Mondo

Vi racconto il teatrino tra Bonafede e Di Matteo

di

regioni parlamentari renzi conte

Tranquilli, né Bonafede né Di Matteo lasceranno le loro cariche: resteranno dove sono – al ministero della Giustizia e al Csm – e amici (forse) come prima. Damato racconta l’ultimo teatrino politico e televisivo

Tranquilli, signore e signori del fronte giustizialista come di quello garantista, entrambi attraversati dal brivido dell’imprevista lite a distanza fra il guardasigilli grillino Alfonso Bonafede e quello mancato, sempre sotto le cinque stelle, Nino Di Matteo. E’ lo scontro, naturalmente, consumatosi domenica sera, a giornali ormai chiusi, in quella che Massimo Giletti non vuole chiamare “arena” televisiva, ma che spesso cerca e riesce a realizzare per tirare su gli ascolti e fare contento l’editore Urbano Cairo. Che il conduttore nomina ogni volta che è costretto a interrompere grida e insulti degli ospiti per far passare i lucrosi messaggi pubblicitari.

Né Bonafede né Di Matteo, in ordine rigorosamente alfabetico, rimetteranno i loro posti, rispettivamente, di ministro della Giustizia e di consigliere superiore della magistratura: l’uno accusato dall’altro di avergli offerto quasi due anni fa la direzione di tutte le carceri italiane e di averci ripensato, ripiegando sulla proposta di fare il direttore degli affari penali del dicastero di via Arenula, dopo le reazioni troppo forti dei chissà come informati e comunque intercettati boss mafiosi in regime di detenzione durissima.

Bonafede, sorpreso ancora dal rifiuto di Di Matteo di essere con lui quel collaboratore diretto e influente che Giovanni Falcone fu col guardasigilli socialista Claudio Martelli, rimarrà al suo posto, per quanto spiazzato dalla delusione non ancora passata al magistrato più minacciato e protetto d’Italia. La sua difesa è per il presidente del Consiglio un’emergenza in qualche modo paragonabile, per intensità e pericolosità, a quella del coronavirus.

Figuratevi se Giuseppe Conte potrà farsi influenzare dalle opposizioni o dalla solita dissidenza renziana nella maggioranza per mettere in discussione il capo addirittura della delegazione del maggiore partito della coalizione al governo. In soccorso del quale, peraltro, sono intervenuti più o meno rapidamente il capo reggente del movimento grillino Vito Crimi, il suo predecessore e ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il Pd per bocca del vice segretario, e predecessore dello stesso Bonafede al Ministero della Giustizia, Andrea Orlando. Che pure non aveva molto apprezzato, prima dell’emergenza virale, la tentennante e contraddittoria gestione della riforma del processo penale da parte del guardasigilli, una volta scattata il 1° gennaio la ormai miniprescrizione valida sino alla prima sentenza di giudizio.

Di Matteo, dal canto suo, figuratevi se si lascerà tentare dall’idea delle scuse, o addirittura delle dimissioni dal Consiglio Superiore della Magistratura, con tutte le maiuscole dovute, dopo le critiche ricevute dai tre consiglieri “laici” delle 5 Stelle e l’imbarazzo procurato anche ad un collega, per quanto ormai in pensione, del nome, dell’esperienza e del prestigio di Armando Spataro. Che di fronte alle uscite nuove e vecchie di Di Matteo “è rimasto senza parole” in una intervista alla Stampa. Che tuttavia il giorno dopo ha messo a suo agio in un’altra intervista un Di Matteo “per niente pentito”. Contemporaneamente Repubblica ne ha a suo modo condiviso il malumore verso Bonafede titolando in prima pagina sulla “lista segreta” dei 376 fra mafiosi e narcotrafficanti trasferiti negli ultimi 50 giorni dal carcere a casa per ragioni di salute e rischio virale.

Imbarazzato dalle polemiche, l’amico comune dei due protagonisti e direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio se l’è cavata applicando ad entrambi il nome di uno di loro astutamente separato: Buona fede. E liquidando invece il giorno dopo come “malafede” la difesa di Di Matteo da parte dei forzisti dei “mafiosi” – ha scritto – Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati