skip to Main Content

Quanto sono costate le missioni italiane in Afghanistan? Report

Aereo Kabul

L’impegno militare italiano in Afghanistan si è concluso lo scorso 29 giugno, dopo quasi vent’anni. Ecco costi, finanziamenti e militari coinvolti nelle missioni italiane in Afghanistan

Lo scorso 29 giugno si è conclusa ufficialmente la missione italiana in Afghanistan. “Terminano 20 anni di sforzo nazionale”, aveva dichiarato il ministro della Difesa Lorenzo Guerini, “che hanno visto la dedizione e lo spirito di sacrificio dei nostri oltre 50.000 uomini e donne in divisa che si sono avvicendati in questi lunghi anni e voglio ricordare con gratitudine i 723 feriti e con profonda commozione le 53 vittime italiane che hanno perso la vita al servizio della Repubblica e per portare stabilizzazione e pace in Afghanistan”.

IL RITIRO DEGLI STATI UNITI E DELLA NATO

Il ritiro dell’Italia si unisce a quello di tutti gli altri paesi membri della NATO dopo la decisione del presidente Joe Biden di mettere fine all’impegno militare degli Stati Uniti nel paese, che si concluderà il prossimo 31 agosto.

LA GUERRA IN AFGHANISTAN E I TIMORI DEL RITIRO

La guerra in Afghanistan era iniziata il 7 ottobre del 2001 con l’invasione americana, successiva agli attentati terroristici dell’11 settembre compiuti dall’organizzazione terroristica al-Qaida di Osama bin Laden, sostenuto dal regime talebano che al tempo governava il paese.

L’Emirato islamico cadde dopo un paio di mesi di combattimenti, nel dicembre 2001; bin Laden venne ucciso il 2 maggio del 2011 nel vicino Pakistan. Eppure la guerra non si concluse, ma proseguì – è la più lunga mai combattuta dagli Stati Uniti – per via della resistenza dei talebani, ancora oggi non sconfitti. A disincentivare il ritiro americano era appunto il timore che, in assenza della deterrenza fornita dagli Stati Uniti, i talebani potessero rovesciare in breve tempo il debole governo di Kabul – che dipende dal sostegno militare e logistico americano -, conquistare il potere e riportare di fatto la situazione al punto di partenza.

Questi timori non sono svaniti: anzi, i talebani stanno conducendo un’offensiva nel nord del paese e hanno portato sotto il loro controllo diversi distretti. Le forze armate americane sono preoccupate per il rischio terrorismo. Biden ha motivato il ritiro spiegando che la guerra in Afghanistan non puntava al nation building, cioè alla “costruzione della nazione” afghana e delle sue istituzioni; che non ha senso continuare a inviare “un’altra generazione di americani” a combattere probabilmente per nulla; che gli Stati Uniti devono “affrontare le minacce dove sono oggi”: cioè in Asia, dove si trova la Cina.

LE MISSIONI ITALIANE IN AFGHANISTAN

La missione italiana in Afghanistan era iniziata il 30 ottobre 2001. Il giorno della cerimonia di ammaina bandiera – l’8 giugno a Herat, sede della base italiana – il ministro Guerini ha rivendicato i risultati ottenuti “per la sicurezza internazionale e per la libertà del popolo afghano”, minacciati però dall’avanzata dei talebani.

L’Italia ha partecipato all’operazione statunitense “Enduring Freedom” dal 18 novembre 2001 al 3 dicembre 2006 con compiti di sorveglianza, interdizione marittima e di monitoraggio di traffici illeciti. Ha contribuito anche alla missione ISAF (International Security Assistance Force) delle Nazioni Unite, che puntava a garantire il mantenimento della sicurezza nell’area di Kabul; l’Italia ha detenuto il comando della missione tra il 2005 e il 2006.

La missione ISAF è terminata il 31 dicembre 2014. Al suo posto è subentrata la missione RSM (Resolute Support Mission) per l’addestramento delle forze di sicurezza afghane. Lo scorso 1° maggio è iniziato il piano per il rientro delle forze NATO impegnate in RSM.

Di seguito, i dati divisi per anno della partecipazione di personale militare italiano alle missioni in Afghanistan, estratti da un documento della Camera dei deputati datato 13 luglio 2021.

afghanistan missioni italiane

I COSTI DELLE MISSIONI ITALIANE IN AFGHANISTAN

Nelle tabelle successive, invece, sono riportati i costi delle missioni italiane in Afghanistan e i finanziamenti ricevuti.

Si nota una crescita significativa degli oneri finanziari nel periodo 2009-2011 (coerentemente con l’aumento del personale impiegato): il 2009 è stato l’anno delle elezioni presidenziali, tenutesi il 20 agosto. Dopodiché, un calo netto dal 2014 al 2015.

afghanistan missioni italiane

afghanistan missioni italiane

afghanistan missioni italiane

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore