Mondo

Come riprendere a viaggiare?

di

compagnie aeree economist

Fatti, problemi e scenari su come si viaggerà dopo la pandemia in un approfondimento del settimanale The Economist

Analisi di The Economist sulla possibilità di creare dei collegamenti non solo bilaterali, ma tra zone più ampie. Può essere un fatto doloroso da contemplare durante questi giorni di lockdown, ma l’anno scorso il mondo è stato più mobile che mai, con persone che hanno preso voli per  4,6 miliardi di euro.

Nell’aprile di quest’anno, però, gli aerei hanno trasportato solo 47 milioni di passeggeri; questo livello di mobilità, annualizzato, riporterebbe gli orologi al 1978. L’arresto virtuale dei viaggi ha esacerbato le difficoltà dell’economia globale, complicando i legami commerciali, devastando l’industria del turismo. Non c’è da stupirsi che i governi vogliano ripristinare i collegamenti. Un’idea che sta guadagnando il favore è la creazione di “bolle”, che legano tra loro i paesi che hanno fatto bene contro il coronavirus. Uno sguardo più attento porta ad un certo ottimismo.

L’Economist ha individuato potenziali bolle che rappresentano circa il 35% del PIL globale, il 39% di tutti gli scambi di beni e servizi e il 42% della spesa mondiale per il turismo. Ma la sfida di collegarle sottolinea anche quanto sarà difficile far ripartire l’economia globale. Il semplice ritorno ai confini ai giorni del pre-virus è, per ora, inconcepibile.

Molti esperti di salute, primi a criticare le restrizioni ai viaggi, sono giunti a considerare utili i controlli rigorosi, soprattutto per i luoghi che hanno contenuto infezioni locali. “Ogni caso in arrivo è un potenziale seme che può trasformarsi in un’epidemia”, dice Ben Cowling, un epidemiologo dell’Università di Hong Kong. La prima bolla prenderà vita il 15 maggio tra Estonia, Lettonia e Lituania. I loro cittadini saranno liberi di viaggiare all’interno della zona senza quarantena. La prossima potrebbe essere una bolla trans-Tasman, che legherà la Nuova Zelanda allo stato australiano della Tasmania, entrambi i quali hanno tenuto bassi i nuovi casi.

La Cina e la Corea del Sud hanno lanciato un canale di ingresso “fast track” per gli uomini d’affari. “La mia aspettativa è che ci sarà un gran numero di piccole bolle di viaggio”, dice Cowling. Ma allo stesso modo in cui gli accordi commerciali regionali sono più efficienti dei patti bilaterali, i benefici economici derivanti dalla creazione di bolle più grandi sarebbero maggiori.

Sulla base di un’analisi dei dati relativi alle infezioni, The Economist vede due grandi zone che potrebbero emergere come bolle. La prima è nella regione dell’Asia-Pacifico, dove i paesi dal Giappone alla Nuova Zelanda hanno registrato meno di dieci nuove infezioni ogni 1 milione di abitanti nell’ultima settimana. La seconda è in Europa: utilizzando una soglia più permissiva – meno di 100 nuovi casi sulla stessa base – la bolla potrebbe raggiungere dal Baltico all’Adriatico, e prendere la  Germania.

La nostra bolla Asia-Pacifico, grazie alla Cina e al Giappone, rappresenterebbe il 27% del PIL mondiale. La bolla europea rappresenterebbe l’8%. Una misura del valore potenziale delle bolle è il loro grado di integrazione commerciale, a dimostrazione della complementarietà delle economie. Per i Paesi della bolla Asia-Pacifico, una media del 51% degli scambi commerciali complessivi è tra di loro.

Nella bolla Baltico-Adriatico, è del 41%. I paesi piccoli otterrebbero il massimo vantaggio dalla riconnessione con i paesi vicini più grandi. La libera circolazione sarebbe particolarmente utile per paesi come la Thailandia e la Grecia che si affidano al turismo. Le bolle avrebbero avuto ricadute oltre i loro confini, positive e negative. Al giorno d’oggi, molti scambi commerciali riguardano i servizi, non le merci, che richiedono una minore presenza fisica.

La Gran Bretagna sarebbe fuori dalla bolla Baltico-Adriatico, ma i finanzieri di Londra spererebbero comunque di fare affari, anche se non potessero visitare i loro clienti. O se, per esempio, il Vietnam entrasse nella bolla Asia-Pacifico e l’Indonesia no, gli investimenti che potrebbero essere confluiti in quest’ultima potrebbero essere dirottati verso la prima.

La necessità di fiducia mette immediatamente in dubbio la bolla dell’Asia-Pacifico: la Cina ha sospeso alcune importazioni di carne bovina dall’Australia dopo che questa ha chiesto un’inchiesta sulle origini del covid-19. Anche le nazioni più povere potrebbero essere escluse. Il Laos e la Cambogia hanno segnalato poche infezioni, ma i Paesi più ricchi hanno poca fiducia in loro.

Il risultato è che non ci sono scorciatoie reali. Michael Baker, epidemiologo dell’Università di Otago a Wellington, vede i Paesi sviluppati dividersi in due blocchi: quelli come la Nuova Zelanda e la Corea del Sud che mirano a eliminare il coronavirus e quelli come l’America e la Gran Bretagna che vogliono solo contenerlo. Questi blocchi potrebbero, secondo lui, col tempo, risolversi in due zone di viaggio. Merci e denaro continuerebbero a fluire tra di loro. Ma la gente troverebbe i propri orizzonti dettati dal fatto di essere dalla parte pulita o da quella contaminata.

Articolo pubblicato su The Economist

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati