skip to Main Content

Perché l’app BeReal sta seducendo la generazione Z

BeReal

Altro che Instagram o TikTok. BeReal è l’app di social media senza filtri fotografici preferita dagli utenti più giovani. L’obiettivo è quello di condividere la vita reale, quando succede, con gli amici. L’approfondimento del Wall Street Journal

Con una frequenza apparentemente casuale ogni 24 ore, Kevin Lee riceve una notifica per postare un selfie. “Time to BeReal”, dice l’avviso sul suo telefono, e un conto alla rovescia di due minuti inizia. Alcune mattine, il 27enne ingegnere software di Los Angeles riceve la notifica prima di essersi alzato dal letto. “Ho un aspetto terribile. Ma lo faccio e basta”, ha detto il signor Lee. Lui è uno dei quasi 6,8 milioni di persone che hanno scaricato BeReal negli ultimi due anni, secondo i dati della società di mobile-market intelligence Sensor Tower.

L’app – presentata dai suoi creatori come un’alternativa autentica e non filtrata ai post curati su Instagram e TikTok – ha guadagnato credito tra i giovani, in particolare gli studenti universitari. La maggior parte degli utenti di BeReal, come Lee, si sono uniti quest’anno, secondo il ricercatore Apptopia.

L’applicazione francese, disponibile per iPhone e telefoni Android, invita gli utenti una volta ogni 24 ore a scattare una foto utilizzando le fotocamere anteriore e posteriore del loro smartphone. Il tempo del prompt è imprevedibile per gli utenti e cambia ogni giorno, e non sono ammessi filtri fotografici. A differenza delle piattaforme di social media più dominanti, non ci sono anche annunci, e non ci sono conteggi visibili dei follower -scrive il WSJ.

L’approccio limitato di BeReal alla pubblicazione e alla consultazione è un’alternativa ad applicazioni come TikTok e Instagram, che contano più di un miliardo di utenti mensili attivi ciascuno e investono denaro e ingegneri per rendere i prodotti più coinvolgenti per gli utenti. BeReal ha un passo diverso: Posta velocemente, scorri e vai a vivere la tua vita. Per alcuni utenti della Gen Z, questa è un’idea magnetica.

Nathan Carey, uno studente di 22 anni in Irlanda, si è iscritto all’app tre settimane fa dopo averne sentito parlare dai suoi amici del college. I post piuttosto banali – persone che guardano la TV o cucinano la cena – gli permettono di vedere le vite dei suoi amici così come sono, piuttosto che attraverso immagini altamente curate, ha detto. “Puoi essere più vulnerabile”, ha detto Carey.

ESSERE REALI

Dopo aver ricevuto un avviso di “BeReal”, gli utenti hanno due minuti per scattare una foto. Se sono troppo occupati o in un posto dove non dovrebbero scattare selfie – come il bagno – BeReal permette agli utenti di postare al di fuori di quel lasso di tempo, con un tranello. Ovvero l’applicazione dice ai loro amici che la foto è in ritardo e mostra precisamente quanto sono in ritardo. Questo ha portato le persone a scattare foto mentre erano in classe o in viaggio, ma molte volte, BeReal finisce con le immagini del fotografo che guarda i suoi piedi.

BeReal impedisce agli utenti di nascondersi: per vedere le immagini di chiunque, gli utenti devono prima condividere le proprie. Se un utente posta in ritardo, non ha molto tempo per vedere le foto degli altri; tutti i post si azzerano quando esce la prossima notifica. L’obiettivo è quello di condividere la vita reale, quando succede, con gli amici.

Ciò che BeReal ha da offrire, dicono gli utenti e gli esperti di social media, è il suo atteggiamento di spontaneità e autenticità. È un mix di Wordle (il popolare gioco di parole che può essere giocato solo una volta al giorno) e Instagram di Meta Platforms (senza quei filtri). E la durata fugace dei post attira i paragoni con Snapchat.

La combinazione è in risonanza con le persone che hanno iniziato a evitare le foto e i video curati che dominano i feed su molti social network.

Le più grandi app di social media, tra cui TikTok e Instagram, hanno iniziato come modi per le persone di condividere gli aggiornamenti con i loro amici. Ma come queste applicazioni si sono evolute per presentare versioni più idealistiche della vita delle persone, grandi economie di creatori sono fiorite sulle piattaforme, con influencer che pubblicano contenuti altamente curati per attirare seguaci e sponsor.

Il cambiamento significa che gli utenti spesso vedono più post commerciali, creando un buco che un’app come BeReal potrebbe provare a riempire, ha detto Pamela Rutledge, direttore del Media Psychology Research Center di Newport Beach, California. Tuttavia, secondo Rutledge BeReal e altre nuove reti di social media avranno potere solo se possono mantenere costante l’utilizzo dell’app da parte degli utenti e dei loro amici. “Un sacco di applicazioni sono divertenti da provare, ma il punto di un’applicazione di social-media è quello di connettersi con gli altri”, ha detto il dottor Rutledge.

BeReal vuole che gli utenti ritraggano le loro vite piuttosto che condividere immagini per accumulare influenza, ha detto un portavoce. “Vogliamo che le persone si sentano bene con se stesse e con la loro vita”.

UNA STELLA COMETA O DESTINATA A RIMANERE?

Per alcuni, l’ascesa di BeReal assomiglia ad altre applicazioni un tempo popolari come Yo e Frontback. Quest’ultima app permetteva agli utenti di scattare foto utilizzando la fotocamera anteriore e posteriore e poi fondeva i due scatti in una singola immagine. Ha avuto un’impennata di popolarità dopo il suo lancio nel 2013, ma ha chiuso due anni dopo quando gli utenti sono passati alla successiva “big thing”.

Anche se il numero di download è una buona misura del successo di un’app, questi dati non predicono se l’app ha un potere duraturo, ha detto Niklas Myhr, che insegna social media, marketing digitale e globale alla Chapman University di Orange, California.

Le app possono fallire se si basano troppo pesantemente su una caratteristica senza sviluppare più strumenti per mantenere gli utenti impegnati, ha detto il dottor Myhr. Questo è stato il caso di Yo, lanciata nel 2014 solo per permettere agli utenti di dire “Yo” agli amici. L’app ha aggiunto profili, link e hashtag, ma gli aggiornamenti non sono stati sufficienti a salvarla.

Mentre il signor Carey ama il colpo quotidiano di dopamina di BeReal, vuole qualcosa di più dall’app per renderla coinvolgente al di là del suo pulsante “RealMoji”. Quella caratteristica permette agli utenti di reagire a un post scattando un selfie, piuttosto che toccare un cuore o un’icona di pollice in su. Per ora, il signor Carey continua a controllare l’app poiché i suoi amici sono lì.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore