skip to Main Content

Cosa è successo in Burkina Faso?

Burkina Faso

Il presidente del Burkina Faso è nelle mani dei militari golpisti. L’articolo di Giuseppe Gagliano

 

Il presidente Roch Marc Christian Kaboré, che è al potere in Burkina Faso dal 2015, è nelle mani dei golpisti militari. Attualmente si trova nel campo del generale Baba Sy, situato nella capitale, vicino allo svincolo di Ouaga 2000, ed è ancora circondato da elementi della sua guardia del corpo.

Anche Allassane Bala Sakandé, presidente dell’Assemblea nazionale, è stata arrestato. È il leader del partito presidenziale Mouvement pour le peuple et le progrès (MPP) ed è stato considerato il secondo classificato di Kaboré per le elezioni presidenziali del 2025.

La residenza del presidente Roch Marc Christian Kaboré è stata l’obiettivo degli spari domenica sera. Secondo alcuni fonti, “c’erano combattimenti”, “gli ammutinati hanno mitragliato la guardia presidenziale” e “ci sono vittime”.

Il blocco regionale dell’Africa occidentale Ecowas afferma che segue con grande preoccupazione l’evoluzione della situazione politica e di sicurezza in Burkina Faso, caratterizzata da domenica 23 gennaio da un tentativo di colpo di stato. Ecowas condanna questo atto estremamente grave.

Questi eventi si sono svolti intorno alle 21:30 ora locale, poiché due veicoli blindati stavano cercando di lasciare l’area. Uno dei veicoli, solitamente utilizzato dalle guardie di sicurezza del presidente, è stato abbandonato dopo essere stato danneggiato dalle violenze. Da allora, il destino del presidente del Faso è stato incerto. Secondo diverse fonti, Roch Marc Christian Kaboré, al potere dal 2015, è stato arrestato. Ma altri da allora hanno negato questa versione e hanno avanzato un altro scenario che sta gradualmente diventando più chiaro. Dopo la sparatoria nella sua residenza, il presidente è stato esfiltrato dalla sua guardia del corpo, composta da gendarmi, ed è ora sotto la loro protezione in un luogo segreto. Si dice che siano in corso discussioni con gli ammutinati.

Ieri sera sono stati tentati negoziati tra il governo e gli ammutinati a casa del Mogho Naba, una potente autorità tradizionale Mossi, e il cardinale Philippe Ouédraogo, ma hanno fallito. “I negoziati non hanno avuto successo e i soldati hanno deciso di risolvere la questione militarmente”.

Le circostanze non sono tuttavia chiare poiché le persone a lui vicine hanno detto ieri che Roch Marc Christian Kaboré era sotto la protezione della gendarmeria. Ora sarebbe nel campo di Karpala a Ouagadougou.

Nelle prime ore di lunedì 24 gennaio, gli spari sono stati nuovamente sentiti nella capitale, in particolare nel distretto di Patte d’Oie, dove si trova la residenza del capo dello stato.

I soldati incappucciati hanno preso posizione di fronte al quartier generale della televisione nazionale.

Ma chi è stato a rimuovere almeno allo stato attuale il presidente del Burkina Faso?L’esercito putschista del Movimento patriottico per la salvaguardia e il restauro [MPSR] . Concretamente il documento dei putschisti afferma: “In considerazione del deterioramento della situazione della sicurezza e della manifesta incapacità del potere di Roch Marc Christian Kaboré di unire il Burkina Faso per affrontare efficacemente la situazione e in seguito all’esasperazione dei diversi strati sociali della nazione, il Movimento patriottico per la salvaguardia e la restaurazione ha deciso di assumersi le proprie responsabilità Il movimento, che riunisce tutte le componenti delle forze di difesa e sicurezza, ha quindi deciso di porre fine al potere di Roch Marc Christian Kaboré il 24 gennaio 2022”.

Il movimento ha immediatamente annunciato la sospensione della Costituzione, lo scioglimento del governo e dell’Assemblea nazionale e la chiusura dei confini terrestri e aerei del Burkina Faso. Ha anche detto che il colpo di stato è avvenuto “senza spargimento di sangue e senza alcuna violenza fisica contro gli arrestati”. Ha promesso che l’MPSR avrebbe presentato “un calendario per tornare all’ordine costituzionale”.

Fino alla fine, Roch Marc Christian Kaboré ha cercato di trovare una via d’uscita per rimanere al potere. Ma il Capo dello Stato conosceva il suo limitato margine di manovra, soprattutto perché dietro gli ammutinamenti scoppiati ieri in diversi campi e caserme del paese, stava emergendo lo scenario per un’azione concertata.
A Emmanuel Macron, Alassane Ouattara o Macky Sall, con cui ha parlato domenica pomeriggio, il presidente burkinabé ha ripetuto la stessa cosa: “Stiamo cercando di gestire la situazione. Abbiamo iniziato a discutere con gli ammutinati e speriamo in un risultato favorevole.”

Dietro le quinte, i negoziati tra i militari stanno progredendo. L’intero esercito, compresa la gendarmeria, presumibilmente fedele a Kabore, sembra radunarsi con i golpisti. Tuttavia è difficile vedere come l’equilibrio di potere possa essere invertito. Contrariamente a quanto sperava poche ore fa, Rosh Kaboré non ci è riuscito. Ora si unisce alla lista – che continua a crescere – dei capi di Stato dell’Africa occidentale rovesciati da un colpo di stato.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore