Mondo

Che cosa fa l’India sui vaccino anti Covid

di

India covid vaccino
L’articolo del Guardian su progetti e azioni dell’India sul vaccino anti Covid
Essendo il più grande fornitore globale di farmaci e produttore del 60% dei vaccini del mondo, l’India è da tempo conosciuta come la “farmacia del mondo“.
Ora, mentre la frenetica caccia al vaccino Covid-19 sta prendendo piede, il Paese sta giocando un ruolo sempre più strategico e centrale nello sviluppo, nella produzione – e, soprattutto, nella possibile distribuzione futura – di diversi possibili vaccini Covid.
Con oltre 7,5 milioni di casi e circa 115.000 morti, l’India è anche uno dei Paesi più colpiti dal virus, secondo solo agli Stati Uniti.
È già stato raggiunto un accordo tra il Serum Institute of India, con sede nella città di Pune, per la produzione di 1 miliardo di dosi del vaccino Oxford/AstraZeneca, visto come il precursore della corsa al vaccino. In previsione del suo successo, ha già iniziato la produzione di quasi 2 milioni di campioni del vaccino e sta conducendo la fase 3 di sperimentazione clinica umana su migliaia di pazienti distribuiti in 15 hotspot Covid-19 in India.
Questa settimana, il Serum Institute of India ha dichiarato di essere fiducioso che il vaccino AstraZeneca sarà pronto entro dicembre e sarà autorizzato alla distribuzione in India entro marzo – riporta The Guardian.

Adar Poonawalla, il ceo del Serum Institute of India, si è detto “molto ottimista” sul fatto che più di un vaccino di successo sia imminente.
Molti dei dati che ho visto in via ufficiosa in molti di questi vaccini sono molto promettenti e più di tre o quattro vaccini avranno successo molto presto nel prossimo anno“, ha detto Poonawalla.

Il Serum Institute of India, che questa settimana ha iniziato anche gli esperimenti umani su un vaccino intranasale Covid, è solo una delle decine di aziende indiane in corsa per produrre l’ambito vaccino, di cui ci sono quasi 200 tipi diversi sviluppati in tutto il mondo.
Johnson and Johnson, il cui vaccino Covid-19 è anche in fase 3 di sperimentazione clinica, ha stretto un accordo con l’azienda farmaceutica indiana Biological E per produrre fino a 500 milioni di dosi in caso di successo.

Bharat Biotech, una società farmaceutica con sede a Hyderabad, ha un accordo per la produzione di 1 miliardo di dosi del vaccino intranasale dell’Università di Washington, ora in fase di sperimentazione clinica, e il gigante farmaceutico indiano Dr Reddy’s ha un accordo per fare una fase 2/3 di sperimentazione umana in India del controverso vaccino russo Sputnik e produrre quindi 100 milioni di dosi. Ci sono anche almeno una dozzina di vaccini indigeni in fase di sviluppo in India.

Tutto questo pone l’India, e quindi il sud del mondo, in una posizione strategica e potente in termini di distribuzione del vaccino, in particolare a livello nazionale e nei paesi non occidentali. Poonawalla  ha detto che “il 50% della quantità che produciamo sarà conservato per l’India e il resto andrà ai paesi a basso e medio reddito“.

Per avere la capacità di produrre centinaia di milioni di vaccini Covid promessi, la Poonawalla ha detto che la società interromperà la produzione di altri vaccini destinati agli Stati Uniti e all’Europa, come il morbillo, la parotite, la rosolia e l’epatite B, anche se li fornirà comunque ai paesi in via di sviluppo.

Mahima Datla, l’amministratore delegato di Biological E, che produrrà il vaccino Johnson e Johnson, ha adottato un approccio diverso e ha dichiarato che l’azienda è impegnata nell’alleanza per il vaccino Covax, sottoscritta da 135 paesi, che spingerà per un approvvigionamento e una distribuzione equa del vaccino.

Non abbiamo mai preso decisioni di compromesso tra le esigenze di vaccino dell’India e le organizzazioni globali come l’Unicef“, ha dichiarato Datla. “Finora non abbiamo alcun obbligo di riservare una certa quantità di vaccino all’India“. “Ma in futuro, potrebbe esserci un gap tra domanda e offerta che potrebbe metterci in quella posizione“.
Eppure l’ironia è che mentre l’India è una delle più grandi nazioni produttrici di vaccini al mondo, deve affrontare una delle più grandi sfide globali per immunizzare i suoi 1,3 miliardi di persone.

L’India ha un programma di immunizzazione altamente efficace per i neonati e le donne incinte, ma non c’è nulla in atto per il resto della popolazione, in particolare per gli anziani che sono i più vulnerabili al coronavirus. Il sistema sanitario, già sovraccarico, è stato spinto al punto di rottura dalla pandemia in molte aree e alcune zone dell’India rurale hanno a malapena accesso all’assistenza sanitaria.

L’India, che soffre di un caldo estremo, è anche priva di strutture adeguate per la catena del freddo, che garantiscano che il vaccino sia mantenuto refrigerato, e quindi efficace, fino al momento della somministrazione. Alcuni dei vaccini in fase di sviluppo potrebbero dover essere conservati fino a -70°C.

C’è anche la questione dei costi. L’Istituto del siero ha detto che si aspettava che il vaccino costasse circa 5 dollari (3,80 sterline). Con il governo indiano che mira a far immunizzare 250 milioni di persone entro luglio 2021, significa che dovrà raccogliere 1,25 miliardi di dollari per coprire i costi.
Le complicazioni in India saranno fenomenali“, ha detto Gagandeep Kang, un professore indiano di microbiologia che è membro del comitato consultivo globale dell’OMS sulla sicurezza del vaccino. “La preoccupazione principale è la scala e la tracciabilità – come si fa a sapere chi ha ottenuto il vaccino e chi no – e il fatto che le condizioni di conservazione necessarie sono ancora un’incognita“.

Eppure Kang ha detto che in India si annida una minaccia ancora più preoccupante, quella di un virulento movimento anti-vaccino che negli ultimi cinque anni aveva già raccolto un forte impulso nei villaggi rurali contro il vaccino contro il morbillo, la parotite e la rosolia. Kang ha detto di essere stato testimone di come le cospirazioni contro il vaccino si siano diffuse a macchia d’olio nei messaggi di WhatsApp scritti in lingua locale, che sono stati molto difficili da contrastare. “Mi preoccupa il fatto che più tempo ci vorrà perché un programma di vaccinazione Covid-19 si diffonda in India, più teorie di cospirazioni contro il vaccino e resistenza dovremo affrontare“, ha detto Kang.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati