skip to Main Content

Taiwan

Tsmc, Samsung e non solo: tutte le aziende di chip che faticano con l’energia verde. Report Ft

Lo scarso accesso all'energia rinnovabile in Asia ha lasciato indietro le grandi aziende di chip, come Tsmc e Samsung, rispetto alla concorrenza occidentale. L'articolo del Financial Times.

 

La produzione di chip, soprattutto di quelli all’avanguardia, è estremamente dispendiosa dal punto di vista energetico. Ma Taiwan Semiconductor Manufacturing, il più grande produttore di chip a contratto del mondo, e Samsung Electronics, il più grande produttore di chip di memoria del mondo, stanno lottando per ridurre le loro impronte di carbonio nazionali.

LE DIFFICOLTÀ DI TSMC, SAMSUNG E SK HYNIX

Il presidente di TSMC, Mark Liu, ha dichiarato all’assemblea generale annuale della società che la lentezza di Taiwan nello sviluppo delle energie rinnovabili sta frenando l’azienda rispetto ai suoi obiettivi ambientali.

“I nostri siti all’estero, negli Stati Uniti e in Cina, hanno già iniziato a utilizzare completamente l’energia verde”, ha detto Liu. “Tuttavia, a Taiwan non ci siamo ancora mossi per utilizzare molta energia verde. La realtà è che Taiwan non ha abbastanza energia verde da utilizzare”.

Liu ha detto che la spinta dell’industria ad adottare le energie rinnovabili si è intensificata di recente, soprattutto dopo l’invasione russa dell’Ucraina. “È una competizione tra tutte le economie, dagli Stati Uniti, al Giappone, all’Europa, per sviluppare l’energia verde”, ha detto il presidente. La guerra, iniziata nel febbraio dello scorso anno, ha messo in subbuglio i mercati energetici, in quanto la Russia era un importante esportatore di petrolio e gas naturale.

Samsung, nel frattempo, ha dichiarato che la Corea del Sud è uno dei Paesi più difficili al mondo per quanto riguarda l’approvvigionamento di energia rinnovabile, a causa delle limitate opzioni di approvvigionamento per le aziende, citando un parere unanime dei membri di RE100, un’iniziativa globale di energia rinnovabile per le aziende.

La più piccola SK Hynix ha dichiarato che l’energia rinnovabile rappresenta solo il 4% dell’utilizzo totale nel 2021, mentre la giapponese Kioxia ha raggiunto appena lo 0,02% per i 12 mesi fino a marzo 2022.

I CHIP E L’ENERGIA RINNOVABILE

Le limitate fonti di energia rinnovabile potrebbero far sì che i chip prodotti in Asia siano meno ecologici di quelli prodotti negli Stati Uniti e in Europa, cosa che preoccupa sempre di più i clienti.

Doris Hsu, presidente e amministratore delegato di GlobalWafers, il terzo produttore mondiale di materiali per wafer, ha dichiarato che i clienti, in particolare i produttori di chip europei, chiedono sempre più di acquistare wafer prodotti con energia verde. GlobalWafers ha impianti di produzione in nove Paesi tra Asia, Stati Uniti ed Europa.

“Questa sarà una tendenza a lungo termine e influenzerà la competitività di un’azienda. Il fatto che la vostra energia sia sufficientemente verde potrebbe diventare un fattore decisivo per ottenere ordini in futuro”, ha detto Hsu. “I clienti confronteranno il prezzo, la qualità e se la vostra fonte di energia è verde”.

Ma Hsu ha detto che approvvigionarsi di energia rinnovabile in quantità sufficiente a Taiwan, Giappone e Corea del Sud è una sfida. “Questi luoghi sono tutti piuttosto popolosi e non è facile ottenere terreni o tetti a sufficienza per le fonti rinnovabili, come i parchi solari”, ha dichiarato.

“Nella maggior parte dei Paesi asiatici, l’accesso all’energia eolica e solare è limitato”, ha dichiarato un dirigente dell’industria sudcoreana dei chip. “Inoltre, non è facile procurarsi energia rinnovabile da altri Paesi a causa di limitazioni geografiche e diplomatiche”.

Samsung, TSMC e SK Hynix si sono impegnate a utilizzare il 100% di energia rinnovabile per le operazioni globali entro il 2050, mentre il produttore di chip statunitense Intel e quelli europei Infineon e STMicroelectronics mirano a raggiungere lo stesso obiettivo entro il 2030, secondo l’analisi di Nikkei Asia sulle informazioni fornite dalle aziende. I principali produttori di chip giapponesi, Kioxia e Sony, si sono entrambi impegnati a utilizzare completamente le energie rinnovabili entro il 2040, in ritardo rispetto ai loro colleghi occidentali.

La carenza di energia rinnovabile potrebbe influire sulla tabella di marcia dei produttori di chip asiatici per raggiungere le emissioni nette zero. Secondo l’azienda, l’utilizzo di energia elettrica rappresenta il 62% delle emissioni di carbonio di TSMC. Liu ha dichiarato che l’azienda sta valutando come anticipare i tempi e spostare l’obiettivo di raggiungere il 100% di energia verde tra il 2030 e il 2050.

La corsa all’ecologia arriva mentre le principali economie spingono per portare la produzione di semiconduttori in loco, in una strategia che prevede di convincere i principali produttori asiatici di chip a espandere gli impianti al di fuori del loro territorio nazionale.

Un mix energetico povero di fonti rinnovabili e la mancanza di certificati di energia rinnovabile maturi e riconosciuti nella regione sono due fattori che frenano l’industria asiatica dei chip nella sua ricerca di operazioni più ecologiche, hanno detto i produttori di chip e gli analisti.

La generazione di carbone, petrolio e gas naturale ha rappresentato più dell’80% del fabbisogno energetico di Taiwan nel 2022, mentre le energie rinnovabili hanno rappresentato poco più dell’8%, secondo l’Ufficio dell’Energia di Taiwan. Inoltre, Taiwan sta eliminando gradualmente l’uso dell’energia nucleare – una fonte di energia a basse emissioni che l’anno scorso rappresentava poco più dell’8% del mix energetico totale – entro il 2025.

La Corea del Sud si trova in una situazione simile. Secondo i dati della Korea Electric Power, nel 2022 le fonti rinnovabili hanno rappresentato meno del 9% della produzione, mentre l’energia nucleare e i combustibili fossili hanno totalizzato quasi il 90%.

Secondo l’Energy Information Administration, gli Stati Uniti hanno generato il 22% dell’elettricità da fonti rinnovabili nel 2022. Le energie rinnovabili hanno rappresentato il 41% dell’energia prodotta nell’UE nel 2021, secondo i dati ufficiali. Ma se si considera il mix energetico totale del blocco, comprese le importazioni, le energie rinnovabili rappresentavano solo poco più del 17% del totale.

Questa situazione potrebbe influenzare gli investimenti e persino mettere a rischio gli ordini dei fornitori asiatici da parte di clienti globali come Apple, Google e Microsoft. Le tre aziende si sono impegnate a utilizzare il 100 percento di energia rinnovabile entro il 2025 e hanno spinto le loro catene di fornitura a facilitare questo passaggio.

TH Tung, chief strategic officer del produttore di substrati per chip Kinsus Interconnect Technology, ha dichiarato che l’obiettivo di Taiwan del 20% di energia rinnovabile entro il 2025 è in ritardo rispetto al resto del mondo e rappresenta un rischio per la posizione dell’isola nella catena di fornitura tecnologica globale. Kinsus è un fornitore di Intel, AMD e Nvidia, mentre Tung ricopre anche il ruolo di presidente dell’assemblatore di iPhone Pegatron, la società madre di Kinsus.

“La produzione di energia ad alte emissioni di carbonio farebbe sì che Taiwan non sia apprezzata dalla società internazionale”, ha dichiarato Tung, che è anche vicedirettore della Taiwan Climate Partnership, un’iniziativa per la riduzione delle emissioni di carbonio nella catena di fornitura lanciata dai principali fornitori tecnologici taiwanesi, tra cui TSMC, Pegatron e Delta Electronics, fornitore di Apple.

Kyungrak Kwon, esperto di energie rinnovabili presso Plan 1.5, un’organizzazione no-profit per la difesa delle politiche, ha affermato che il governo sudcoreano non sta dando priorità all’espansione dell’energia rinnovabile e che, a sua volta, “le aziende coreane non ricevono sufficienti forniture di energia rinnovabile, il che potrebbe minare la loro competitività”.

Christophe Fouquet, vicepresidente esecutivo del produttore europeo di chip tool ASML, ha dichiarato a Nikkei Asia che l’approvvigionamento energetico sarà un criterio essenziale per la sua azienda quando si tratterà di scegliere dove investire. “Con il tempo, [l’energia verde] diventa una condizione per poter gestire la nostra attività. Quindi, prima di scegliere un sito, dobbiamo assicurarci che ci sia accesso all’energia verde”.

A differenza dell’UE e degli USA, che sono grandi blocchi economici, la regione Asia-Pacifico è più frammentata, il che rende più difficile la creazione di un mercato unificato per i certificati di energia rinnovabile, ha affermato un dirigente di Infineon, il più grande produttore europeo di chip. Infineon ha dichiarato di aver già raggiunto l’obiettivo del 100% di utilizzo di energia verde, anche attraverso l’acquisto di certificati di energia rinnovabile, nelle sue attività in Europa e negli Stati Uniti, ma di non aver ancora raggiunto tale obiettivo nelle sue attività in Asia-Pacifico.

Secondo Hsu di GlobalWafers, soddisfare richieste come quelle di Infineon potrebbe essere una questione di sopravvivenza. “Taiwan non solo ha bisogno di elettricità sufficiente per la crescita futura, ma ha anche bisogno di energia verde per rimanere competitiva”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top