Innovazione

Perché critico la multa Ue a Google

di

Google

Il commento di Massimiliano Trovato, research fellow dell’Istituto Bruno Leoni, sulla sentenza della Commissione europea che ha multato Google

DI SEGUITO AMPI STRALCI DI UN’ANALISI FIRMATA DA MASSIMILIANO TROVATO E ALBERTO MINGARDI, DG ISTITUTO BRUNO LEONI, PUBBLICATA SU POLITICO IL 16 GIUGNO:

Mentre è vero che Android è utilizzato da oltre l’80% degli smartphone in tutto il mondo, la storia del settore tecnologico ci mostra che tali accordi possono cambiare molto rapidamente. A un certo punto o in un altro, Yahoo, Nokia e persino MySpace si pensava che avessero conquistato monopoli indiscutibili. Ora parliamo di loro al passato.

Troppo spesso i regolatori ritengono che nei mercati tecnologici il passato sia un buon indicatore del futuro. Non è. E così, nel valutare il dominio di Android è importante guardare attentamente al mercato mobile e in che modo influisce sul benessere del consumatore.

Android è un prodotto Google, ma è anche molto più di questo. È un software open source disponibile in innumerevoli e potenzialmente infinite variazioni, dato che chiunque può armeggiare con esso.Può essere modificato da lupi solitari che lavorano nei loro garage o dalle grandi società che escogitano nuovi prodotti basati sul sistema operativo ma non vogliono dare via la loro identità di marca o, soprattutto, le loro fonti di entrate. Ad esempio, i tablet Amazon eseguono una versione personalizzata di Android.

I sistemi aperti sono fantastici, come diranno tutti i ragazzi del software, ma ci sono dei compromessi. Gli smartphone sono dispositivi complessi che le persone dovrebbero essere in grado di utilizzare nei modi più semplici. Google richiede ai produttori di sottoporsi a verifiche di compatibilità, di preinstallare le proprie app proprietarie e di stipulare i cosiddetti accordi anti-frammentazione, che impediscono loro di commercializzare dispositivi basati su versioni concorrenti di Android (note come “forchette”). In tal modo, Google garantisce che i consumatori dispongano di un dispositivo che possano comprendere in modo intuitivo.

I consumatori ora sanno cosa aspettarsi quando acquistano un nuovo dispositivo Android, nonostante si tratti di un sistema aperto che potrebbe variare sostanzialmente tra le diverse versioni degli sviluppatori. Garantire un’esperienza utente fluida e coerente può essere complicato in un ambiente aperto, quindi la necessità di un certo grado di uniformità. Ciò, a sua volta, è di fondamentale importanza per gli sviluppatori di app, in quanto fornisce loro un pubblico affidabile per i loro sforzi di codifica.

I consumatori non sono “rinchiusi”. Possono e svolgono un ruolo nel controllare gli abusi o le strategie sbagliate, sia personalizzando i loro telefoni (64 miliardi di app sono state scaricate dal Google Play Store nel 2017, secondo la società di intelligence Sensor Tower) o da passaggio a un modello diverso del tutto.

Gli accordi di Google con i produttori sono ciò che consente all’azienda di continuare a offrire Android gratuitamente, mentre si fanno carico degli enormi costi che il suo sviluppo e il costante miglioramento richiedono. I ricavi generati (direttamente) attraverso la vendita di app e (indirettamente) attraverso la pubblicità abilitata alla ricerca contribuiscono a rendere tutto redditizio.

Massimiliano Trovato è ricercatore presso l’Istituto Bruno Leoni di Milano. Alberto Mingardi è direttore generale dell’istituto, studioso aggiunto presso il Cato Institute e fellow alla Chapman University. Google è un donatore finanziario dell’Istituto Bruno Leoni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati