Innovazione

Tchap, la chat del governo francese che non entra in servizio

di

emmanuel Macron Fintech

L’entrata in servizio ufficiale di Tchap è quindi stata rimandata. E’ un’applicazione analoga a WhatsApp o a Telegram, ma riservata ai funzionari dello Stato francese. Il lancio era previsto il 17 aprile scorso, quando, per alcune ore, si trovava negli “store” dei telefoni Apple a Android. Poi si è scoperto un bug: non soltanto i possessori di un indirizzo mail dello Stato potevano avervi accesso, ma tutti potevano crearvi un proprio profilo. Il problema sembrava destinato a risolversi, ma a due settimane di distanza la nuova applicazione non è ancora in circolazione.

Gli obiettivi di sicurezza di Tchap non riguardano i settori più sensibili della difesa o di altri ambiti riservati, che hanno specifici strumenti o protocolli. Piuttosto intende innalzare il livello di sicurezza e accessibilità della comunicazione ordinaria tra funzionari statali francese sotto due profili: anzitutto utilizzando un codice di proprietà dello Stato e sotto il suo controllo, e poi conservando i dati all’interno del territorio francese.

Il passaggio a Tchap dovrebbe avvenire su base volontaristica. Si dovrebbe quindi abbandonare WhatsApp, che appartiene a Facebook: con questo non solo condivide alcune informazioni, ma anche il ricordo dello scandalo di Cambridge Analytica e dei profili carpiti. Verrebbe meno anche l’uso di Telegram, per il quale non sempre viene attivata la crittografia.

Sul piano tecnico, Tchap è stato costruito sul codice Riot, con protocollo di comunicazione Matrix. Il nome dell’applicazione deriva da Claude Chappe che inventò in piena rivoluzione francese una comunicazione ottica a distanza, già denominata telegrafo. Collaudata nel 1793, ebbe un ruolo significativo per quegli anni nelle informazioni di guerra, e fu poi sostituita dal telegrafo elettrico nel 1846.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati