skip to Main Content

Barbara Palombelli, la domanda scomoda e la risposta esatta

Palombelli

Il post di suor Anna Monia Alfieri

 

Orbene, siamo in uno studio televisivo, il programma è Forum: per quanto i contendenti siano degli attori, è chiaro che le controversie sono vere, il giudice è titolato e le sentenze sono in punta di diritto. Quindi siamo in un’aula di tribunale e non dobbiamo mai dimenticare che in Italia sino al terzo grado di giudizio vige la presunzione di innocenza. La dott.ssa Palombelli si trovava ad occuparsi di una sentenza che obbligava a porsi delle domande ma, ahimè, domande scomode. Riporto testualmente le sue parole: “Come sapete, negli ultimi sette giorni ci sono stati sette delitti, sette donne uccise presumibilmente da sette uomini. A volte è lecito domandarsi se questi uomini erano completamente fuori di testa oppure c’è stato un comportamento esasperante, aggressivo anche dall’altra parte? È una domanda, dobbiamo farcela per forza, perché in questa sede, in un tribunale, dobbiamo esaminare tutte le ipotesi”.

Figurarsi, fuoco alle polveri…! Io per prima sospendo il giudizio sulle reazioni che reputo legittime e degne di rispetto: donne violentate, avvocati, associazioni, preti, suore, laici, una schiera di eroi che quotidianamente danno la vita per strappare le donne alla violenza forse si sono sentiti traditi proprio da lei, l’emblema del giornalismo serio. E questo credo sia positivo, una conferma del fatto che le persone oggi vedono nei personaggi pubblici (dai politici ai conduttori, dai giornalisti agli artisti) dei punti di riferimento e sanno discernere chi alla forma unisce la sostanza.

Le parole, però, vanno inserite nel loro contesto e, soprattutto, è giusto porsi delle domande, specialmente quelle scomode. La domanda della signora Palombelli è, infatti, molto scomoda ma assolutamente necessaria, perché è una domanda che molti uomini e molte donne hanno nel cuore e nella testa e non la dichiarano. Il non detto è terribile, perché legittima le atrocità più gravi. Non credo affatto che la signora Palombelli giustifichi il femminicidio: anzi, con la sua riflessione ha permesso a tutti quanti di fare un passo avanti, ha sollevato il tappeto e ha reso evidente quella polvere perché sia spazzata per sempre.

Allora la domanda provocatoria che ho colto e intorno alla quale vorrei tanto si aprisse un confronto serio è: “Ancora oggi c’è chi pensa che mettersi una minigonna legittima una violenza, ancora oggi c’è chi pensa che l’aggressività degli uomini derivi dal comportamento esasperante della donna?”. Pensieri diffusi, non dichiarati ma che il nostro silenzio legittima. Mi sento, quindi, di ringraziare la signora Palombelli per aver avuto il coraggio di infrangere il politicamente corretto e farci misurare con una domanda così scomoda alla quale dobbiamo rispondere, non con sdegno, rabbia o violenza ma con un No deciso: la violenza non è mai giustificata. Affinché questo No divenga una realtà, dobbiamo lavorare sull’educazione dei nostri ragazzi, un rispetto che si conquista sui banchi di scuola ma si apprende anche dalle reazioni social di noi adulti.

Pensiamo a Lucia Annibali. Per caso mi sono imbattuta nel 2016 nella sua storia, ho seguito le sentenze, i suoi interventi. E di questa donna che ho avuto l’onore di incontrare per pochi minuti mi ha colpita la bellezza. Una bellezza esteriore che rimanda ad una bellezza interiore, una giovane donna che ha fatto i conti con la vita. La ricostruzione della vicenda di Lucia Annibali mi aveva lasciato un senso di profondo dispiacere: fra le righe emergeva il dubbio che l’aggressore non avesse retto alla pressione che si era creata dalla situazione, una sorta, quindi, di giustificazione dei fatti violenti. In fondo è quella domanda scomoda che, in modo molto più costruttivo, la Palombelli ha lanciato. Come sempre i comportamenti dei singoli fanno la differenza. Lucia, vittima, non ha sollevato una bufera, non ha fatto la vittima, ha capito che in quel momento Lei era un personaggio suo malgrado divenuto pubblico e che poteva dire alle donne: “Si, è vero, mi sono imbattuta in un amore sbagliato ma questo non legittima nessuno a deturparmi il volto con l’acido”. E Lucia ha vinto perché ha saputo rispondere a domande scomodissime con risposte vere che raccontano di una donna che ha saputo fare i conti con la propria realtà.

Allora, la verità qual è? Eccola: dobbiamo essere grati alla dott.ssa Palombelli per aver sollevato domande scomode, certamente, ma che hanno consentito a tutti di affermare, con una rinnovata consapevolezza, il proprio NO a qualsiasi forma di violenza.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore