skip to Main Content

Che cosa si aspetta Bruxelles dal nuovo governo tedesco

Germania

Mancano pochi giorni al passaggio di testimone da Angela Merkel a Olaf Scholz ma Bruxelles, scrive El Pais, già si rallegra. Ecco perché

 

Non esiste il vuoto in politica e la cancelliera tedesca Angela Merkel sta per dimostrarlo, scrive El Pais. Mancano ancora pochi giorni al passaggio di testimone al prossimo cancelliere, Olaf Scholz, ma Bruxelles si rallegra già della prospettiva di un nuovo governo marcatamente europeista e molto più ambizioso del precedente in termini di politica comunitaria. La fine dell’era Merkel segna l’inizio di un nuovo rapporto tra Berlino e Bruxelles e mette fine a tre decenni di crisi in cui la Cancelliera uscente ha spesso agito più come un peso che come una forza trainante.

Le autorità dell’Ue non hanno aspettato il cambiamento per farsi una prima impressione dell’umore del futuro tripartito (socialdemocratici, Verdi e liberali) guidato da Scholz. Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, si è recato a Berlino in ottobre per incontrare sia il futuro cancelliere della Spd che i leader dei suoi alleati, Annalena Baerbock e Robert Habeck per i Verdi e Christian Lindner per i Liberali.

“La prima impressione è chiara: in Germania ci sarà un governo con un’agenda europeista”, sintetizza un alto funzionario europeo parlando dei primi contatti con le personalità che assumeranno a breve la guida del paese. La stessa fonte è “ottimista” sull’arrivo di un governo che potrebbe essere decisivo per superare la crisi sanitaria ed economica causata dal Covid e “che tutti sono d’accordo che segnerà una svolta nella Ue”.

La leadership socialdemocratica del nuovo governo, sostenuta dai Verdi come terzo partito dopo le elezioni di settembre, prevede un riequilibrio delle forze nel Consiglio dell’Ue a favore di un maggior peso delle politiche sociali e ambientali. La presenza nella coalizione dei liberali, il quarto partito alle elezioni, non sembra avere un peso sufficiente per controbilanciare la forza trainante dei due principali partiti della coalizione.

Fonti dell’Ue indicano che Berlino “sarà la chiave per uscire dalla crisi e andare verso la prosperità e un modello socio-economico post-Covid con al centro la lotta contro il cambiamento climatico e la digitalizzazione”. L’impulso di Scholz, finora ministro delle Finanze nella grande coalizione guidata dalla Merkel, sarà anche essenziale per adattare il patto di stabilità alla nuova realtà economica e per completare le riforme che sono state impantanate dalle obiezioni di Berlino, come l’unione bancaria.

“In Germania ci sarà ora un governo desideroso di guidare l’Europa dal fronte, eccome!” si entusiasma il deputato liberale e co-presidente della Conferenza sul futuro dell’Europa, Guy Verhofstadt, in un articolo pubblicato ieri su Politico. Verhofstadt si rallegra del fatto che quello che lui chiama “il freno della Merkel” passerà alla storia, riferendosi in particolare alla riluttanza della Cancelliera a vedere l’Ue fare il massimo per fermare la deriva autoritaria in Polonia e Ungheria.

Lenta reazione in Grecia

Tra le responsabilità della Cancelliera, secondo i suoi critici, ci sarà anche la lenta reazione dell’Ue durante la crisi greca (2010), che sotto la guida di Berlino ha preferito dare una lezione ad Atene piuttosto che porre fine, il prima possibile, agli attacchi speculativi. La débâcle greca ha finito per innescare una crisi del debito in diversi paesi della zona euro, tra cui la Spagna, e le prescrizioni di austerità dettate da Berlino hanno condannato gran parte dell’Europa a una doppia recessione e hanno fatto perdere al Vecchio Continente ancora più terreno economico rispetto agli Stati Uniti.

La Merkel, tuttavia, ha salvato la sua eredità europea durante la crisi pandemica. Ha rapidamente collaborato con il presidente francese Emmanuel Macron per proporre un fondo di recupero multimiliardario che alla fine vedrà la luce e, per la prima volta nella storia dell’Ue, finanzierà le sovvenzioni attraverso l’emissione congiunta di debito. Per la prima volta nei quattro mandati di Merkel, l’asse franco-tedesco è tornato in pista.

“Scholz è stato vice cancelliere durante l’ultimo mandato di Merkel, che ha coinciso con la forte risposta europea alla pandemia”, nota una fonte Ue. La presenza dell’ex numero due a capo del governo fa presagire, secondo la stessa fonte, che Berlino manterrà e probabilmente approfondirà la svolta europeista di Merkel negli ultimi due anni. “Sono sicuro che ci sarà un chiaro impegno europeo”, ha detto un altro alto funzionario dell’Ue.

Constanze Stelzenmüller, specialista di politica dell’Ue alla Brookings Institution, ritiene che “Bruxelles e l’Unione dovrebbero essere rassicurati dall’impegno del cancelliere Scholz per una governance trasformativa”.

Il capitolo Europa dell’accordo di coalizione conferma la diagnosi di Stelzenmüller. “Formeremo un governo che definirà gli interessi tedeschi alla luce degli interessi europei”, promette l’accordo forgiato da socialisti, Verdi e liberali appena due mesi dopo le elezioni che hanno mandato i democristiani di Merkel all’opposizione.

A differenza degli ultimi anni, quando numerose riforme – dall’unione bancaria alla creazione del fondo di salvataggio dell’eurozona – hanno dovuto superare la feroce resistenza di Berlino, il tripartito si impegna a usare tutto il peso politico del più grande partner dell’Ue per spingere la trasformazione del club europeo.

Berlino intende utilizzare la Conferenza sul futuro dell’Europa, un’iniziativa che era stata moribonda a causa della mancanza di entusiasmo nella maggior parte delle capitali, per innescare “una convenzione costituzionale e un ulteriore sviluppo federale dell’Europa”.

L’accordo sembra anche mettere fine al cosiddetto “metodo dell’Unione”, il sistema ideato da Merkel per spostare il motore dell’integrazione dalla Commissione europea al Consiglio, un forum composto dai Presidenti dei governi che opera in modo opaco e con poche o nessuna spiegazione al Parlamento europeo. “Daremo ancora una volta la priorità al metodo comunitario”, nota l’accordo di governo, riferendosi al sistema che restituisce alla Commissione il suo ruolo guida.

I liberali, temperati

Anche l’ala liberale del futuro governo ha temperato il suo euroscetticismo latente degli ultimi anni. Il suo leader e ministro delle Finanze in erba, Christian Lindner, ha già preso le distanze dai cosiddetti frugali, il gruppo di paesi (Paesi Bassi, Finlandia e Austria) che hanno sostenuto Berlino durante gli anni dell’austerità e si sono persino opposti alla creazione del fondo pandemico. “La Germania non può agire come commissario al risparmio”, ha detto in una recente intervista con Der Spiegel.

Guy Verhofstadt non ha nascosto la sua gioia per la possibile resurrezione della Conferenza sul futuro dell’Europa. “Le stelle si stanno allineando per una vera riforma dell’Ue”, dice l’eurodeputato liberale, indicando il semestre di presidenza Ue di Macron (dal 1° gennaio) e la leadership di Mario Draghi in Italia come le pietre miliari di un nuovo triangolo virtuoso che si lascerebbe alle spalle anni di paralisi e tentennamenti.

Tuttavia, Stelzenmüller mette in guardia dall’ottimismo sfrenato. Consiglia a Bruxelles e all’Ue di “guardare molto attentamente come Scholz e la sua squadra affrontano l’inevitabile assalto della realtà, per esempio in Ucraina”, riferendosi al possibile scontro con la Russia. “Se questo governo sarà in grado o meno di plasmare la politica [europea] dipende da questo.”

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore