Advertisement
skip to Main Content

La Cina sbancherà l’Africa con le banche della Nigeria?

Cina Zambia

Tutte le mire bancarie della Cina in Africa e il ruolo della Nigeria come hub finanziario africano. L’analisi di Giuseppe Gagliano

 

Durante la commemorazione del Festival cinese nella capitale della Nigeria, Abuja, l’ambasciatore cinese in Nigeria Cui Jianchun ha annunciato di essere in trattative con alcune delle grandi banche cinesi per stabilire operazioni in Nigeria.

Cui ha parlato dei crescenti legami tra Nigeria e Cina e ha parlato dell’importanza dei sistemi bancari nello sviluppo di entrambi i paesi. Ha poi parlato della possibilità di realizzare una presenza bancaria costante e cinese in Nigeria.

Questa nuova proposta di legami finanziari più profondi è un consolidamento delle relazioni Cina-Nigeria. Nel 2018, la Nigeria e la Cina hanno firmato un accordo iniziale di scambio di valuta triennale che ha visto la Nigeria trasferire alcune delle sue riserve estere in Cina. La dimensione dell’accordo di swap è stata fissata a 15 miliardi di renminbi o 720 miliardi di naira.

L’accordo di cambio valuta è stato l’inizio di un cambiamento nei rapporti tra Nigeria e Cina, e di fatto un cambiamento nei rapporti tra la Cina e l’intero continente africano, dove gli accordi finanziari erano da tempo incentrati sui prestiti per le infrastrutture e il commercio. Nel 2020, lo Zimbabwe è diventato il quarto paese africano dopo Sudafrica, Nigeria e Ghana a firmare un accordo di scambio di valuta con la Cina.

La Cina è ora il partner commerciale più visibile e più grande dell’Africa subsahariana.

Infatti, dall’inizio degli anni 2000 il commercio della Cina con l’Africa è aumentato di oltre il 2000 per cento, raggiungendo i 200 miliardi di dollari nel 2019. Da allora la Cina ha annunciato il suo fondo per lo sviluppo delle infrastrutture Belt and Road Africa da 1 miliardo di dollari per aiutare a costruire strade e infrastrutture necessarie per aiutare il commercio nel continente. Ma il continente africano ha visto anche un cambiamento nel suo panorama imprenditoriale. A partire dal 2017, oltre 10.000 aziende di proprietà cinese operavano in tutto il continente. Queste aziende cinesi hanno un valore di oltre $ 2 trilioni.

La Cina si è posizionata come una superpotenza in crescita che offre una partnership economica paritaria diversa dall’Occidente. Ma la sua presenza in Africa è strategica. Pur fornendo prestiti e investimenti ai paesi africani in conformità con la sua politica di non interferenza, il che significa che questi investimenti non hanno alcun vincolo, è in grado di sviluppare nuovi alleati.

La Nigeria, almeno sulla carta, è stata leader nel continente africano. Pertanto, questa nuova proposta della Cina rappresenta un’opportunità per la Cina di integrarsi ulteriormente con il sistema finanziario del continente. Ma per la Nigeria è anche un’occasione per guidare, forse come hub finanziario per il continente, qualcosa come una Londra pre-Brexit. Per la Cina, l’istituzione di banche in Nigeria e successivamente nel continente ha lo scopo di aiutare a raggiungere il suo obiettivo di diventare una valuta di riserva globale.

Questo posizionamento cinese in Nigeria nel contesto bancario fa parte di una strategia attentamente costruita dalla Cina per ampliare l’accettazione dello yuan come valuta di riserva globale. Infatti La Cina ha scelto la Nigeria per un motivo specifico :il petrolio. La Nigeria, essendo uno stato membro dell’OPEC, registra le sue vendite di petrolio in dollari. Questi nuovi accordi sono finalizzati a convincere il il settore energetico in Nigeria ad accettare pagamenti per il suo petrolio in yuan.

Tuttavia, uno sguardo più attento alla bilancia commerciale dell’Africa con la Cina rivela il lato negativo delle attuali relazioni. Nel 2019, il deficit commerciale dell’Africa con la Cina è stato di oltre 17 miliardi di dollari. A causa della natura dei mercati africani, in cui le esportazioni sono dominate da beni primari, paesi come la Nigeria hanno un forte squilibrio commerciale con la Cina. Il valore della produzione delle merci spesso non è abbastanza alto da creare posti di lavoro locali, quindi vengono spedite in Cina per la lavorazione e poi reimportate nel paese.

Questo deficit ha sostanzialmente spostato la dipendenza economica dell’Africa dai suoi vecchi partner coloniali alla Cina.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore