Innovazione

Mobileum, cosa farà l’azienda della Silicon Valley per Sparkle di Tim

di

Mobileum sparkle

Sparkle fornirà insieme a Mobileum soluzioni basate su strumenti di sicurezza e di analitica avanzata in un’unica infrastruttura al servizio degli operatori mobili

 

Sparkle, controllata di Tim, e Mobileum, azienda californiana di servizi di analisi per il roaming, hanno annunciato una collaborazione per l’offerta di servizi integrati di roaming e sicurezza agli operatori mobili a livello globale.

Con reti mobili sempre più sofisticate e che lo saranno ancora di più con l’introduzione del 5G, gli operatori hanno la necessità di monitorare, analizzare e rilevare attività anomale e violazioni della sicurezza prima che queste abbiano un impatto sull’utente finale e sui costi e ricavi dell’operatore.

Ecco tutti i dettagli sull’azienda statunitense.

COSA FA MOBILEUM

Mobileum progetta e sviluppa soluzioni di analisi dei dati, fornisce servizi per la sicurezza nelle telecomunicazioni, la gestione del rischio e i test end to end. La società sviluppa soluzioni per domini GSM e CDMA, oltre a una piattaforma di servizi finanziari mobili che consente il pagamento di fatture, servizi bancari mobili e trasferimenti di denaro.

Fondata nel 2000, Mobileum è stata acquisita da Audax Private Equity nel 2016. A guidare la società c’è il ceo Bobby Srinivasan. Mobileum ha registrato 98 milioni di dollari di ricavi nel 2019.

Più di 900 operatori si affidano alla sua piattaforma Active Intelligence per aumentare i ricavi del roaming, migliorare la sicurezza della rete, ridurre al minimo i rischi e garantire test e monitoraggio attivi.

Con sede nella Silicon Valley, Mobileum ha uffici globali in Belgio, Dubai, Germania, India, Portogallo, Singapore e Regno Unito.

T-MOBILE E SHELTER CAPITAL PARTNERS TRA GLI INVESTITORI

Secondo Crunchbase, Mobileum del gruppo Audax ha raccolto un totale di 64 milioni di dollari in finanziamenti in 3 round. La società ha raccolto l’ultimo finanziamento il 9 giugno 2008 da un round di serie D.

Mobileum è finanziato da 6 investitori. T-Mobile e Shelter Capital Partners sono gli investitori più recenti. Gli altri comprendono: Dcm Ventures, Tibco, Bea Systems e Mitsubishi.

Dalla sua fondazione a oggi, la società californiana ha acquisito 7 compagnie.

LE ACQUISIZIONI RECENTI

Lo scorso luglio Mobileum ha acquisito Sigos per una somma non rivelata, potenziando i test e le analisi end-to-end per 5G e IoT. Sigos è attiva nella Silicon Valley, Ghent Belgio), Norimberga (Germania) e Singapore.

Si è trattato della terza acquisizione di Mobileum dopo l’acquisto di WeDo Technologies nell’agosto 2019 e di Evolved Intelligence nell’ottobre 2018. Con queste acquisizioni la società punta a rafforzare la sua presenza a livello globale.

I SERVIZI FORNITI DA SPARKLE E MOBILEUM

Sparkle è il primo operatore di servizi wholesale internazionali in Italia e tra i primi dieci nel mondo. La società è controllata dal gruppo presieduto da Salvatore Rossi e guidata dall’amministratore delegato, Luigi Gubitosi.

Grazie alla nuova collaborazione, Sparkle e Mobileum hanno realizzato un’infrastruttura di intelligence unica, in grado di offrire a operatori di rete mobile (MNO) e operatori virtuali (MVNO) strumenti di analisi avanzati. Per la connettività IPX, il roaming dati, la segnalazione per i protocolli SS7, Diameter e GTP e per altre soluzioni di roaming avanzate.

I servizi sono forniti attraverso una piattaforma integrata di nuova generazione che copre un’ampia gamma di scenari di connettività, dal VoLTE all’IoT al 5G. Inoltre, grazie a una piattaforma cloud all’avanguardia, che può essere implementata anche nella sede dei clienti, Sparkle e Mobileum sono in grado di offrire una proposizione altamente flessibile, sia dal punto di vista dell’architettura, sia del modello di business.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati