Mondo

Ecco come la Cina contrattacca sui chip contro gli Stati Uniti

di

Cina - Xi Jinping

Per incoraggiare il Made in China e diminuire la dipendenza estera, la Cina promette un taglio delle tasse ai produttori di chip

La Cina promette un consistente taglio delle tasse a tutti i produttori di chip, provando in questo modo a sostenere le proprie industrie, proprio mentre il presidente degli Stati Uniti Donald Trump vuole imporre dazi per proteggere le aziende a stelle strisce. Crescono, dunque, le tensioni commerciali: la mossa di Pechino, infatti, avrà importanti conseguenze proprio sui concorrenti americani.

IL PIANO CINESE

Le nuove regole riguarderanno numerose società di semiconduttori: le società saranno esenti dalle imposte sul reddito per un massimo di cinque anni a partire dal 1 gennaio, ha detto il ministero delle Finanze in una dichiarazione venerdì scorso. Le aliquote fiscali, negli anni successivi e fino al decimo anno, saranno la metà dell’attuale 25%.

Il paese prevede di spendere circa $ 150 miliardi in 10 anni per raggiungere una posizione di leadership nella progettazione e produzione.

OBIETTIVO, RIDURRE DIPENDENZA

Da tempo Pechino punta sul settore dei chip: la Cina vuole ridurre la dipendenza da circa 200 miliardi di dollari di importazioni annue di semiconduttori. Importazioni che potrebbero ledere la sicurezza nazionale e ostacolare lo sviluppo di un fiorente settore tecnologico.

CINA A SUPPORTO DELLE AZIENDE TECH

Le agevolazioni fiscali non sono in realtà una novità assoluta. La Cina aveva annunciato un piano al 2025, di riduzioni delle tasse a favore delle società di produzione di tecnologiche orientate all’innovazione, per supportare il Made in China.

USA IN ALLARME

Il piano è ambizioso. Gli stessi dirigenti e funzionari statunitensi mettono in guardia il Governo sul fatto che potrebbe danneggiare gli interessi americani.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati