skip to Main Content

Che cosa sussurrano gli economisti a Macron su energia e pensioni

SUdan

I consigli di un comitato di economisti presieduto da Olivier Blanchard e Jean Tirole a Emmanuel Macron sulle pensioni e non solo

 

Il rapporto sulle “grandi sfide economiche” della Francia, scritto dall’ex funzionario del FMI Olivier Blanchard e dall’economista premio Nobel Jean Tirole, cerca di delineare il dopo crisi sanitaria.

Affrontare l’uscita dalla crisi sanitaria, proiettandosi nel futuro. Tre giorni dopo il primo turno delle elezioni regionali il cui risultato ha avuto l’effetto di uno schiaffo al suo partito, e poco prima di ricevere Ursula von der Leyen, la presidente della Commissione europea, venuta ad annunciare il via libera di Bruxelles al finanziamento di una parte del piano di rilancio francese, il capo dello Stato ha ricevuto, mercoledì 23 giugno, un rapporto sulle “grandi sfide economiche” del paese.

Scritto sotto la supervisione di Olivier Blanchard, ex capo economista del Fondo Monetario Internazionale (Fmi) e professore al Massachusetts Institute of Technology (MIT), e Jean Tirole, vincitore del Premio Nobel per l’Economia 2014 e professore alla Scuola di Economia di Tolosa, questo documento di più di 500 pagine presenta raccomandazioni su tre temi: cambiamento climatico, riduzione delle disuguaglianze e adattamento all’invecchiamento della popolazione.

Dopo quello della Commissione Arthuis sul debito a metà marzo, e poi quello della Corte dei conti sulle finanze pubbliche, il 15 giugno, questo rapporto è l’ultimo di una serie di lavori di esperti economici di cui Emmanuel Macron ha voluto avvalersi mentre entra nell’ultimo anno del suo mandato quinquennale.

“PROCRASTINAZIONE POLITICA”

Risulta difficile – leggiamo su Le Monde – stabilire cosa il capo dello Stato potrebbe concretamente utilizzare. Sia perché il tono del rapporto rimane chiaramente accademico, sia perché l’Eliseo è particolarmente riservato sulla sua utilizzazione, accontentandosi di accogliere “un contributo importante al dibattito pubblico”. “Questo non è affatto il rapporto Attali [presentato a Nicolas Sarkozy nel 2008], che forniva conclusioni preconfezionate. Qui stiamo parlando di un dogma economico”, giustificano.

“Sui nostri tre argomenti di studio, gli effetti della procrastinazione politica sono differiti nel tempo, il che permette di non adottare misure che causano tensioni, come un prezzo sufficiente per il carbonio, o un aumento dell’età pensionabile”, dice il signor Tirole, che specifica l’importanza di “pensare all’accettabilità delle riforme”.

Con la partecipazione di ventisei economisti internazionali, la commissione riunisce sia francesi come Jean Pisani-Ferry e Philippe Aghion, che hanno ispirato il programma economico di En Marche nel 2017, sia Laurence Boone, capo economista dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ed ex consigliere di François Hollande. Ma anche l’americano Larry Summers, segretario al tesoro sotto Bill Clinton, o Paul Krugman, premio Nobel 2008 per l’economia, inquadrato a sinistra.

Istituita nel maggio 2020, alla fine del primo confinamento, la commissione doveva inizialmente consegnare le sue raccomandazioni alla fine dell’anno scorso, ma la ricaduta sanitaria e i riconfinamenti che ne sono seguiti hanno imposto diversamente.

Il rapporto vuole essere ampio e lungimirante, perché “le difficoltà strutturali che esistevano prima della Covid-19 sono ancora con noi e sono state spesso aggravate dalla pandemia.” Tuttavia, gli esperti non offrono quasi nessuna proposta innovativa o eterodossa, né cifre precise.

UNA TASSA SUL CARBONIO ESTESA

Per quanto riguarda la transizione ecologica, chiedono un’estesa tassa sul carbonio per le abitazioni e i trasporti, di cui “tutte o parte” delle entrate sarebbero destinate alle famiglie modeste, potenziali sfavoriti del sistema.

Sul capitolo delle disuguaglianze, gli autori insistono sulla necessità di rafforzare le pari opportunità – un tema caro al candidato Macron nel suo programma del 2017 -, e di lottare contro la bassa mobilità sociale in Francia, per permettere l’accesso a lavori di qualità. “Sull’educazione, dobbiamo mettere dei soldi ed essere pronti a spendere di più [per i meno avvantaggiati]”, dice Blanchard, ricordando la necessità di sviluppare la formazione professionale e l’apprendistato e di collegare meglio il lavoro del Pôle emploi con le esigenze delle imprese. Il rapporto sostiene la tassazione minima delle multinazionali attualmente in discussione all’Ocse, in nome di una “tassazione più equa”. Lascia però da parte il dibattito sulla tassazione dei più ricchi. “Una tassa di solidarietà, eccezionale, non è impensabile”, dice il signor Blanchard.

La commissione si pronuncia a favore di una riforma della tassazione delle successioni e delle donazioni. Riaperto invano all’inizio del quinquennio dalla maggioranza parlamentare, plebiscitato dagli economisti in nome della lotta contro le disuguaglianze di nascita, questo dossier estremamente delicato perché ampiamente impopolare – anche negli ambienti più modesti – era stato ogni volta chiuso da parte del capo dello Stato in nome della esasperazione fiscale.

“Proponiamo un sistema basato sui beneficiari: una tassa a tassi crescenti su tutti gli importi cumulativi ricevuti da una persona (donazioni, eredità, ecc.) durante la sua vita. E questo, con un’indennità elevata, per permettere alla classe media di trasmettere la ricchezza ai loro figli senza tasse”, dice Stefanie Stantcheva, professore ad Harvard e membro della commissione. Deplora un sistema attuale che è “molto miope”. Distribuendo i trasferimenti nel corso della vita, i contribuenti più ricchi possono in gran parte sfuggire alla tassazione [rimanendo al di sotto delle soglie imponibili]. Le entrate di una tale riforma sarebbero “esplicitamente destinate ad aiutare i giovani svantaggiati”, dice Blanchard.

Il rapporto critica anche le esenzioni fiscali per i trasferimenti delle assicurazioni sulla vita e mette in discussione il principio delle scappatoie fiscali in generale.

TENERE CONTO DELLE DIFFICOLTÀ

Infine, nel capitolo sull’invecchiamento, il rapporto dedica molta attenzione al tema delle pensioni, attualmente in discussione nell’esecutivo.

Critica il sistema attuale, “complesso e incomprensibile”, e chiede un sistema unificato e più equo. L’idea degli autori: ripartire dalla versione 2020, “a punti”, della riforma, scaturita dal rapporto Delevoye che ha stabilito un'”età di equilibrio” per la pensione e posticipato da 62 a 64 anni le uscite a aliquota piena.

Ma la commissione suggerisce di indicizzare le pensioni sui salari, piuttosto che sui prezzi e di rendere il sistema a punti più leggibile. Propone anche di ampliare la finestra di opportunità per la pensione completa, in modo che gli anziani possano lavorare più a lungo se lo desiderano. Infine, raccomanda di prendere in considerazione le difficoltà, i bassi salari e le carriere parziali, utilizzando un sistema di “punti liberi”.

In ogni caso, riaprire un tale progetto sarebbe “impossibile prima delle elezioni”, dice l’economista Axel Börsch-Supan, direttore dell’Istituto Max-Planck di Monaco. “Bisogna preparare una riforma delle pensioni. Non è un processo rapido.”

Per quanto riguarda le finanze pubbliche, infatti, “non c’è nessuna crisi del debito”, sostiene Olivier Blanchard, per il quale “se facciamo investimenti che aumentano la crescita, possiamo permetterci di espandere il debito”. “Siamo realistici: anche con l’austerità fiscale, ridurremmo il debito pubblico dal 120% al 115% del PIL [prodotto interno lordo] solo in cinque anni. Il gioco non vale la candela”, ha detto.

“Dobbiamo prestare attenzione ai danneggiati dalle riforme”, insiste Jean Tirole. Tante osservazioni sotto forma di avvertimento per il capo dello Stato, dieci mesi prima di un’elezione presidenziale molto incerta.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione) 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore