fin dall’inizio, e l’ultimo picco non è diverso. Tra le aree che attualmente vedono un rapido aumento dei casi ci sono le contee a maggioranza  ispaniche lungo il confine meridionale, le riserve dei nativi americani nel sud-ovest e le contee a maggioranza nera nel sud-est.

La rapida diffusione del virus in regioni che in precedenza avevano evitato gran parte del suo impatto ha indotto alcuni governi statali e locali a invertire i piani per la riapertura.

Il governatore dell’Arizona Doug Ducey ha ordinato la chiusura di bar, palestre e altre attività commerciali nello stato per 30 giorni. Anche i governatori di Florida, Texas e California hanno reintrodotto le restrizioni su bar e altri esercizi commerciali dopo un forte aumento dei casi. Anche a New York City, dove i tempi di riapertura sono stati più cauti, il sindaco Bill de Blasio ha annunciato che i piani per consentire l’uso di posti a sedere al coperto nei ristoranti sarebbero sono  rimandati a tempo indeterminato.

(Tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati