Mondo

Come e perché l’export tedesco sta crollando. Tutti gli ultimi dati pessimi in Germania

di

Germania

Crolla l’export tedesco che a giugno segna la flessione più forte da tre anni su base annua con un meno 8%. È il calo più marcato da luglio 2016.. Numeri, confronti e commenti

La stagnazione economica europea e le tensioni commerciali Usa-Cina intaccano la bilancia commerciale della Germania. Ecco come e perché a partire dai dati odierni.

CHE COSA SUCCEDE ALLA BILANCIA COMMERCIALE TEDESCA

La bilancia commerciale tedesca peggiora a giugno, con un surplus in calo più del previsto. A giugno il surplus commerciale si è attestato a 16,8 miliardi contro i 20,6 miliardi del mese precedente e i 22 miliardi di un anno prima.

I DATI ALLARMANTI DELL’EXPORT A GIUGNO

Crolla l’export tedesco che a giugno segna la flessione più forte da tre anni su base annua con un -8%. E’ il calo più marcato da luglio 2016. Su base mensile, si è registrato un -0,1%.

IL PEGGIORAMENTO

I dati confermano il peggioramento del settore manifatturiero per l’impatto delle tensioni commerciali. Le importazioni sono diminuite del 4,4% annuo, mentre su base mensile si è avuto un +0,5%.

I NUMERI CLOU

Il surplus commerciale è sceso a 16,8 miliardi dai 20,6 del mese prima, un livello inferiore alla stima media di 19,5 miliardi.

L’EXPORT

Le esportazioni sono scese dello 0,1% contro l’aspettativa di una variazione nulla, mentre le importazioni sono aumentate dello 0,5%, più delle stime.

LE TENSIONI

L’andamento degli scambi commerciali mette in risalto l’impatto delle tensioni commerciali, con l’export che crolla dell’8% su anno e l’import del 4,4%.

COME E COSA ASSORBE L’UE

L’Unione europea ha assorbito a giugno 63,5 miliardi di prodotti tedeschi, il 6,2% di meno di un anno prima, l’export verso i paesi terzi è sceso del 10,7% su anno cioè 42,6 miliardi.

IMPORT ED EXPORT

L’import scende dell’8,9% a 36 miliardi dai paesi terzi, mentre dall’Ue dell’1,1% a 53,3 miliardi. La guerra commerciale tra Cina e Usa colpisce indirettamente anche la Germania, in particolare nel settore auto.

LA PRODUZIONE

Ma i segnali premonitori pessimi per Berlino erano giunti due giorni fa: la produzione industriale tedesca è scesa più del previsto in giugno a -1,5% rispetto al mese precedente (contro un consensus di -0,4/-0,5) e con il calo anno su anno (-5,2%) che è il peggiore degli ultimi dieci anni, dai tempi della ripresa dopo la Grande recessione.

GLI INDICI

Non solo: l’indice sulle aspettative di produzione da parte delle imprese calcolato dall’Ifo, sceso a -5,7 a luglio da -2,1 toccando il minimo dal novembre 2012.

IL CALO

Nel dettaglio, a giugno la produzione di beni semi-lavorati è diminuita del 2%, quella di beni strumentali dell’1,8% e quella dei beni di consumo dell’1,4%. Come ha rilevato il ministero dell’Economia la flessione è stata particolarmente accentuata nei settori della produzione di metalli, di macchine utensili e di auto. Solo la produzione nel settore delle costruzione ha registrato un piccolo progresso (+0,3%).

STIME BUNDESBANK

Il tutto ha rafforzato le previsioni, tra le quali quelle della Bundesbank, di un Pil tedesco che si contrae nel secondo trimestre dell’anno, fino a -0,2%: il dato preliminare sarà reso noto la prossima settimana, il 14 agosto.

IL COMMENTO

Stretta tra le difficoltà del settore dell’auto e l’intensificarsi della guerra commerciale tra Usa e Cina, l’industria tedesca continua insomma a perdere colpi. Il manifatturiero, infatti, risente della crisi dell’automotive che continua senza sosta, mentre i consumatori disdegnano il diesel a favore dell’auto elettrica e gli esportatori devono far fronte al rallentamento degli ordini dalla Cina.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati