Mondo

Brexit, che cosa è successo tra May e il Fico d’Oltremanica

di

Theresa May

Il Punto di Daniele Meloni

Con le sue cravatte sgargianti – molto cool britannia anni ’90 – la voce rauca e il tono imperativo con cui grida “Order!” per ristabilire la calma in aula alla Camera dei Comuni, John Bercow si è fatto notare il tutto il mondo, riportando in auge i fasti del Parlamento più antico, Westminster, dopo gli anni del leaderismo blairiano e della coalizione Cameron-Blair.

Ieri lo speaker remainer della Camera dei Comuni, il Fico d’Oltremanica, ha mandato in frantumi i sogni di Theresa May di riproporre per la terza volta il suo Brexit Deal in aula per un’uscita ragionata dello UK dall’Unione Europea. S

econdo Bercow, un precedente storico impedirebbe la riproposizione della stessa mozione ai Comuni senza modifiche sostanziali nel testo. Sembrerebbe un principio assolutamente valido per ogni assemblea legislativa a ogni latitudine, eppure il suo “no” ha innescato una serie di reazioni che hanno portato il conservatore Daily Telegraph a ipotizzare una crisi costituzionale in prima pagina sull’edizione cartacea di oggi.

Il segretario di Stato per la Brexit, Stephen Barclay ha citato parole pronunciate in precedenza dallo stesso Bercow: “Se ci affidassimo solo ai precedenti non cambieremmo mai nulla”. Il governo pare volere andare avanti sulla sua strada, con il premier, Theresa May, che volerà per l’ennesima volta a Bruxelles giovedì per riprendere le discussioni con Jean-Claude Juncker e Michel Barnier. L’ipotesi di un rinvio del termine del 29 marzo per la Brexit prende sempre più forma man mano che si avvicina l’ora x.

Intanto, nella diatriba politica e istituzionale tra i poteri dello stato, fanno capolino i dati rinfrancanti sull’economia britannica: secondo l’Office for National Statistics il numero di occupati nel Regno Unito – 32,7 milioni – è al massimo dal 1971, mentre quello dei disoccupati è sceso di 35mila unità tra novembre e gennaio, attestandosi in percentuale al 3,9%, sotto la media europea del 6,5%. Anche i dati sui salari settimanali sono positivi, con una crescita stimata a +3,4%. La Brexit sarà anche un caos, ma la vita economica degli inglesi non sembra ancora risentirne.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati