Mondo

Coordiniamo le politiche turistiche?

di

turismo TripAdvisor politiche turistiche

Perché serve coordinare le politiche turistiche. Il blog “Economia del Gusto” di Abbascià

Lo scorso sabato ci siamo lasciati con un bilancio positivo, per l’anno 2019, e con delle rosee previsioni per il 2020; ci ritroviamo qui oggi per ripartire, o meglio per proseguire il cammino del nostro consueto appuntamento.

Proprio in virtù dei brillanti dati rilevati sul Turismo e sulle migliaia di iniziative che vengono messe in campo dai tanti player del settore, mi chiedo allora come mai non la si fa diventare una vera unica risorsa, e sopratutto, dove effettivamente le decisioni vengono assunte. I dati economici su Turismo sono evidenti, importanti e possono rappresentare un grande punto di svolta per economia, lavoro e investimenti; e allora, perché non proviamo a pensare ad un unicum? Un’Agenzia, una cabina di regia, uno spin off della Presidenza del Consiglio, del MiBACT, del MEF, con precise deleghe dello stesso CIPE, che coordina a livello centrale un’attività istituzionale per il Turismo promuovere e allocare al meglio risorse in modo strutturato e sostenibile.

Di fatto, là dove sono collocati i centri decisionali, probabilmente si decide non in maniera incisiva, forse perché tali centri sono spacchettati in “sotto centri”, un po ovunque; il termine “centro decisionale” sembra allora quasi un ossimoro. Di politica economica e finanziaria del nostro Paese si esamina, valuta e decide al MEF, ma nel contempo, con il CIPE, si assumono decisioni in ambito economico-finanziario con la programmazione della politica economica; esso ha anche funzione di allocare risorse finanziarie a programmi-progetti di sviluppo approvando le principali iniziative di investimento pubblico del Paese. Con specifico riferimento al Turismo, esso è allocato al MiBACT; chissà poi quanti altri centri (decentrati) decisionali ancora ci sono! Nulla di male, ci mancherebbe; è però doveroso quanto meno chiederci se è davvero opportuna, specie in alcuni ambiti da ritenersi strategici, questa frammentazione e quanto dispendio di energie/risorse comporta.

Pensare quindi ad un centro coordinato che si possa riunire con precisa cadenza periodica, al cui tavolo devono essere presenti membri/delegati di tutti i ministeri interessati, di Cdp, di InvItalia e dei vari assessorati regionali, nonché, come invitati permanenti, componenti di associazioni di categoria, di associazioni di sviluppo del territorio, di associazione di promozione turistica; talvolta anche i vari portatori di interesse, con preventivo accredito in virtù dell’ordine del giorno.

AgeNT, Agenzia Nazionale per il Turismo, che possa rivedere, quasi completamente e in modo differente, la filiera del Turismo; un’Agenzia il cui scopo è quello di tutelare il “patrimonio Paese” a livello strategico e il cui compito è quello di coordinare un lavoro di programmazione e supervisione, sia a livello nazionale che internazionale, con precisa linea di Comunicazione e Marketing del “Brand Italia”.

Quanti di voi sanno che esiste la UNWTO, United Nations World Tourism Organization? Sostanzialmente l’Organizzazione Mondiale del Turismo; si tratta di un’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa del coordinamento delle politiche turistiche e promuove lo sviluppo di un turismo responsabile e sostenibile. Finanche le Nazioni Unite si sono interessate al tema Turismo, con una Agenzia specializzata!

Anche per questa settimana, con questi spunti di riflessione, vi saluto e vi attendo sabato prossimo!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati