skip to Main Content

Un esercito per il Pnrr, Giavazzi s’impiccia, lobby anti Draghi, Caltagirone ruggisce contro Donnet

Arnese

Non solo Draghi, Giavazzi e Caltagirone. Fatti, nomi, numeri, curiosità e polemiche. Pillole di rassegna stampa nei tweet di Michele Arnese, direttore di Start

 

CALTAGIRONE VUOLE AZZANNARE IL LEONE DONNET

 

PROVE GENERALI DI ITALIANITA’ PER DONNET

 

FILO DA TORCERE PER DRAGHI DA FILOCINESI E FILOFRANCESI

 

L’ESERCITO DEL PNRR

 

I PIANI DI LETTA

 

MELONI TRA SALVINI E DRAGHI

 

VACCINO ITALIANO?

 

DIEGO & CHIARA PER TOD’S

 

PALLONARI?

 

GIAVAZZI S’IMPICCIA

 

QUISQUILIE & PINZILLACCHERE

 

ESTRATTO DELL’ARTICOLO DI REPUBBLICA SU GENERALI, CALTAGIRONE E DONNET

Generali, atto secondo. Francesco Gaetano Caltagirone, socio della compagnia al 5,6%, non molla sul tema della governance che lo contrappone a Mediobanca e le polveri sempre calde tra i consiglieri del Leone rischiano di incendiarsi ancora.

(…) Il primo atto della vicenda va in scena il 29 aprile scorso, quando Caltagirone, secondo socio del Leone e suo vicepresidente vicario, decide polemicamente di non presentare le proprie azioni all’assemblea chiamata ad approvare il bilancio.

Lo stesso giorno interviene duramente in cda per contestare metodo e merito di una gestione che considera troppo targata Mediobanca, primo azionista con il 12,9%. Nei giorni scorsi (…) Caltagirone ha voluto di nuovo contattare i consiglieri e ha spedito loro una email, con l’obiettivo di sottolineare quello che a suo parere non va nelle Generali e chiedere una discussione approfondita sui problemi rilevati.

Nell’occasione ha anche ipotizzato modelli di governance ben diversi da quelli attuali: in particolare la creazione di un comitato esecutivo dove un numero ristretto di consiglieri avrebbe un potere decisionale più forte, l’introduzione della figura del direttore generale con deleghe attribuite dallo stesso cda, un rafforzamento dei poteri del presidente.

Se ipotesi di questo genere si dovessero concretizzare ne risulterebbe fortemente ridimensionata la figura dell’amministratore delegato, incarico oggi ricoperto da Philippe Donnet, che scadrà tra undici mesi.

(…) Lo scontro tra grandi soci si innesta sulla procedura per la selezione del nuovo consiglio d’amministrazione che dovrà essere votato dall’assemblea degli azionisti nell’aprile 2022 per il triennio successivo. Il nuovo statuto delle Generali prevede che per la prima volta nella storia della compagnia anche lo stesso cda possa presentare una lista per la propria successione.

Questa è la strada scelta da Mediobanca, che negli ultimi decenni ha sempre presentato la lista di maggioranza per il cda da sola o con altri grandi soci del Leone, per dare un assetto più moderno e “di mercato” alla compagnia. Ma Caltagirone contesta la scelta, che a suo parere mantiene un’egemonia di Mediobanca sulle Generali e chiede di discutere di progetti concreti, con gli uomini per attuarli, e non di astratti modelli di governance.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore