Innovazione

Tutti i costi della fattura elettronica

di

Come e perché i commercialisti sbuffano sui costi della fatturazione elettronica

 

E-fattura cara mi costi. Oltre i mille euro per arrivare anche a 10 mila, pagati dagli studi professionali per prepararsi tecnologicamente all’adempimento. E questi costi non sono limitati alla sola fase di avvio.  L’aggravio a regime è infatti previsto tra i mille e i 2 mila euro.

ECCO LE STIME DEI COMMERCIALISTI SULLA FATTURA ELETTRONICA

È quanto emerge da un sondaggio sull’adempimento più inviso alla categoria, effettuato dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili (Cndcec) su un campione di 350 professionisti. Secondo i quali i malfunzionamenti di queste settimane hanno un solo colpevole. Che non è l’Agenzia delle entrate o Sogei, bensì i prodotti delle case di software.

LE RAGIONI DEI MALUMORI

La principale accusa mossa dagli intervistati è che «le piattaforme utilizzate per la fatturazione elettronica rispondono solo in parte o in maniera poco soddisfacente alle esigenze dei professionisti e limiti ci sono anche sulla tempestività dell’assistenza fornita. A ciò si aggiungono i molti rallentamenti riscontrati nell’invio delle fatture e la complessiva impreparazione dei contribuenti».

CHE COSA DICE IL CAMPIONE INTERVISTATO SULL’E-FATTURA

La metà del campione intervistato, il 50,4% si è detta insoddisfatta delle performance delle piattaforme. Riserve sono state espresse anche sull’assistenza: il 47,6% degli intervistati ha riconosciuto che è solo in parte rispondente alla necessità di tempestività, poco soddisfacente per il 22,8% e per nulla soddisfacente per il 8,6%. Proprio martedì scorso (si veda ItaliaOggi di ieri) Assosftware, l’associazione che raccoglie le maggiori software house, ha istituito con il supporto di Sogei e Agenzia delle entrate una task force di pronto intervento sulle problematiche tecniche legate al funzionamento dei software utilizzati da professionisti e imprese.

I NUMERI

Passando alle operazioni di invio, Il 28,2% del campione di professionisti sostiene di aver notato rallentamenti «spesso», «continuativamente» il 12,5%, «talvolta» il 28,2%. Più positivi i dati sulle ricevute dallo Sdi (Sistema di interscambio). Secondo il sondaggio, queste ultime arrivano «quasi sempre» nei tempi previsti nel 63,8% dei casi (11,4% sempre, 19,4% raramente).

I PROBLEMI

I problemi legati all’avvio della fatturazione elettronica, comunque non hanno un solo responsabile. Il campione intervistato riconosce nel 65,2% dei casi che il problema più rilevante riscontrato in queste prime settimane di e-fattura obbligatoria è legato alla scarsa conoscenza delle procedure da parte dei contribuenti. Per il 41% ha pesato il ristretto tempo a disposizione, mentre il 37,6% lamenta il ritardo nella dotazione hardware/software dei clienti. La conoscenza dei processi di fatturazione elettronica si è rivelata fonte di difficoltà per il 34,5%. Problemi derivanti dalla mole di dati e clienti da gestire emergono per il 34,5% degli intervistati, mentre il 33,3% denuncia la complessità del meccanismo.

(Estratto di un articolo pubblicato su Italia Oggi; qui l’articolo integrale)

APP Intesa Sanpaolo Mobile

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati