skip to Main Content

TikTok è già il motore di ricerca della generazione Z

TikTok Google Generazione Z

La Generazione Z non si affida più a Google per una ricerca di qualsiasi tipo e ha eletto TikTok come nuovo motore di ricerca. La società si sta evolvendo verso il pensiero liquido perché pensare è faticoso mentre vedere un’immagine non lo è affatto. I pareri di esperti e utenti raccolti da El Pais

 

Non è raro che i giovani utenti si rivolgano a TikTok per ricerche che tradizionalmente venivano effettuate su Google. Alcuni esperti – leggiamo su El Pais – vedono in questo fenomeno la naturale evoluzione di una società incentrata sull’immagine.

Proprio quando si pensava che Google fosse così consolidato da essere invincibile, la Generazione Z (i nati tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000) ha iniziato a voltargli le spalle, passando dalla parte di TikTok. Questa tendenza non è passata inosservata a Google: Prabhakar Raghavan, un dirigente dell’azienda, ha riconosciuto durante una conferenza che, secondo studi interni, il 40% di questa generazione utilizza TikTok o Instagram per le ricerche, invece di Google o Maps, come riportato dal media specializzato TechCrunch.

“Prima, per tutte le domande che potevo avere, andavo subito su Google, ma ora vado prima su TikTok per la fiducia che mi dà e per la qualità dei contenuti. Solo se quello che vedo non mi convince o se non c’è nulla di attinente a quello che sto cercando, uso Google, e la verità è che questo non accade molto spesso”, ammette Rosa Rodríguez, utente di 22 anni. Come lei, altri giovani si rivolgono alla piattaforma cinese invece che al tradizionale motore di ricerca, soprattutto per la velocità che offre e perché, invece di dover leggere un testo per trovare determinate informazioni, una persona dall’altra parte dello schermo le riassume per loro in pochi secondi.

Fátima Martínez, consulente di marketing digitale e social media e autrice di El libro de TikTok, afferma che questa piattaforma ha rivoluzionato tutto: “Penso che sia una generazione totalmente diversa da quelle precedenti. TikTok offre video di un minuto che raccontano a tutta velocità qualcosa che volete sapere. Per esempio, per quanto riguarda la ricerca di ristoranti, si può andare su Google e cercare quello che la gente pensa e vedere quattro foto, ma quello che fanno loro è andare su TikTok e guardare video di persone che sono nel ristorante, vedere cosa mangiano, come lo mangiano, se è bello o no… Questi giovani sono molto più abituati a tutto ciò che è visivo”.

Tuttavia, per Ubaldo Cuesta, professore di comunicazione all’Università Complutense di Madrid, non si tratta di un problema esclusivo dei giovani, ma più generale: “Tutta la società si sta evolvendo verso il pensiero liquido. Come ha detto Bauman, stiamo andando verso una società liquida e verso un pensiero superficiale. Perché sta accadendo? In primo luogo, perché pensare è faticoso, mentre vedere l’immagine non lo è affatto. È molto più facile andare verso una società liquida che verso una società della riflessione e del pensiero”. Tuttavia, egli ritiene che i giovani siano diventati “quello che Sartori chiama l’Homo videns, un uomo che vive dell’immagine”.

Le immagini portano gli utenti ad assorbire meglio i contenuti con meno sforzo. “Il cervello è fondamentalmente visivo e reagisce molto bene a questo tipo di stimoli, quindi la televisione e ciò che sarebbe venuto dopo, come TikTok, cattura la nostra attenzione molto facilmente”, spiega il professore, che aggiunge: “L’immagine, in un certo senso, ha sconfitto la parola e il pensiero, come ha spiegato il filosofo Alain Finkielkraut”.

Mentre le immagini non comportano necessariamente un’alta velocità sulle piattaforme di video di lunga durata come YouTube, su TikTok tendono a essere la caratteristica comune di tutto ciò che viene caricato. È molto difficile trovare un video di 10 minuti e quelli più comuni di solito durano solo pochi secondi, nemmeno un minuto. A questo si aggiunge la ricerca di evasione, che spiega, in parte, il fenomeno degli influencer e dei contenuti idilliaci e romantici che gli utenti sognano.

Fatima Martinez ritiene che “i bambini cercano di fuggire dal mondo reale perché non gli piace e non vedono un futuro. Vogliono vivere giorno per giorno e la giornata è così breve che devono fare tutto il più velocemente possibile. Non pensano al futuro, pensano al presente, e per vivere il presente sono abituati ad avere tutto molto veloce”. Secondo i dati dello sviluppatore di software HubSpot, la Generazione Z preferisce imparare cose nuove attraverso i video, piuttosto che con il testo o altri formati tradizionali e presta attenzione ai contenuti per una media di otto secondi.

Per Ubaldo Cuesta, questo ha una relazione molto importante con il carpe diem e la ricerca del divertimento, qualcosa che il sociologo Neil Postman ha definito “divertirsi fino alla morte”. “Perché l’immagine è molto più passionale, è fondamentalmente il trionfo della passione sulla ragione. Inoltre, questo si inserisce nel sistema di mercato dell’audiovisivo, che ha bisogno di molto pubblico e lo cerca attraverso la passione, l’intrattenimento…”, insiste il professore.

Secondo uno studio dell’autorità di regolamentazione delle comunicazioni del Regno Unito, le tre principali fonti di informazione (e non solo di intrattenimento) per i giovani e gli adolescenti sono Instagram, TikTok e YouTube.

Tuttavia, l’utente José Luis Sanz, 19 anni, afferma di effettuare ancora ricerche su Google e di leggere le informazioni sportive sui giornali cartacei: “Sono tradizionalista”, spiega. Tuttavia, quando si tratta di recensioni di prodotti o di spiegazioni tecniche, si rivolge direttamente ai video. Allo stesso modo, anche Sofía, un’utente di 16 anni, continua a usare Google per cercare informazioni, tranne quando si tratta di influencer.

Rosa Rodríguez spiega che, a differenza dei motori di ricerca tradizionali, ritiene che TikTok offra “immediatezza e vicinanza del mittente”, come nel caso dei professionisti della salute. “Offrono contenuti con un linguaggio molto più comprensibile, generano più fiducia di un testo su Google, che non offre molto di più di quelle poche righe scritte e dove, inoltre, non c’è la possibilità di una relazione reciproca”, aggiunge l’utente.

Il professor Cuesta ritiene che il fatto che ci siano “così tanti recensori” (utenti che recensiscono e analizzano servizi o prodotti) su piattaforme come TikTok o YouTube “si inserisce in questa società, che non si fida più di quello che ti dicono le autorità, le istituzioni o qualcuno di più o meno serio come Google, ma si fida di più di quello che ti dice un amico e di quello che ti piace di qualcuno che ti parla davanti a una telecamera, come un influencer che, per di più, ti dà l’impressione di essere un tuo conoscente”.

Se aggiungiamo l’intelligenza artificiale alla qualità visiva, all’immediatezza e alla fiducia che i contenuti di TikTok offrono, il risultato è una quantità infinita di informazioni che sono anche di reale interesse per noi. “Questo ha cambiato anche la mentalità dei ragazzi. TikTok mostra ciò che si vuole vedere. Crea dipendenza ed è stato progettato per creare dipendenza, quindi si scorrono i video in verticale a tutta velocità, si mostra ciò che si vuole vedere e si inseriscono nuovi video per scoprire cose”, spiega l’esperto di marketing. E aggiunge: “Google non ha altra scelta che adattarsi alle nuove generazioni, come sta facendo con l’intelligenza artificiale e il 3D”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore