Mondo

Come la Cina s’intrufola in Africa anche nelle tv

di

StarTimes
(180715) -- NAIROBI, July 15, 2018 (Xinhua) -- StarTimes employees install the satellite television device at the Likii village in the central Kenyan county of Laikipia, July 3, 2018. TO GO WITH Feature: Kenyan rural communities relish world cup season thanks to China-sponsored digital television platform. (Xinhua/Jin Zheng) (zcc)

L’approfondimento di Giuseppe Gagliano sulla crescente influenza cinese in Africa attraverso la pay tv StarTimes

Qualche settimana la StarTimes, uno dei più importanti fornitori di servizi di pay tv cinese, ha posto in essere un rilevante investimento di quasi 2 milioni di dollari con l’obiettivo di sviluppare la produzione di contenuti locali in Kenya e, in particolare, la Rembo TV keniana.

Ebbene, dando per scontato che un tale investimento non nasce con finalità altruistiche, dobbiamo domandarci quale reale obiettivo abbia la StarTimes in Africa tenendo conto che le imprese cinesi investono a livello globale, e soprattutto in Africa, all’interno di una precisa logica di espansione economica incoraggiata e sostenuta dal governo centrale di Pechino.

La proiezione di potenza economica e politica cinese in Africa passa infatti anche attraverso il controllo della digitalizzazione in funzione in primo luogo anti europea e in secondo luogo attraverso la marginalizzazione di quella sudafricana.

Un colossale mercato di cui la StarTimes cinese intende appropriarsi per combattere contro i suoi storici rivali Canal+ francese e il MultiChoice sudafricano.

Vediamo di ricostruire in breve l’ascesa della StarTimes.

In origine, nel 2006, le antenne analogiche prosperavano ancora sui tetti africani. Le Nazioni Unite avevano appena annunciato la graduale attuazione del digitale. I paesi africani avevano quindi tempo fino al 2015 per prendere accordi.

Pang Xinxing, un imprenditore cinese di 49 anni all’epoca, comprende gli enormi vantaggi economici. Questo ex leader della televisione pubblica cinese cerca di imporre invano le sue apparecchiature di telecomunicazione per quasi vent’anni in un mercato cinese già saturo.

La digitalizzazione del continente africano, potrebbe costituire un vantaggio economico fondamentale. In questo mercato, il magnate dei media ha un argomento solido a suo sostegno: il prezzo del suo pacchetto digitale. Un abbonamento da 4 dollari, quando gli operatori già presenti chiedono fino a 70 dollari.

Il Ruanda è il primo ad accettare l’ offerta di StarTimes nel 2007. Questo pacchetto comprende 30 canali, inclusi i canali locali, Al Jazeera e 4 canali pubblici cinesi. Successo immediato ed effetto domino in Africa. Nigeria, Tanzania, Sudafrica, Repubblica Democratica del Congo e presto trenta paesi si uniscono alla rete nell’arco di 10 anni.

Parallelamente, il presidente cinese Xi Jinping lancia nel 2015 un importante progetto riguardante l’installazione di apparecchiature televisive in Africa. Come suggerisce il nome, “10.000 progetti di villaggi” ha l’obiettivo di dotare 10.000 villaggi svantaggiati di televisione digitale gratuita, precedentemente riservata a un’élite africana. Ebbene, guarda caso proprio la StarTimes diventerà la prima sponsor di questo progetto.

Non sorprende che lo stesso Xi Jinping elogi l’iniziativa, che consente alle aree remote di catturare onde a lunga distanza, come alcuni canali di Pechino. Come segno di riconoscimento, le bandiere cinesi sono dipinte sulle pareti dei villaggi interessati dall’operazione.

Non si fanno attendere le reazioni. In Senegal e in Ghana, ad esempio, la riluttanza politica e le critiche indicano presto la pericolosità del dinamismo del gruppo. “L’agenda di StarTimes include una strategia per assumere il controllo dello spazio di trasmissione in paesi africani strategici come il Ghana”, dichiara l’associazione indipendente di emittenti del Ghana (Giba) in una nota. Secondo l’organizzazione, StarTimes ha goduto di un vantaggio competitivo nei “10.000 progetti di villaggi” in cui erano coinvolti 300 villaggi del Ghana.Insomma concorrenza sleale.

Ma la presa del gruppo cinese si intensifica. In Zambia, StarTimes costituisce una joint venture con il gruppo televisivo pubblico Znbc. L’accordo consente al gruppo di Pang Xinxing di essere un azionista del 60% nella televisione pubblica dello Zambia per 25 anni. Per la prima volta, StarTimes ha acquisito potere decisionale su un canale pubblico straniero.

Situazione simile in Tanzania. Per inciso, i due paesi si indebitano con Exim, una banca statale cinese. In particolare lo Zambia per 271 milioni di dollari.

L’agenda di StarTimes integra la strategia per assumere il controllo dello spazio di trasmissione nei paesi strategici africani.

Inoltre, StarTimes è l’unica società audiovisiva cinese privata ad avere un diritto specifico di operare all’estero attraverso il Ministero del Commercio cinese.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati