Mondo

Leonardo-Finmeccanica, Ferrero e non solo. Tutte le aziende che andranno con Di Maio in Cina

di

shanghai ciie

Leonardo (ex Finmeccanica, Ferrero, De Longhi, Ferretti Yacht, Dolce & Gabbana e altre 90 tra piccole e medie imprese. Chi ci sarà (con Di Maio) al CIIE (China International Import Expo) di Shanghai in Cina. Fatti, nomi e approfondimenti

 

Da Leonardo (ex Finmeccanica) a Pastificio Riscossa, da Ferrero a Maserati e non solo: saranno oltre 160 le aziende italiane che prenderanno parte alla seconda edizione del CIIE, il China International Import Expo, che si terrà a Shanghai dal 5 al 10 novembre 2019. L’obiettivo: entrare (o riconfermarsi) in un mercato difficile dalle potenzialità enormi.

A partecipare in Cina alla Fiera anche il Ministro degli Esteri, Luigi di Maio, che nelle prossime ore prenderà parte anche ad una cena di benvenuto offerta dal presidente cinese Xi Jinping ai capi di Stato e di governo.

LA MANIFESTAZIONE

Il China International Import Expo, alla sua seconda edizione, rappresenta la porta di ingresso nel mercato cinese, la possibilità per le aziende di tutto il mondo e dei più svariati settori di promuovere i propri prodotti di fascia alta sul mercato cinese. L’evento vanta anche in questa seconda edizione questi partner internazionali: l’Organizzazione Mondiale per il Commercio (WTO), il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), la Conferenza sul Commercio e lo Sviluppo delle Nazioni Unite (UNCTAD), l’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO), l’Organizzazione per lo Sviluppo Industriale delle Nazioni Unite (UNIDO) e il Centro per il Commercio Internazionale (ITC) di Ginevra.

UNA NUOVA POLITICA CINESE

La manifestazione rispecchia il nuovo corso della politica economica inaugurata dal presidente Xi Jinping, che si prefigge l’obiettivo di una maggiore apertura alle imprese straniere interessate al mercato asiatico.

DI MAIO A SHANGHAI PER IL CIIE

A rappresentare l’Italia a Shanghai, dove l’Italia è Paese Partner, ci sarà Di Maio (il cui capo di Gabinetto alla Farnesina è Ettore Francesco Sequi, ex ambasciatore d’Italia a Pechino). Di Maio, secondo quanto comunicato dalla Farnesina, ha già incontrato oggi il Consigliere di Stato e Ministro degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese, Wang Yi. I due si sono impegnati a “favorire lo sviluppo di iniziative congiunte in Cina e nei mercati terzi e a rimuovere le barriere tariffarie e non tariffarie per semplificare l’accesso al mercato cinese dei prodotti italiani”.

UNA CENA CON XI JINPING

In serata, invece, Luigi Di Maio parteciperà, in via straordinaria, anche alla cena di benvenuto offerta dal presidente cinese Xi Jinping ai capi di Stato e di governo (sarà presente anche Emmanuel Macron). L’invito sarebbe arrivato direttamente dal presidente Xi Jinping.

LA PRESENZA ITALIANA

Le vere protagoniste delle manifestazione e di questa sei giorni saranno le aziende italiane: saranno oltre 160 ed occuperanno uno spazio di 6.671 metri quadrati, dedicati in particolare ai settori trainanti del Made in Italy: auto, moda, lusso, mobili ed altro ancora.

LE AZIENDE ITALIANE CHE PARTECIPERANNO

Tra le aziende di primo piano che non hanno, in realtà, alcun bisogno di presentazione in Cina ci saranno gruppi e marchi come Leonardo (ex Finmeccanica), l’italo-americana Fca in via di fusione con Psa, Maserati, Alfa Romeo, De Longhi, Ferretti Yacht (il cui pattugliatore veloce FSD 195 è approdato in Cina già da diversi giorni) e Ferrero.

A cercare riscatto, dopo lo scandalo della campagna promozionale per il mercato cinese dello scorso anno, è Dolce & Gabbana, uno dei marchi più noti della moda nostrana.

Tra i partecipanti anche Pharsmart Srl, azienda del settore dei prodotti cosmetici, integratori e apparecchiature medicali.

LEONARDO IN CINA

Tra chi non ha bisogno di alcuna presentazione in quel di Cina è Leonardo, attivo nella regione con una società locale interamente di proprietà con sede a Pechino e due uffici di rappresentanza a Pechino e Shanghai. La società italiana ha contribuito allo sviluppo dei settori dell’aviazione generale e dell’aeronautica in Cina, con oltre 70 radar per il controllo del traffico aereo installati nei principali aeroporti cinesi. Attualmente, oltre 130 elicotteri Leonardo volano in Cina, impiegati in importanti settori.

90 PICCOLE E MEDIE IMPRESE AL CIIE

Non ci saranno solo big a Shanghai. La Fondazione Italia Cina, insieme ad Aice e Camera di Commercio Italo Cinese, accompagneranno nella Repubblica Popolare Cinese ben 90 aziende, tra cui: Anacleto Mariani Srl; Aprile Spa; Apulia Vending; Arch Srls; Artsana: Assegnatari Associati Arborea: Bioforma Benessere Per Dormire Srl; Casa Oilio Sperlonga Spa; Cmd Engine; Coop Lombardia Italian Cooperative’s; Trade Srl; Cooperativa Ceramica D’imola; Federazione Anie; Furlog Srl; Gruppo Desa; Gsd Sistemi E Srvizi Scarl;  Imq Spa; Incontra Srl; Isc Italy Srl; Italian Spirit Adv Srls; Italray; Jas; Landino Srl; Martinorossi Spa; Mc Srl; Mercury: Living Srls; Mercury Service Srls; Metal Far Srl; Mirato Spa; Modiano Industrie Carte Da Gioco E Affini Spa; Mongetto; Soc. Coop; Olearia Clemente Srl; Rie; Savini Tartufi; Savino Del Bene; Shardana Must Srls; Signature Srl; Sino Eu Link Srl; Tenuta Santa Lucia Ss; Wallrose / Villa Remotti; Zenit Italia Srl; Bio Botanical Srl; P.D.T. Cosmetici Srl; Calceviva Snc Carbotti; Gst Gruppo Sviluppo Tessile; Red Factory Di Enrico Stella; T&T Tardia Textile Project Srl; Ve.Han. Fashion Srl; Md Group Srl; Natuzzi Spa; Gimel; Aziende Agricole Di Martino Sas; Perche’ Ci Credo Sas; Sudalimenta Srlu; Conserve Alimentari Futuragri; Caricato Factory; Azienda Agricola Spagnoletti Zeuli Onofrio; Bioorto Soc. Coop. Agr.; Merak Spirits & Drinks; Consorzio Produttori Vini Di Manduria; Pastificio Riscossa; Nicchia Srl; Cantine Polvanera; Oropan Spa; Winecantogroup Srl; Oilalà; Rosso Gargano.

NON SOLO ITALIA AL CIIE

E conquistare il mercato cinese non è certo cosa facile per l’Italia. Alla manifestazione, il nostro Paese è ospite d’onore, insieme a 16 altri Paesi: Francia, Russia, Repubblica Ceca e Grecia per l’Europa, India, Malesia, Thailandia, Kazakhstan, Uzbekistan, Giordania e Cambogia per l’Asia, Perù e Giamaica per l’America, e Zambia per l’Africa.

E a partecipare alla manifestazione saranno 170 Paesi e territori (erano 130 nel 2018).

LA PRESENZA USA

Nonostante la guerra commerciale in corso tra Usa e Cina, alla manifestazione parteciperanno ben 192 aziende a stelle e strisce (in aumento del 18% rispetto alla scorsa edizione). Obiettivo vero della Cina, come più volte dichiarato in questi mesi, sarà aumentare le sue importazioni dagli Stati Uniti?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati