Innovazione

Tutte le piroette di Oms e Iss su tamponi e mascherine

di

oms

Tamponi e mascherine, che fare? Le posizioni cangianti anche di Oms e Iss. Le diversità di vedute tra Regione Lombardia e governo.

“Piuttosto che niente, meglio piuttosto”: così questa mattina Attilio Fontana ha spiegato su Radio Padania l’ordinanza della Regione Lombardia che prevede l’obbligo di indossare la mascherina se si esce di casa, o comunque una protezione su bocca e naso, come una sciarpa o un foulard (qui l’ordinanza della Regione datata 4 aprile). “La partita non è ancora vinta. Siamo a metà del secondo tempo e teniamo duro sennò c’è il rischio che ci facciano qualche gol” ha aggiunto rinnovando l’invito a non uscire di casa nonostante la domenica di sole. L’ordinanza della Lombardia non è collimante con quanto si pensa nel governo. “In questo momento certamente non l’abbiamo ancora data come indicazione“, ha detto ieri il presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), Franco Locatelli, in conferenza stampa alla Protezione civile sull’emergenza Covid-19 rispondendo a chi gli domandava se il comitato tecnico scientifico abbia in programma di consigliare l’uso obbligatorio di mascherine (o di altri sistemi di copertura di naso e bocca) come dettato da un’ordinanza in Lombardia. “Quello della mascherine – ha spiegato – è un argomento in cui non esistono evidenze fortissime, sappiamo perfettamente che sono utili per prevenire il contagio da parte di un soggetto che alberga Covid-19 considerando anche l’esistenza di una quota di asintomatici infettanti. In questo possono essere di utilità, ma la misura fondamentale rimane quella del rispetto del distanziamento sociale“. Gli ha fatto eco il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli: “Non uso la mascherina rispettando le regole del distanziamento sociale”. (Redazione Start Magazine)

+++

Tamponi e mascherine. E’ stato detto tutto e il suo contrario, provocando presto il dubbio che nemmeno il mondo scientifico abbia risposte certe in merito. Sui tamponi, per esempio, il 16 marzo, mentre il nostro Paese attraversava la fase più acuta della pandemia di Coronavirus, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) twittava all’indirizzo di tutto il mondo: “Test! Test! Test!”. Test a tappeto, insomma. Un modus operandi che viene rigettato ancora oggi da molti virologi italiani.

PIÙ TAMPONI PIÙ PREVENZIONE? COSA DICE PREGLIASCO

La tesi dell’Oms è che più tamponi vengono eseguiti, più si assicura la prevenzione perché gli infetti non vengono lasciati girare. E’ così? Il tampone offre una istantanea, vale a dire una foto di quel preciso istante. Nulla impedisce a una persona che risulta negativa al test alle 10 del mattino di contrarre il coronavirus alle 10:30. Avremmo in circolazione un soggetto sicuro di essere sano. Anche il virologo Fabrizio Pregliasco, 60 anni, ricercatore dell’Università Statale di Milano e direttore sanitario dell’ospedale Galeazzi, al Corriere della Sera ha spiegato la debolezza di quell’assunto su cui si fonderebbe il motivo per cui il Veneto sarebbe riuscito a contenere l’epidemia, al contrario della Lombardia: «È una falsità. Lo dicono i numeri: il 24 febbraio la Lombardia esegue 3.689 tamponi contro i 2.200 del Veneto; poi 4.658 contro 3.780; poi ancora 5.829 contro 4.900, e via dicendo. Il problema è che lì c’è stato un focolaio, qui un incendio».

LA DIFESA DEL MODELLO LOMBARDO

Il virologo rigetta quindi con forza l’invito dell’Organizzazione mondiale della Sanità e difende il modello lombardo: «Ai sintomatici viene fatto. Per gli altri, allora, ci vorrebbe per tutti il tampone quotidiano. Perché chi oggi non è infetto lo può essere domani». Anche perché, Pregliasco fa notare: «Se il virus si espande su larga scala fare a tutti il tampone è impossibile e inutile: dice solo se in un determinato momento sei positivo, non se lo diventi il giorno dopo».

TAMPONI Sì, TAMPONI NO. LE GIRAVOLTE DI RICCIARDI

La confusione della scienza deve fare poi i conti con il pragmatismo della politica e la scarsità delle risorse, che costringe chi si trova a metà del guardo a esibirsi in spericolate capriole. Come è capitato a Walter Ricciardi, docente universitario di Igiene e Medicina preventiva, membro del Comitato esecutivo dell’Oms, nominato presidente dell’Istituto superiore della Sanità nel 2015 (governo Renzi) per poi dimettersi (qui la ricostruzione di Start sulla vicenda e la nomina al suo posto di Silvio Brusaferro) e ora uomo chiave della task force emergenziale voluta dal ministro della Salute Roberto Speranza di cui Ricciardi è consulente (oltre che membro della commissione di esperti per un’app anti Covid-19). Basta fare qualche ricerca su Google per notare come abbia trattato l’argomento con diverse sfumature.

Per esempio, il 17 marzo su Quotidiano.net si legge: Coronavirus, Ricciardi rilancia la linea Oms: “Fare più tamponi”. Sempre il 17 marzo, però, Ricciardi appare sulle reti Mediaset, a Mattino Cinque e ammette: “La nostra capacita di analisi è tale che non riusciamo a farli nemmeno ai sintomatici”. E, come se non bastasse, aggiunge che i test non sono nemmeno infallibili: “In Germania è stato scoperto che il 70% erano falsi positivi”.

E il 23 marzo all’Ansa afferma: “Andrebbero fatti ai soggetti sintomatici, anche con sintomi lievi e dunque precocemente e ai soggetti guariti clinicamente per avere una conferma”. E aggiunge: “E’ inopportuno fare i tamponi ai soggetti asintomatici, tranne nel caso dei sanitari in prima linea come già previsto dal comitato tecnico scientifico”.

LA CONFUSIONE SULL’USO DELLE MASCHERINE

La medesima confusione, come si anticipava, si riverbera anche sull’uso delle mascherine. Proprio ieri ha sottolineato la questione al diretto interessato il giornalista Carlo Gubitosa.

 

Rispondendo infatti a un tweet di Ricciardi in cui il professore cinguettava: “Quando la popolazione potrà usare le mascherine chirurgiche,dopo cioè che saranno garantite a tutti gli operatori,vi sarà la più grande campagna altruistica di massa, molti pensando di proteggersi le indosseranno e invece proteggeranno gli altri, bene così”, il collega evidenzia: “Sono confuso. Il sito @WHO dice che le persone sane hanno bisogno di indossare le mascherine solo se hanno tosse o starnuti, o se si prendono cura di persone sospettate positive al covid-19. Analoghe indicazioni sul web di @istsupsan e @minsalute . A chi dobbiamo dar retta?”.

 

E in effetti, come Gubitosa fa notare, quelle sono proprio le istruzioni “ufficiali”, condivise dallo stesso Istituto superiore della Sanità.

L’immagine allegata da Carlo Gubitosa. Le linee guida dell’ISS

L’immagine allegata da Carlo Gubitosa. Le linee guida dell’OMS

 

Ecco la replica di Ricciardi: “Questa è ciò che deriva da studi dei migliori scienziati del mondo, ma c’è un trend che vuole che le indossiamo tutti, questo ha senso se la circolazione del virus è così intensa che ognuno potrebbe essere in una fase di contagiosità, in ogni caso i sani non vengono protetti”. Insomma, i sani non vengono protetti, ma sarebbe meglio se le indossassero per non fare circolare il virus.

 

Ma come Repubblica ha sottolineato ieri mattina, la questione mascherine si profila assai più complessa. E nonostante sul sito dell’Oms le istruzioni sull’uso delle maschere siano ancora quelle che abbiamo ormai imparato a memoria (utili per chi è contagiato e dunque contagioso, inutili per i sani), proprio il quotidiano di Carlo Verdelli questa mattina titola: “Il virus circola anche nell’aria. L’Oms si prepara a rivedere le norme”.

E L’ISS FA RETROMARCIA SULLE MASCHERINE CHIRURGICHE

Una confusione, quella dell’OMS, che non è certo sfuggita all’ISS, che negli ultimi giorni sembra aver fatto una fuga in avanti, come riporta assocarenews.it, decidendo di stralciare le linee guida dell’Organizzazione mondiale della Sanità sull’uso delle mascherine chirurgiche (quindi non filtrate) e mandando al contempo nel panico gli operatori sanitari che ora, a maggior ragione, temono per la propria incolumità e non riescono a comprendere se i dispositivi usati siano o meno sufficienti a operare in sicurezza. (qui l’approfondimento di Start con la situazione e le proteste degli addetti ai 118 in materia di dispositivi di protezione).

TUTTI CON LE MASCHERINE. QUELLE INUTILI

Su questo però Ricciardi è sempre stato coerente: «Le mascherine Ffp2 e Ffp3 servono effettivamente a proteggere dal virus ma devono essere utilizzate dal personale sanitario che cura i malati contagiosi». Con il paradosso che se l’OMS estendesse davvero a tutta la popolazione mondiale il consiglio di usare le mascherine, tutti coloro che hanno acquistato (magari a prezzo triplicato) le versioni chirurgiche si troverebbero comunque indifesi rispetto alla virulenza del Covid-19 e avrebbero affrontato anche una spesa inutile. Quindi, se solo esistessero scorte a sufficienza, bisognerebbe dotare il mondo di 7 miliardi di mascherine professionali Ffp2 e Ffp3 e relativi filtri? Dato il costo, le passerà il sistema sanitario nazionale? Domande che fanno il paio con quelle che avremmo sui tamponi: a tappeto o solo a chi ha sintomi? E se non sono infallibili, non rischiano di lasciare circolare chi hai il virus? Ma, soprattutto, l’allarme sanitario non starà forse sfociando in isteria collettiva che ha finito col travolgere anche l’OMS?

+++

TRATTO DAL SITO DEL MINISTERO DELLA SALUTE:

Devo indossare una mascherina per proteggermi?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di indossare una mascherina solo se sospetti di aver contratto il nuovo Coronavirus e presenti sintomi quali tosse o starnuti o se ti prendi cura di una persona con sospetta infezione da nuovo Coronavirus.

L’uso della mascherina aiuta a limitare la diffusione del virus ma deve essere adottata in aggiunta ad altre misure di igiene respiratoria e delle mani.

Infatti, è possibile che l’uso delle mascherine possa addirittura aumentare il rischio di infezione a causa di un falso senso di sicurezza e di un maggiore contatto tra mani, bocca e occhi.

Non è utile indossare più mascherine sovrapposte. L’uso razionale delle mascherine è importante per evitare inutili sprechi di risorse preziose.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati