skip to Main Content

Ucraina, gli Stati Uniti inviano vecchi sistemi di difesa aerea sovietici. Report Wsj

Stati Uniti Ucraina

Il Pentagono nel corso degli anni ha acquisito attrezzature sovietiche come parte di un programma clandestino e ora gli Stati Uniti stanno inviando tali armi in Ucraina. L’approfondimento del Wall Street Journal

 

Gli Stati Uniti stanno inviando alcune delle attrezzature di difesa aerea di fabbricazione sovietica che hanno acquisito segretamente decenni fa per sostenere l’esercito ucraino mentre sta cercando di respingere gli attacchi aerei e missilistici russi, hanno detto i funzionari degli Stati Uniti.

I sistemi, che un funzionario statunitense ha detto includono il SA-8, sono vecchi di decenni e sono stati ottenuti dagli Stati Uniti in modo da poter esaminare la tecnologia utilizzata dall’esercito russo e che Mosca ha esportato in tutto il mondo.
Le armi sono familiari all’esercito dell’Ucraina, che ha ereditato questo tipo di attrezzature dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica – riporta il WSJ.

Il Pentagono ha rifiutato di commentare la decisione degli Stati Uniti di ricorrere al suo arsenale poco conosciuto di armi sovietiche, che arriva mentre l’amministrazione Biden sta organizzando uno sforzo importante per espandere le capacità di difesa aerea dell’Ucraina.

Gli Stati Uniti nel corso dei decenni hanno acquisito un piccolo numero di sistemi sovietici di difesa missilistica in modo che potessero essere esaminati da esperti di intelligence degli Stati Uniti e aiutare nell’addestramento delle forze americane.

Gli sforzi segreti hanno ricevuto l’attenzione pubblica nel 1994 quando un enorme aereo da trasporto di fabbricazione sovietica è stato osservato all’aeroporto di Huntsville in vista di una grande autostrada. Fu poi rivelato che l’aereo stava trasportando un sistema di difesa aerea S-300 che gli Stati Uniti avevano acquistato in Bielorussia come parte di un progetto clandestino che coinvolgeva un appaltatore del Pentagono e che costava 100 milioni di dollari, secondo un ex funzionario coinvolto nella missione.

Alcune delle armi in stile sovietico sono state conservate all’Arsenale Redstone in Alabama, che il suo sito web indica come “il centro dell’esercito per i programmi missilistici”. Almeno una parte di ciò che gli Stati Uniti hanno inviato proveniva da quella base, hanno detto i funzionari, che hanno aggiunto che i C-17 hanno recentemente volato in un vicino campo d’aviazione a Huntsville, Alabama.

L’S-300 dalla Bielorussia non era tra i sistemi che sono stati inviati in Ucraina, ha detto un funzionario statunitense.

La legge annuale di spesa del governo recentemente approvata dal Congresso e firmata in legge dal presidente Biden comprende un testo che autorizza l’amministrazione a trasferire all’esercito ucraino e ai partner dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico aerei, munizioni, veicoli e altre attrezzature che sono già all’estero o nelle scorte esistenti.

I collaboratori del senatore Joni Ernst (R., Iowa), che ha sostenuto la legge, hanno detto che i sistemi di difesa aerea dell’era sovietica sarebbero coperti dalla nuova legislazione. Il Congresso è stato informato della decisione degli Stati Uniti, hanno detto i funzionari.

L’Ucraina possiede già alcuni sistemi di difesa aerea russi, tra cui l’S-300. Ha bisogno di più sistemi di questo tipo, tuttavia, che possano operare a medio e lungo raggio per contrastare gli attacchi di aerei e missili della Russia. I missili Stinger sparati a spalla che gli Stati Uniti e le nazioni della Nato stanno fornendo all’Ucraina sono efficaci solo contro gli elicotteri e gli aerei a bassa quota.

Gli Stati Uniti sperano che la fornitura di ulteriori difese aeree consentirà all’Ucraina di creare una zona di non volo de facto, dal momento che gli Stati Uniti e i suoi alleati della Nato hanno respinto gli appelli dell’Ucraina affinché l’alleanza ne stabilisca una. Un tale passo, hanno detto i funzionari dell’amministrazione Biden, potrebbe portare a un confronto diretto tra l’alleanza guidata dagli Stati Uniti e le forze russe, che è determinato a evitare.

Biden è in viaggio a Bruxelles questa settimana per un vertice della Nato per discutere “gli sforzi di deterrenza e di difesa in corso” per l’Ucraina, ha detto la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki. Anche la vicepresidente Kamala Harris, il segretario di Stato Antony Blinken e il segretario alla Difesa Lloyd Austin hanno visitato il blocco orientale per discutere i modi per rafforzare le armi difensive dell’Ucraina.

“Stiamo continuando a lavorare con i nostri alleati e partner chiave per fornire nuova assistenza, compresi i sistemi antiaerei di origine sovietica o russa e le munizioni necessarie per impiegarli, ogni giorno all’Ucraina”, ha detto un funzionario statunitense.

Il signor Austin la scorsa settimana ha visitato la Slovacchia per verificare se il paese avrebbe inviato un S-300 dal suo arsenale. La Slovacchia ha detto che lo farebbe se gli Stati Uniti le fornissero un sostituto, ma tale accordo deve ancora essere concordato.

Le armi di fabbricazione americana come il sistema di difesa aerea Patriot sono a corto di scorte e richiedono personale militare americano o mesi di addestramento degli Stati Uniti per funzionare. Unità Patriot tedesche e olandesi sono state inviate in Slovacchia come tappabuchi, hanno detto quei governi.

” Abbiamo discusso” con gli Stati Uniti, ha detto il ministro della difesa slovacco Jaroslav Nad’ ai giornalisti durante una conferenza stampa congiunta con il signor Austin giovedì. “Se ci dovesse essere una situazione in cui abbiamo una sostituzione adeguata o che abbiamo una capacità garantita per un certo periodo di tempo, allora saremmo disposti a discutere il futuro del sistema S-300”.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore