skip to Main Content

Perché Meta (Facebook) incassa una vittoria (parziale) nel Regno Unito su Giphy

Facebook Assunzioni

Il tribunale del Regno Unito ha ordinato al regolatore antitrust di rivedere la decisione che forza Meta a vendere Giphy. La Competition and Markets Authority (CMA) deve riesaminare l’acquisto di Giphy

1 a zero per Meta contro l’antitrust del Regno Unito sull’operazione Giphy.

Il Competition Appeal Tribunal (CAT) del Regno Unito ha annullato l’ordine dell’Autorità per la concorrenza e i mercati (Cma) secondo cui Meta (facebook) deve vendere Giphy.

In realtà il tribunale aveva preso la sua decisione a giugno, ma ieri è stata pubblicata la sentenza.

Pertanto, in base alla sentenza, il regolatore antitrust del Regno Unito dovrà procedere con un’ulteriore revisione dell’acquisto del motore di ricerca GIF Giphy.

L’acquisizione di Giphy da 315 milioni di dollari da parte di Meta ha attirato l’attenzione della Cma poco dopo che la società guidata da Mark Zuckerberg ha annunciato l’accordo nel maggio 2020. Quindi l’authority ha iniziato a indagare se l’operazione avrebbe ridotto la concorrenza nel mercato della pubblicità display e dei servizi di social media.

Nell’agosto 2021, la Cma aveva stabilito che la proprietà di Giphy da parte di Meta potrebbe consentire all’azienda di impedire a rivali come TikTok e Snapchat di accedere alla libreria GIF di Giphy. Pertanto, l’authority ha ordinato alla società di vendere Giphy.

Ieri Meta ha rifiutato di commentare la sentenza. Il colosso tecnologico statunitense in precedenza aveva affermato che la Cma agiva al di fuori della sua giurisdizione perché Giphy non aveva operazioni nel Regno Unito.

Tutti i dettagli.

COSA HA STABILITO IL COMPETITION APPEAL TRIBUNAL DEL REGNO UNITO

Lunedì il Competition Appeal Tribunal (Cat) del Regno Unito ha rinviato il caso all’autorità di regolamentazione antitrust, la Competition Markets Authority, per essere rivalutato, dopo aver riscontrato che la CMA non ha fornito completa divulgazione ai rappresentanti Meta di documenti relativi alla sua decisione.

LA POSIZIONE DI META

“La sentenza odierna ha rilevato che l’approccio della Cma alla sua indagine era ‘difficile da difendere’ e ‘mina la totalità della decisione'”, aveva affermato la società guidata da Mark Zuckeberg dopo la decisione del Competition Appeal Tribunal a giugno. “Non vediamo l’ora di capire come questi gravi difetti di processo sarà affrontato. Crediamo fermamente che il nostro investimento migliorerebbe il prodotto GIPHY per i milioni di persone, aziende e partner che lo utilizzano”.

E QUELLA DELL’AUTHORITY BRITANNICA

L’anno scorso l’autorità britannica per la concorrenza e i mercati (Cma) aveva ordinato a Meta di vendere la piattaforma di immagini animate Giphy a causa delle sue preoccupazioni per restrizione della concorrenza nel settore pubblicitario e del potenziale impatto sui rivali dei social media.

La Cma aveva rilevato infatti che “Facebook sarebbe in grado di aumentare il suo già significativo potere di mercato in relazione ad altre piattaforme di social media negando o limitando l’accesso di altre piattaforme alle GIF Giphy , indirizzando più traffico verso i siti di proprietà di Facebook — Facebook, WhatsApp e Instagram — che già rappresentano il 73% del tempo trascorso dagli utenti sui social media nel Regno Unito, o modificando i termini di accesso, ad esempio richiedendo TikTok, Twitter e Snapchat per fornire più dati utente al fine di accedere alle GIF Giphy.”

Dopo la sentenza del Competition Appeal Tribunal, l’autorità ha accettato di riconsiderare la sua decisione. “Inizieremo la nostra recensione a breve”, ha dichiarato la Cma.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore