skip to Main Content

Threads, ecco come funzionerà la nuova app di Facebook temuta da SnapChat

Le indiscrezioni di The Verge sui piani di Facebook e l’incertezza sul rischio di cannibalizzazione di Whatsapp

 

Facebook sta sviluppando una nuova app di messaggistica chiamata “Threads”. Lo sostiene il sito di tecnologia The Verge, secondo cui la app è pensata “per mettere costantemente in contatto gli utenti con i loro amici più stretti”.

L’APP DI INSTAGRAM (DI PROPRIETÀ FACEBOOK)

Invita infatti gli utenti a condividere automaticamente il luogo in cui si trovano oltre a offrire funzioni più tradizionali come messaggi di testo, video e foto.  La app è complementare a Instagram, a sua volta di proprietà di Facebook.

È stata infatti sviluppata per facilitare la condivisione automatica di posizione, velocità e durata della batteria, insieme a messaggi di testo, foto e video con la lista degli amici più stretti su Instagram.

THREADS COMPETERÀ CON SNAPCHAT

“Threads”, scrive The Verge, è per il momento testata internamente al gruppo di Menlo Park (California) ed è vista come una minaccia per SnapChat. Un’app di messaggistica costruita intorno ai tuoi amici più stretti potrebbe diventare ancora più popolare. Proprio come lo è già oggi Snapchat per una buona parte dei suoi utenti.

LA DIREZIONE INTRAPRESA DA ZUCKERBERG

Non è chiaro quando verrà lanciata ma sembra essere la dimostrazione di quanto spiegato lo scorso marzo dal Ceo Mark Zuckerberg: che le comunicazioni private sono il futuro dell’azienda.

CHE FINE FARÀ WHATSAPP?

Nell’articolo di The Verge non viene mai citata WhatsApp, la app di messaggistica instantanea a sua volta controllata da Facebook. Non è chiaro se Threads rischia di cannibalizzare WhatsApp.

Da sottolineare che lo stesso Zuckerberg a marzo aveva detto che Facebook intende integrare i servizi Instagram, WhatsApp e Messenger, che attualmente non sono in grado di comunicare l’uno con l’altro. “Credo che il futuro della comunicazione si muoverà sempre di più su servizi criptati e privati con cui le persone possono essere più fiduciose che quello che si dicono resti sicuro e che il loro messaggi e contenuti non resteranno in circolazione per sempre”, aveva scritto Zuckerberg in un post.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore