skip to Main Content

Come il gruppo British Gas è entrato nel gruppo israeliano di spyware Nso

British Gas Nso

 Il fondo di investimento pensionistico di Centrica, la società madre di British Gas, è stato tra i maggiori contribuenti del fondo da 1 miliardo di euro che ha acquistato una quota di Nso 

I soldi delle pensioni dei lavoratori di British Gas sono stati usati per comprare lo sviluppatore israeliano di cyber-armi Nso Group, il cui spyware è stato trovato sui telefoni di attivisti dei diritti umani e giornalisti. Scrive il Financial Times.

Il fondo di investimento pensionistico di Centrica, la società madre di British Gas, è stato tra i maggiori contribuenti del fondo da 1 miliardo di euro che ha acquistato una quota di NSO nel 2019, hanno affermato tre persone a conoscenza della questione.

Lo scorso anno il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha inserito Nso in una black list dichiarando che c’erano prove che la società aveva fornito spyware a governi stranieri che “hanno usato questi strumenti per colpire maliziosamente funzionari governativi, giornalisti, uomini d’affari, attivisti, accademici e lavoratori delle ambasciate”.

Il suo software Pegasus è stato utilizzato per spiare almeno tre persone vicine al giornalista saudita assassinato Jamal Khashoggi, secondo Amnesty International e Citizen Lab. Nso ha detto che Khashoggi non è mai stato un obiettivo di Pegasus da parte di nessuno dei suoi clienti e la sua tecnologia non è stata associata in alcun modo ai membri della sua famiglia o al suo omicidio.

Nso deve anche affrontare le azioni legali intentate da Meta (ex Facebook) proprietario di WhatsApp. Meta sostiene che ha sfruttato una vulnerabilità nel servizio di messaggistica per diffondere il suo spyware, mentre Apple vuole bloccarlo e impedirne l’utilizzo nei suoi prodotti.

“L’uso di strumenti informatici per monitorare dissidenti, attivisti e giornalisti è un grave abuso di qualsiasi tecnologia e va contro l’uso desiderato di tali strumenti critici”, ha detto Nso. “Nso ha dimostrato in passato di avere tolleranza zero per questi tipi di uso improprio, terminando più contratti”.

Il fondo di investimento di Centrica ha allocato la liquidità della pensione a un fondo di private equity raccolto da Novalpina Capital, una società creata nel 2017 da tre ex dirigenti di TPG Capital, Stephen Peel, Stefan Kowski e Bastian Lueken. Novalpina possiede una quota del 70 per cento di Nso, secondo la società di software.

Il Centrica Combined Common Investment Fund ha un rappresentante in un comitato dei maggiori investitori di Novalpina. Ognuno di questi investitori contribuisce con almeno decine di milioni di euro, hanno detto due persone a conoscenza della questione.

Centrica ha rifiutato di commentare.

L’ufficio della famiglia del miliardario belga Albert Frère, morto nel 2018, è un altro dei maggiori investitori di Novalpina. La Compagnie Nationale à Portefeuille ha impegnato circa 50 milioni di euro nel fondo.

CNP “non partecipa alle decisioni di investimento e/o commerciali del fondo”, compresa la decisione di acquistare NSO, il suo responsabile legale Gauthier Parisis ha dichiarato al Financial Times. Ha inoltre aggiunto che era “profondamente preoccupato e disturbato dagli sviluppi interni a Novalpina”.

Altri investitori nel fondo Novalpina hanno precedentemente rivelato le loro posizioni e affrontato pressioni politiche.

In ottobre Amnesty International ha scritto al sistema di pensionamento dei dipendenti pubblici dell’Oregon, al fondo permanente da 81 miliardi di dollari dell’Alaska e a due fondi pensione del governo locale inglese, East Riding Pension Fund e South Yorkshire Pensions Authority, in merito ai loro impegni nel fondo Novalpina. Ha detto agli investitori che erano “direttamente collegati” all'”abuso dei diritti umani”.

Una portavoce dell’Oregon ha risposto che non ha partecipato alla scelta di Novalpina delle aziende target o alla loro amministrazione, era “profondamente turbata dai rapporti sugli sviluppi riguardanti NSO Group” e stava considerando “varie opzioni legali”. Alaska, ERPF e SYPA non hanno commentato.

Quando stava aumentando il suo fondo nel 2017, Novalpina ha comunicato agli aspiranti investitori che avrebbe “mirato a opportunità in tutta l’Europa occidentale” e mirato a comprare aziende valutate da 200 a 500 milioni di euro, secondo i documenti pubblicati dal Consiglio per gli investimenti dell’Oregon all’epoca. Il suo investimento in Nso, che ha una società madre domiciliata in Lussemburgo ma con sede a Herzliya, Israele, ha valutato la società a circa 1 miliardo di dollari.

L’anno scorso Novalpina è stata privata del controllo del proprio fondo dopo una disputa tra i suoi co-fondatori. Gli investitori hanno nominato la società di consulenza Berkeley Research Group per gestire il fondo, con il mandato di chiuderlo e restituire il loro denaro.

BRG è in procinto di stabilire quanto denaro gli investitori potrebbero recuperare dal fondo, anche dall’affare Nso. “Sono chiaramente preoccupato se c’è qualche valore in Nso”, una persona vicina a un investitore ha detto al FT in novembre.

Oltre a Nso, il fondo Novalpina possiede la società di gioco d’azzardo estone Olympic Entertainment Group e l’azienda farmaceutica francese Laboratoire XO.

L’arma informatica di Nso progettata da veterani dell’esercito israeliano per trasmettere il contenuto di un telefono, compresi i messaggi criptati, su un terminale remoto e registrare video e audio in modo surrettizio. Viene venduta agli alleati del governo israeliano e l’azienda dice che è autorizzata solo per essere usata per prevenire crimini gravi e terrorismo.

Tuttavia, è stato rintracciato nei telefoni di centinaia di giornalisti, dissidenti e oppositori dei governi in dozzine di paesi. Sostenitori dei diritti umani stanno chiedendo che l’azienda sia tenuta sotto controllo e che l’industria sia regolamentata in modo più completo.

Lo sceicco Mohammed bin Rashid al-Maktoum, il sovrano miliardario di Dubai, ha permesso ai suoi “servitori o agenti” di usare lo spyware Pegasus di Nso per colpire il telefono di sua moglie, la principessa Haya, come ha scoperto un giudice di Londra l’anno scorso.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore