Advertisement
skip to Main Content

La Cina strozza i Paesi con il debito? Report

Xi Cop26

Che cosa ha scritto Le Monde sulla politica della Cina con i finanziamenti a Stati a basso reddito

Un rapporto, reso pubblico alla fine di marzo, fa luce sulle condizioni di prestito richieste dal più grande paese finanziatore del mondo verso i paesi a basso reddito, scrive nella sua rubrica Julien Bouissou, giornalista di “Le Monde“.

Ricercatori americani e tedeschi hanno appena trovato un tesoro. Hanno portato alla luce, dalle profondità di Internet e degli archivi governativi, un centinaio di accordi di prestito tra la Cina e ventiquattro paesi a basso reddito, tra il 2000 e il 2020, per un totale di 36,6 miliardi di dollari (31 miliardi di euro). Questi documenti valgono il loro peso in oro perché si sa poco sulle condizioni di prestito richieste dal più grande paese creditore del mondo, che sono state oggetto di molti studi, o meglio, è vero, di molte speculazioni.

Alcuni sostengono che il debito cinese è una trappola progettata per ottenere concessioni geostrategiche nei paesi a rischio di bancarotta, altri che dà ossigeno ai paesi poveri abbandonati dai creditori. Il rapporto di quattro centri di ricerca, tra cui il laboratorio AidData dell’American College of William & Mary, il Center for Global Development e il Peterson Institute for International Economics, entrambi con sede a Washington, e il tedesco Kiel Institute for the World Economy, dovrebbe alimentare le discussioni tra i paesi del G20. Si riuniscono questa settimana per discutere, tra le altre cose, la questione del debito dei paesi poveri, che è aumentato pericolosamente dall’inizio della crisi economica legata alla pandemia di Covid-19.

Secondo il rapporto “How China Lends”, pubblicato alla fine di marzo, i creditori cinesi stanno redigendo clausole di riservatezza che vanno ben oltre i requisiti solitamente richiesti dai paesi creditori o dalle banche di sviluppo. Non solo i termini dei prestiti devono rimanere riservati, ma anche gli importi dei prestiti. Questa riservatezza pone seri problemi di trasparenza, poiché i governi devono nascondere ai loro contribuenti le somme che questi dovranno prima o poi rimborsare. Questa opacità complica anche le procedure di ristrutturazione collettiva del debito. Come possono i creditori di un paese sull’orlo dell’insolvenza valutare la sua solvibilità o la sua capacità di ripagare se gli mancano alcune informazioni?

RICHIESTE INSOLITE

Fuori dalla vista degli altri creditori, Pechino sta facendo altre richieste insolite. Tre quarti dei loro contratti includono una clausola di non partecipazione alle ristrutturazioni del debito realizzate dal Club di Parigi. Nel corso degli anni, questo club di grandi nazioni creditrici aveva pazientemente sviluppato una serie di regole per coordinare i piani di ristrutturazione o cancellazione del debito, una delle quali è quella di non favorire un creditore rispetto ad un altro. La Cina ha fatto saltare questo principio di equità, che le permette di esigere che i suoi debitori siano rimborsati per primi in caso di problemi.

Avrà cambiato recentemente la sua posizione quando si è impegnato, nel novembre 2020, ad aderire al quadro comune di ristrutturazione del debito dei paesi poveri istituito dai paesi del G20? I ricercatori dubitano della sincerità di questo approccio. Dicono che molti creditori cinesi potrebbero eludere il quadro comune sulla base del fatto che sono solo istituzioni commerciali private, non “creditori ufficiali” che dipendono dallo stato.

Infine, la Cina ha usato il debito come strumento di potere. La metà degli accordi firmati dalla China Development Bank prevedono che qualsiasi azione dannosa per una “entità della Repubblica Popolare Cinese” nel paese debitore in questione potrebbe far scattare il rimborso anticipato del prestito. C’è anche una clausola che stabilisce che la violazione delle relazioni diplomatiche equivale a un’inadempienza. E il 90% degli accordi esaminati nel rapporto permettono al creditore cinese di chiedere il rimborso nel caso di un significativo cambiamento politico o legale nel paese debitore. Mentre il fenomeno della “trappola del debito” è stato senza dubbio ingigantito, la diplomazia cinese del debito è una realtà.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore