skip to Main Content

Microsoft G42 Emirati Arabi Uniti

Perché Microsoft abbraccia gli Emirati sull’Intelligenza artificiale. Report Nyt

Microsoft gioca una partita importante nella guerra fredda tecnologica con un accordo sull'Ia con gli Emirati arabi uniti

Microsoft ha dichiarato che investirà 1,5 miliardi di dollari in G42, un’azienda emiratina legata alla Cina, mentre Washington e Pechino si stanno muovendo per assicurarsi l’influenza tecnologica nel Golfo. Scrive il NYT.

L’INVESTIMENTO DI MICROSOFT IN G42, GIGANTE DELL’IA DEGLI EMIRATI ARABI UNITI

Martedì Microsoft ha dichiarato che investirà 1,5 miliardi di dollari in G42, un gigante dell’intelligenza artificiale degli Emirati Arabi Uniti, in un accordo ampiamente orchestrato dall’amministrazione Biden per escludere la Cina, mentre Washington e Pechino si scontrano su chi eserciterà l’influenza tecnologica nella regione del Golfo e oltre.

I DETTAGLI DELLA PARTNERSHIP

In base alla partnership, Microsoft darà a G42 il permesso di vendere servizi Microsoft che utilizzano potenti chip AI, utilizzati per addestrare e mettere a punto modelli generativi di AI. In cambio, G42, che è stata messa sotto osservazione da Washington per i suoi legami con la Cina, utilizzerà i servizi cloud di Microsoft e accetterà un accordo di sicurezza negoziato in colloqui dettagliati con il governo statunitense. L’accordo prevede una serie di protezioni per i prodotti di intelligenza artificiale condivisi con G42 e include un accordo per eliminare l’attrezzatura cinese dalle operazioni di G42.

LA POSIZIONE DEL SEGRETARIO AL COMMERCIO USA

“Quando si tratta di tecnologia emergente, non si può essere sia nel campo della Cina che nel nostro campo”, ha commentato Gina Raimondo, Segretario al Commercio, che si è recata due volte negli Emirati Arabi Uniti per parlare degli accordi di sicurezza per questa e altre partnership.

LE PAROLE DEL PRESIDENTE DI MICROSOFT

L’accordo è molto insolito, ha dichiarato in un’intervista Brad Smith, presidente di Microsoft, e riflette la straordinaria preoccupazione del governo statunitense per la protezione della proprietà intellettuale dei programmi di intelligenza artificiale. “Gli Stati Uniti sono naturalmente attenti al fatto che la tecnologia più importante sia custodita da un’azienda statunitense di fiducia”, ha dichiarato Smith, che siederà nel consiglio di amministrazione di G42.

LE RICADUTE GEOPOLITICHE DELL’INVESTIMENTO DI MICROSOFT NELLA SOCIETÀ DEGLI EMIRATI

L’investimento potrebbe aiutare gli Stati Uniti a contrastare la crescente influenza della Cina nella regione del Golfo. Se le mosse dovessero avere successo, la G42 entrerebbe a far parte dell’ovile statunitense e ridurrebbe i suoi legami con la Cina. L’accordo potrebbe anche diventare un modello di come le aziende statunitensi sfruttano la loro leadership tecnologica nell’IA per attirare i Paesi lontano dalla tecnologia cinese, raccogliendo al contempo enormi premi finanziari.

I DUBBI DEI FUNZIONARI USA SU G42

Ma la questione è delicata, poiché i funzionari statunitensi hanno sollevato dubbi su G42. Quest’anno, una commissione del Congresso ha scritto una lettera in cui si chiedeva al Dipartimento del Commercio di verificare se G42 dovesse essere sottoposta a restrizioni commerciali per i suoi legami con la Cina, che includono partnership con aziende cinesi e dipendenti provenienti da società collegate al governo.

In un’intervista, la signora Raimondo, che è stata al centro di uno sforzo per impedire alla Cina di ottenere i semiconduttori più avanzati e le attrezzature per produrli, ha dichiarato che l’accordo “non autorizza il trasferimento di modelli di intelligenza artificiale e assicura che tali tecnologie possano essere sviluppate, protette e distribuite in modo sicuro”. Sebbene gli Emirati Arabi Uniti e gli Stati Uniti non abbiano firmato un accordo separato, la Raimondo ha dichiarato: “Siamo stati ampiamente informati e siamo convinti che questo accordo sia coerente con i nostri valori”.

LA STRATEGIA DI G42 CON L’INVESTIMENTO DI MICROSOFT

In un comunicato, Peng Xiao, amministratore delegato di G42, ha aggiunto “grazie all’investimento strategico di Microsoft, stiamo portando avanti la nostra missione di fornire tecnologie A.I. all’avanguardia su scala”.

LA GARA USA VS CINA NEL GOLFO

Gli Stati Uniti e la Cina hanno fatto a gara per esercitare un’influenza tecnologica nel Golfo, dove sono in palio centinaia di miliardi di dollari e si prevede che i principali investitori, tra cui l’Arabia Saudita, spenderanno miliardi per la tecnologia. Nella corsa alla diversificazione dal petrolio, molti leader della regione hanno puntato sull’IA – e sono stati felici di mettere Stati Uniti e Cina l’uno contro l’altro.

LA POSTURA DEGLI EMIRATI ARABI UNITI

Sebbene gli Emirati Arabi Uniti siano un importante partner diplomatico e di intelligence degli Stati Uniti e uno dei maggiori acquirenti di armi americane, hanno ampliato sempre più i loro legami militari ed economici con la Cina. Una parte del suo sistema di sorveglianza interna è costruito su tecnologia cinese e le sue telecomunicazioni lavorano su hardware di Huawei, un fornitore cinese. Ciò ha alimentato le preoccupazioni dei funzionari statunitensi, che spesso visitano la nazione del Golfo Persico per discutere di questioni di sicurezza.

FOCUS SULLA SICUREZZA NAZIONALE

Ma i funzionari statunitensi temono anche che la diffusione di potenti tecnologie di intelligenza artificiale, fondamentali per la sicurezza nazionale, possa essere utilizzata dalla Cina o da ingegneri legati al governo cinese, se non sufficientemente sorvegliata. Il mese scorso, un comitato di revisione della cybersecurity statunitense ha criticato aspramente Microsoft per un hack in cui attaccanti cinesi hanno avuto accesso ai dati di alti funzionari. Qualsiasi grave fuga di notizie – ad esempio da parte di G42 che vende soluzioni di IA di Microsoft a società create dalla Cina nella regione – andrebbe contro le politiche dell’amministrazione Biden che hanno cercato di limitare l’accesso della Cina a questa tecnologia all’avanguardia.

DALL’ACCORDO CON G42 ACCESSO PER MICROSOFT ALLE RISORSE DEGLI EMIRATI

Per Microsoft, un accordo con G42 offre un potenziale accesso a un’enorme ricchezza emiratina. L’azienda, il cui presidente è lo sceicco Tahnoon bin Zayed, consigliere per la sicurezza nazionale degli Emirati e fratello minore del sovrano del Paese, è una parte fondamentale degli sforzi degli Emirati Arabi Uniti per diventare uno dei principali attori dell’IA.

Nonostante un nome estroso tratto da “Guida galattica per gli autostoppisti”, in cui la risposta alla “domanda ultima della vita” è 42, G42 è profondamente radicata nello stato di sicurezza emiratino. È specializzata in I.A. e di recente ha lavorato alla costruzione di un chatbot in arabo, chiamato Jais.

G42 si occupa anche di biotecnologie e sorveglianza. Molti dei suoi dirigenti, tra cui Xiao, sono stati associati a una società chiamata DarkMatter, un’azienda emiratina di cyberspionaggio e hacking che impiega ex spie.

LE BASI DELL’INTESA

Le origini dell’accordo di martedì risalgono alle riunioni della Casa Bianca dello scorso anno, quando i principali assistenti alla sicurezza nazionale hanno sollevato con i dirigenti del settore tecnologico la questione di come incoraggiare accordi commerciali che avrebbero approfondito i legami degli Stati Uniti con le aziende di tutto il mondo, in particolare con quelle a cui è interessata anche la Cina.

LE RICADUTE DELL’ACCORDO TRA MICROSOFT E G42 DEGLI EMIRATI ARABI UNITI

In base all’accordo, G42 cesserà di utilizzare le apparecchiature di telecomunicazione di Huawei, che gli Stati Uniti temono possano costituire una backdoor per le agenzie di intelligence cinesi. L’accordo impegna inoltre G42 a chiedere il permesso prima di condividere le sue tecnologie con altri governi o militari e le vieta di utilizzare la tecnologia per la sorveglianza. Microsoft avrà anche il potere di controllare l’uso della sua tecnologia da parte di G42.

G42 otterrebbe l’uso della potenza di calcolo dell’IA nel centro dati di Microsoft negli Emirati Arabi Uniti, una tecnologia sensibile che non può essere venduta nel Paese senza una licenza di esportazione. L’accesso alla potenza di calcolo darebbe probabilmente a G42 un vantaggio competitivo nella regione. Una seconda fase dell’accordo, che potrebbe rivelarsi ancora più controversa e non è ancora stata negoziata, potrebbe trasferire a G42 parte della tecnologia A.I. di Microsoft. Negli ultimi mesi, G42 ha accettato di ridurre alcuni dei suoi legami con la Cina, tra cui la cessione di una partecipazione in ByteDance, proprietario di TikTok, e l’eliminazione della tecnologia Huawei dalle sue operazioni, secondo quanto riferito da funzionari statunitensi.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr comunicazione)

Back To Top