skip to Main Content

Come va la vaccinazione in Israele

Israele Vaccinazione

In Israele la ripresa dell’epidemia è ancora sotto controllo grazie alla vaccinazione di massa. L’approfondimento del quotidiano Le Monde

Israele ha anche ripristinato le restrizioni di fronte al forte aumento dei casi positivi e fornirà una terza dose di vaccino alle persone oltre i 60 anni la prossima settimana.

L’ospedale Ichilov di Tel Aviv – leggiamo su Le Monde – ha riaperto l’unità Covid-19, che era stata chiusa in primavera; attualmente vi sono trattati una dozzina di pazienti. In tutta Israele, da diverse settimane, l’epidemia è ripartita a causa della variante Delta: il 90% delle infezioni nel paese sono ormai dovute a questa nuova mutazione. Lo stato ebraico ha registrato più di 2.000 casi positivi al giorno – un record negli ultimi quattro mesi. Il tasso di ospedalizzazione rimane marginale ma è raddoppiato in una settimana con quasi 160 pazienti.

“Nella stessa situazione di sei mesi fa, con una nuova variante altamente contagiosa e bassi tassi di vaccinazione perché eravamo all’inizio della campagna, abbiamo avuto 1.300 morti”, dice Nadav Davidovitch, un membro del comitato che consiglia il governo sul Covid-19. Egli avverte, tuttavia, che l’epidemia, che ora ha un tasso di riproduzione di circa 1,4, sta crescendo rapidamente: “Non porterà al collasso del sistema, ma potrebbe finire per pesare su di noi.”

All’inizio di giugno, tuttavia, lo spettro del Covid-19 sembrava allontanarsi definitivamente nel paese. La maggior parte delle restrizioni erano state revocate, le maschere non erano più obbligatorie all’interno e all’esterno, e le sale da concerto, i teatri e i locali notturni avevano ripreso le loro normali attività. Israele ha vaccinato presto e rapidamente i suoi circa 9 milioni di abitanti; oggi, il 90% degli over 50 e tra l’85% e l’89% dei 20-49 hanno già ricevuto le loro due dosi. Diversi fattori spiegano il successo di questa maratona, iniziata alla fine di dicembre: la maggior parte degli israeliani ha aderito, lo stato ebraico è riuscito ad assicurarsi abbastanza dosi in anticipo, e le autorità hanno istituito un sistema efficiente per somministrarle attraverso la rete di mutue assicurative del paese.

EVITARE FORME GRAVI E OSPEDALIZZAZIONI

La ripresa dell’epidemia mette in discussione questa strategia di vaccinazione? No, dicono gli epidemiologi. Anche se, secondo i dati del Ministero della Salute israeliano, il vaccino è efficace solo al 40% nel prevenire l’infezione dal virus – risultati criticati a causa della natura del campione scelto (la ricerca si è concentrata sui focolai di infezione, con più persone anziane che giovani) – d’altra parte, permette di evitare forme gravi di Covid-19. “Quando guardiamo i ricoveri, siamo a un quarto o anche un quinto delle cifre di qualche mese fa, con lo stesso numero di nuovi casi. In termini di tassi di mortalità, è incredibile, non ci sono quasi morti. I pazienti ricoverati vengono anche dimessi prima, in media”, osserva Eli Sprecher, capo del dipartimento di dermatologia all’ospedale Ichilov.

L’efficacia del vaccino nel prevenire la trasmissione del virus potrebbe essere compromessa a causa della natura della variante Delta o perché la risposta immunitaria si indebolisce dopo alcuni mesi. Il Ministero della Salute israeliano ha appena annunciato che offrirà una terza dose già dalla prossima settimana alle persone oltre i 60 anni che lo desiderano e che sono state vaccinate più di cinque mesi fa.

Gli esperti hanno esitato a lungo. “Poiché siamo stati uno dei primi paesi a vaccinare in massa, non abbiamo nessun altro da cui imparare”, ha detto il direttore generale del ministero della salute Nachman Ash mercoledì prima della decisione. “Il richiamo è sicuro”, ha detto Eyal Leshem, uno specialista in malattie infettive all’ospedale Tel-Hashomer di Ramat Gan, che stava facendo una campagna perché il governo attui rapidamente la misura. Più di 2.000 persone con un sistema immunitario indebolito hanno già ricevuto una terza iniezione nel paese, senza gravi effetti collaterali riportati finora.

VIVERE CON IL VIRUS, PUR MANTENENDO LE RESTRIZIONI

Nel frattempo, il paese continua a vaccinare i più giovani, che, a differenza delle ondate precedenti, sono vettori di una rapida trasmissione del virus. Dopo una certa riluttanza iniziale, la campagna “sta funzionando, anche se non ha lo stesso successo che con gli adulti”, dice Eli Sprecher: poco meno del 40% delle persone sopra i 12 anni sono state vaccinate. Domenica, il governo ha assicurato che l’anno scolastico andrà avanti come previsto. Questo è il credo della nuova coalizione che è al potere da poche settimane: vivere con il virus, pur mantenendo alcune restrizioni. “La cosa più semplice sarebbe tornare alla politica delle chiusure a fisarmonica – confinare e riaprire, chiudere, aprire. Ma questo non è il modo giusto”, ha ripetuto il primo ministro Nafatali Bennett domenica 25 luglio.

Pochi giorni prima, aveva adottato un tono molto più duro contro il milione di israeliani idonei al vaccino che non erano ancora stati vaccinati, una prima nel paese che fino ad allora aveva operato piuttosto sulla base di incentivi: “I no-vax stanno mettendo in pericolo l’ambiente e la libertà dei cittadini israeliani. Mettono in pericolo la nostra libertà di lavorare, di studiare e di stare con le nostre famiglie. Stanno facendo del male a tutti.”

Il professor Davidovitch sostiene un approccio meno colpevolista: “Il lavoro deve essere fatto a livello delle autorità locali”, per incoraggiare e anche per stanare le false informazioni che circolano sul vaccino, in particolare sui suoi presunti effetti sulla fertilità. Oltre all’enfasi sulla vaccinazione, Israele ha reintrodotto misure rimosse in primavera: un pass verde obbligatorio (certificato di vaccinazione, cura Covid-19 o test negativo) per eventi di più di 100 persone, obbligo di indossare maschere in casa, e restrizioni sui viaggi all’estero – alcuni paesi sono vietati completamente, altri sono soggetti a una quarantena di sette giorni al ritorno.

I test rapidi saranno anche resi più ampiamente disponibili nelle prossime settimane, ha promesso il ministero della salute. “Siamo in una nuova fase, dove il vaccino ci permette una maggiore flessibilità, ma dobbiamo continuare ad agire” con restrizioni adattate alla progressione dei casi, ha notato Nadav Davidovitch. “Non credo che possiamo fermare completamente la nuova ondata, dobbiamo imparare a conviverci, ma questo non significa che dovremmo rimanere passivi e lasciare che il virus si diffonda, come alcuni nel Regno Unito stanno sostenendo. Questo è molto pericoloso”, aggiunge.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore