Mondo

Che cosa cela la grazia di Mattarella a Bossi? I Graffi di Damato

di

Bossi

Mattarella ha concesso la grazia al senatore Bossi risparmiandogli l’anno e quindici giorni da scontare ai servizi sociali per la condanna definitiva avendo vilipeso l’allora capo dello Stato, Napolitano, negli ultimi giorni del 2011

Per quanto malmessa, la politica è ancora capace di riservare qualche bella sorpresa, specie quando dai piedi dei partiti e delle piazze essa passa nelle mani degli uomini ai vertici delle istituzioni, stavolta in quelle del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Che non ha esitato a concedere la grazia al senatore Umberto Bossi, l’ormai vecchio — e malandato pure lui — fondatore della Lega, risparmiandogli l’anno e quindici giorni da scontare ai servizi sociali per la condanna definitiva rimediata nell’autunno scorso, avendo vilipeso l’allora capo dello Stato Giorgio Napolitano negli ultimi giorni del 2011. Allora gli aveva dato del “terrun” in un comizio nel Bergamasco, lasciando o addirittura incoraggiando l’uditorio a fischiare e spernacchiare il Presidente, con la maiuscola dovutagli anche per dettato costituzionale. La si ritrova infatti in tutti gli articoli della Costituzione in cui si parla di lui.

Il senatore ha avuto il buon senso e l’umiltà, una volta processato e condannato, di scusarsi e di chiedere la grazia, senza stare lì a discutere dell’articolo del codice penale, contestato invece da altri, e forse qualche volta pure da lui, a tutela della onorabilità del capo dello Stato. Napolitano, ormai presidente emerito della Repubblica e senatore pure lui, ma di diritto e a vita, si è affrettato a dare il suo consenso, non avendo motivo — ha detto — di risentimento per il fondatore ormai del più antico partito rappresentato in Parlamento. Lo è diventato dopo la scomparsa di tutti gli altri un po’ per suicidio — bisogna ammetterlo, visti gli errori compiuti — e un po’ perché ghigliottinati dalle Procure della Repubblica nella bufera di Tangentopoli. Dove pure la Lega, a dire la verità, lasciò qualche impronta, ma essendo ancora in culla fu risparmiata quanto meno dalla giustizia mediatica, a volte più feroce ancora di quella ordinaria, diciamo così. Forte anche di quella generosità, poi Bossi si sarebbe lasciato andare in una gestione  un po’ troppo familistica del suo partito, con annesse e connesse complicazioni giudiziarie.

Va detto, non per assolverlo ma per comprenderlo, che quella sera in cui rimproverò a Napolitano anche il nome che portava qualche ragionamento di risentimento personale Bossi, in fondo, ce l’aveva. Sino a pochi mesi prima egli era ancora ministro delle riforme per il federalismo nell’ultimo governo dell’alleato e ormai amico strettissimo Silvio Berlusconi. Che forse esagera a parlare ancora di colpo di Stato per le dimissioni presentate otto anni fa sull’onda di una gravissima crisi finanziaria, non foss’altro per il volontario concorso dato a quell’epilogo vantandosi del suo successore Mario Monti, sino ad apporre con entusiasmo la controfirma neppure necessaria, in teoria, alla sua preventiva nomina a senatore a vita da parte del presidente della Repubblica: preventiva rispetto al conferimento dell’incarico di presidente del Consiglio all’ex commissario europeo. Ma sicuramente qualcosa si era svolto in modo anomalo in quell’avvicendamento fra un Berlusconi pur deteriorato politicamente di suo dopo la rottura con Gianfranco Fini e un Monti di cui si lodavano il loden che usava indossare e  il fatto che la maggioranza delle mamme tedesche  avrebbe preferito averlo come genero, tanto egli  era riuscito a diventare popolare da quelle parti così sospettose dei conti italiani gestiti dal governo del Cavaliere.

Di quell’anomalia si accorse, e ne avrebbe poi parlato anche un ministro americano del Tesoro riferendo dei contatti avuti in quei tempi burrascosi con gli omologhi dell’Unione Europea.

I maligni, mai inoperosi né nei palazzi del potere né nelle redazioni dei giornali, hanno visto o intravisto nella generosità di Mattarella e del suo predecessore nei riguardi di Bossi qualcosa di somigliante alla nostalgia o alla solidarietà di fronte ai cambiamenti intervenuti nella Lega sotto la guida di Matteo Salvini. Di cui si è appena appresa peraltro la decisione di improvvisare un congresso per commissariare e liquidare la vecchia Lega Nord di cui Bossi è presidente a vita, non si sa, a questo punto, se più sua o del movimento ormai in liquidazione. A pensare male, diceva la buonanima di Giulio Andreotti, si fa peccato ma s’indovina.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati