.Lifestyle / Tendenze, Lifestyle, Mondo

Alibaba e le ostriche della Nuova Zelanda. Come far venire l’acquolina in bocca alla classe media cinese

di

 

In una fredda giornata di aprile, un gruppo di pescatori in Nuova Zelanda si proponeva di raccogliere 50.000 grandi ostriche dalle acque del Pacifico meridionaleUna volta raccolti, i molluschi sono stati trasportati in impianti di trasformazione, imballati, quattro per ogni contenitore. Questi sono stati sigillati in contenitori di polistirolo refrigerati munito di etichettatura luminosa e sono arrivati sulle tavole dei cinesi. 

Nel corso dei tre giorni successivi, le ostriche hanno viaggiato per migliaia di chilometri, per 67 città in tutta la Cina continentale. Lì sono state spedite – ancora vive – da un esercito di fattorini nelle case di migliaia di clienti che le avevano ordinate utilizzando Tmall, un sito web gestito da Alibaba, il gigante dell’eCommerce cinese che in questo mese terrà la sua prima Ipo dal valore ipotizzato tra 160 e 200 miliardi di dollari. La più grande Ipo annunciata della storia della finanza.

Per Alibaba, questa prodezza logistica fa parte di uno sforzo costante non solo per gratificare il cliente, ma soprattutto per conquistare la classe media cinese, che è una fetta importante e interessante, sotto il profilo quantitativo (e qualitativo, anche). D’altronde Alibaba è la più grande società di internet del paese più popoloso al mondo, la Cina, che ora punta sul lusso. E punta a far avere ai consumatori beni di lusso, con pochi click sulla tastiera del Pc.

Alibaba poi potrà sempre più essere punto di riferimento delle imprese in cerca di crescita, che potranno usare i servizi come vetrina. Ma veniamo a qualche numero sulla strategia di Alibaba: la classe media cinese, coloro che guadagnano da 9.000 a 34.000 dollari all’anno, è pronta a recepire di più il settore del lusso nei prossimi 10 anni.

Più del 75 % dei consumatori urbani della Cina farà parte di questa fascia entro il 2022, secondo un recente rapporto di McKinsey & Company. Anche ora, quasi 600 milioni di persone in Cina utilizzano Internet. E ‘un mercato enorme, quasi il doppio della popolazione degli Stati Uniti

E Alibaba già domina la vita online degli acquirenti cinesi. Tmall, il suo sito web di alto livello dove le marche vendono direttamente ai consumatori, ospita portali per le grandi aziende come Microsoft, Lego e Puma“Alibaba sta lavorando sodo per attirare una clientela di fascia alta”, ha detto Kelland Willis, analista di Forrester ResearchTaobao, un sito Alibaba che è l’equivalente di eBay, offre milioni di liste, molte di provenienza dubbia. Insieme, Tmall e Taobao sono due siti che rappresentano l’80% del commercio cinese. 

 

Per guardare la nostra infografica animata sulle più grandi IPO della storia clicca qui

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati