Mondo

Ecco come e perché le assicurazioni Usa brindano per la pandemia

di

stati uniti coronavirus

Le principali assicurazioni sanitarie statunitensi segnalano grandi profitti, beneficiando della pandemia. Report News York Times

Alcune delle maggiori compagnie, tra cui Anthem, Humana e UnitedHealth Group, stanno registrando guadagni del secondo trimestre che sono il doppio di quelli di un anno fa. E mentre i profitti delle assicurazioni sono limitati dall’Affordable Care Act, con l’obbligo per i consumatori di beneficiare di tali franchigie sotto forma di sconti, nessuno dovrebbe aspettarsi un guadagno immediato – scrive il NYT.

Ma gli importi che gli assicuratori trattengono hanno attirato l’attenzione dell’amministrazione Trump. Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani ha consigliato alle compagnie di prendere in considerazione la possibilità di accelerare gli sconti, e martedì ha suggerito di ridurre i premi per aiutare i consumatori a superare la crisi economica causata dalla pandemia.

Proprio questo mercoledì, CVS Health, che possiede Aetna, ha registrato guadagni molto più alti. CVS, che possiede anche un grande gestore di benefit farmaceutici e una catena di farmacie, ha detto che l’utile netto per il secondo trimestre ha raggiunto i 3 miliardi di dollari, circa 1 miliardo in più rispetto a quanto riportato per lo stesso periodo del 2019, con un fatturato di 65 miliardi di dollari.

Altri hanno già ottenuto risultati da Blockbuster, assicurando che le loro azioni abbiano resistito alle oscillazioni dei mercati. L’utile netto di Anthem è salito a 2,3 miliardi di dollari nel secondo trimestre, da 1,1 miliardi di dollari nel 2019, mentre UnitedHealth ha registrato un utile netto di 6,7 miliardi di dollari, rispetto ai 3,4 miliardi di dollari dello stesso trimestre dello scorso anno.

Anche se molti ospedali sono stati travolti dalle epidemie di coronavirus che infuriano da uno stato all’altro, le assicurazioni  hanno sborsato miliardi di dollari in meno di richieste di risarcimento medico negli ultimi tre mesi perché costosi interventi chirurgici sono stati rinviati in molti luoghi. Inoltre, la gente si è allontanata dagli studi medici e dai pronto soccorso per paura del contagio.

I profitti della pandemia delle aziende sono in netto contrasto con le decine di piccoli studi medici e ospedali rurali che faticano a rimanere aperti. E i guadagni stanno mettendo sotto i riflettori le grandi compagnie di assicurazione in un momento in cui i funzionari governativi di molti stati stanno affrontando enormi deficit di bilancio con il crollo delle imprese, l’aumento della disoccupazione e il crollo delle entrate fiscali.

Alcuni stati stanno discutendo di tagliare i pagamenti alle assicurazioni che offrono piani Medicaid ai loro residenti.

E in questo anno di elezioni presidenziali, la posizione eccessivamente favorevole delle compagnie potrebbe anche riaccendere una discussione tra i Democratici su “Medicare per tutti”, una proposta che sostituirebbe l’attuale sistema sanitario privato con uno governativo che garantisca la copertura per tutti i residenti negli Stati Uniti.

“Stiamo considerando il fatto che l’assistenza sanitaria non può essere regolata dal mercato”, ha detto la rappresentante Pramila Jayapal, la democratica dello Stato di Washington, che è una forte sostenitrice di Medicare for all.

Anche se l’ex vicepresidente Joseph R. Biden Jr., il candidato presidenziale democratico, vincerà a novembre, probabilmente non sarà in grado di spingere per qualcosa di simile a Medicare per tutti. Biden è a favore del rinnovamento dell’Obamacare e dell’offerta di un’opzione pubblica, un’alternativa gestita dal governo alle assicurazioni private.

(Estratto dalla rassegna stampa estera di Epr comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati