Mondo

Come proteggere i lavoratori nelle crisi? Analisi Ft fra Usa e Ue

di

Le impostazioni diverse fra Ue e Usa su come tutelare i lavoratori durante la crisi economica. L’analisi del Financial Times

Ciò che è più interessante del rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti della scorsa settimana sono le domande che solleva più che le risposte che dà, scrive il FT.

L’aumento dell’occupazione, che a maggio è cresciuto di circa 2,5 milioni di posti di lavoro, ha superato ogni aspettativa; la maggior parte degli osservatori aveva pensato che dopo il bagno di sangue di aprile sarebbero andati persi milioni di posti di lavoro in più. In tempi normali, un tale salto sarebbe stato un miglioramento straordinario del mercato del lavoro.

Così com’è, rende solo le cose un po’ meno terribili,  Il salto di maggio ha fatto sì che, in rete, circa un nono dei lavoratori che hanno perso il lavoro ad aprile abbiano trovato lavoro il mese successivo. Meglio di niente, ma restano otto noni col sussidio. In realtà più di otto-noni, perché c’è qualcosa di divertente con i numeri. Lo stesso Bureau of Labor Statistics ha segnalato un errore di classificazione nell’indagine sui salari, il che significa che dipinge un quadro lusinghiero (avete letto bene) della situazione.

La situazione senza precedenti della pandemia di coronavirus sembra aver fatto sì che molti intervistatori del sondaggio BLS segnalino molti intervistati come assenti per lavoro “per altri motivi” (normalmente riservati a tempo determinato per cose come il dovere di giuria) che in realtà avrebbero dovuto essere conteggiati come disoccupati. Correggendo questo dato, a maggio la disoccupazione sarebbe stata superiore di 3 punti percentuali rispetto al 13,3% ufficiale.

Questo avrebbe comunque segnato un miglioramento a partire da aprile, quando il tasso di disoccupazione corretto sarebbe stato del 19,7 per cento invece del 14,7 per cento riportato. Ancora un miglioramento nel corso del mese, sì, ma su numeri molto più vicini ai livelli di disoccupazione dell’era della Grande Depressione. E i problemi con i numeri non finiscono qui. Il tasso di risposta delle famiglie e delle imprese è stato molto più basso del solito, il che significa che dovremmo attribuire più incertezza ai numeri delle buste paga durante la peggiore pandemia che in tempi normali.

Inoltre, un numero insolitamente elevato di persone ha abbandonato del tutto la forza lavoro – più che in altre recessioni – e alcuni di questi dovrebbero essere ragionevolmente considerati disoccupati a causa della Covid-19.

Come spiegano Jason Furman e Wilson Powell, se il calo della forza lavoro seguisse l’andamento delle precedenti recessioni, il tasso di disoccupazione misurato raggiungerebbe il 17,7%. (In aprile sarebbe stato del 20,5 per cento). Inoltre, anche se tutti coloro che dichiarano di essere solo temporaneamente disoccupati tornassero al lavoro, il tasso di disoccupazione si attesterebbe comunque su livelli di recessione superiori al 7 per cento.

Quindi, nonostante questi problemi di misurazione esatta, non c’è incertezza su quanto sia terribile la situazione. Non c’è nemmeno l’incertezza che la disoccupazione sia molto più alta negli Stati Uniti e nella maggior parte degli altri paesi anglofoni che nella maggior parte dei paesi europei, compreso il Regno Unito.

Come spiega un nuovo rapporto dell’Institute for Government, la differenza è dovuta al fatto che i paesi europei hanno scelto in gran parte di sovvenzionare le aziende per mantenere i dipendenti sul libro paga mentre sono in congedo; mentre gli Stati Uniti e alcuni altri paesi hanno scelto di compensare i disoccupati per la perdita di reddito direttamente – e in modo molto più generoso rispetto a prima che le indennità di disoccupazione fossero aumentate in risposta alla pandemia.

Quale approccio è migliore? È chiaro che gli Stati Uniti continueranno ad avere uno dei tassi di disoccupazione più alti del mondo ricco per il resto dell’anno rispetto alla maggior parte degli altri paesi, se ci si attiene alle previsioni dell’OCSE.

A fronte di ciò, dobbiamo sottolineare che molti lavoratori disoccupati negli Stati Uniti godono di redditi più alti con sussidi di disoccupazione migliorati rispetto ai lavori mal pagati; mentre i lavoratori in Europa si porteranno a casa un po’ meno con i programmi di aspettativa rispetto a quando lavoravano a tempo pieno.

La domanda cruciale è cosa succederà dopo. La disoccupazione negli Stati Uniti potrebbe essere molto più alta ora, ma ciò non significa che non possa diminuire più velocemente che in Europa, man mano che le cose migliorano. Questo dipenderà da come le rispettive politiche dei paesi saranno modificate.

È importante riconoscere il rischio che i programmi di aspettativa in Europa rallentino il ritorno al lavoro, soprattutto quando le aziende non possono tornare ai livelli di attività precedenti e possono risparmiare denaro mantenendo le persone in aspettativa. Diversi paesi hanno esteso la durata dei loro programmi, in particolare la Francia che ha annunciato che durerà due anni. Molto dipenderà dalla capacità dei governi di adeguare nel tempo i piani di aspettativa, per incoraggiare un parziale ritorno al lavoro.

L’alternativa è quella di pagare milioni di posti di lavoro zombie. Anche negli Stati Uniti ci sono dei rischi. L’attuale generosità dei sussidi di disoccupazione è temporanea, ma non c’è dubbio che ci saranno pressioni politiche per estenderla. In ogni caso i politici dovranno affrontare l’invidiabile compromesso tra l’imposizione di nuove difficoltà ai molti milioni di disoccupati che rimarranno disoccupati per un certo periodo di tempo e il mantenimento di incentivi per farli rimanere tali perché i posti di lavoro offerti pagano così poco. In entrambi i casi, l’obiettivo finale dovrebbe essere quello di riportare le persone al lavoro, ma non necessariamente nello stesso posto di lavoro di prima. Gli ostacoli a questo obiettivo sono diversi sulle due sponde dell’Atlantico.

I programmi europei hanno sottolineato l’importanza di non spezzare il legame tra i datori di lavoro e i loro dipendenti, e la produttività costruita attraverso questa familiarità. Questo è davvero importante – ma non tutto ciò che la produttività può essere ripristinata, dato che molti posti di lavoro non saranno più redditizi in un’economia più attenta al rischio di contagio. Mantenere le persone legate ai lavori degli zombie significa tenerle tagliate fuori dai posti di lavoro del futuro.

Gli Stati Uniti, al contrario, si trovano di fronte al pericolo opposto: che non ci siano abbastanza persone in grado di ritrovare la strada verso i loro precedenti datori di lavoro, e che troppo tempo e talento umano venga sprecato per sostituire le connessioni perdute sul mercato del lavoro – o peggio, che le connessioni non vengano mai sostituite. La rubrica Free Exchange dell’Economist ha osservato che se i precedenti recuperi occupazionali fossero una guida, gli Stati Uniti potrebbero impiegare fino al 2026 per tornare al tasso di disoccupazione pre-pandemico. Notoriamente, sono quelli con l’anello più debole del mercato del lavoro ad essere licenziati per primi nelle fasi di recessione e riassunti per ultimi in una fase di ripresa. È di cattivo auspicio che anche il miglioramento del numero di posti di lavoro di maggio non si sia esteso ai neri americani o ai giovani lavoratori, entrambi i cui tassi di disoccupazione sono aumentati ulteriormente. Il presidente della Federal Reserve, Jay Powell, mercoledì ha espresso il suo pessimismo su quanto tempo ci vorrà a far scendere la disoccupazione.

Dietro ad entrambi i tipi di ostacoli si nasconde la sfida più grande: progettare una ripresa che crei effettivamente un numero sufficiente di nuovi posti di lavoro che possano prosperare ed essere resistenti in un’economia post-pandemica. Ciò richiede non solo politiche del mercato del lavoro finemente equilibrate, ma anche una forte pressione della domanda e incentivi per nuovi investimenti.

L’ampiezza dell’azione politica degli ultimi mesi dimostra che i politici hanno il potere di realizzare questo obiettivo. La timidezza dell’azione politica nella precedente ripresa, tuttavia, dimostra che anche i politici possono fallire miseramente.

(Tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati