skip to Main Content

L’industria ucraina del software finora ha tenuto botta ma quanto potrà ancora resistere?

Industria Software Ucraina

Nel 2022 l’economia ucraina si ridurrà di quasi un terzo a causa della guerra, ma l’industria del software finora se l’è cavata molto meglio di altri settori: le esportazioni sono cresciute del 23% e solo il 2% delle 5.000 aziende ha chiuso. Ma sarà così anche nel prossimo futuro? L’articolo dell’Economist

 

Secondo la banca centrale del Paese, nel 2022 l’economia ucraina si ridurrà di quasi un terzo a causa della guerra. Ma un settore se l’è cavata molto meglio di altri.

La Ukrainian IT Association, un ente dell’industria tecnologica con sede a Kiev calcola che nei primi sei mesi di quest’anno le esportazioni di software sono cresciute del 23% rispetto allo stesso periodo del 2021. Solo il 2% delle 5.000 aziende di software ucraine ha chiuso i battenti quest’anno. Perché il settore è stato così resistente e quali sono le prossime prospettive per i programmatori del Paese?, si chiede The Economist.

Sebbene l’intero settore IT rappresenti solo il 4% circa del PIL, l’Ucraina considera l’industria del software un tesoro nazionale. Gli stipendi mensili superano spesso i 3.000 dollari, cinque o sei volte la media nazionale. Il lavoro di sviluppo software che viene esternalizzato dai Paesi più ricchi alimenta l’ecosistema ucraino delle startup. Dopo essersi fatti le ossa su progetti per clienti all’estero, molti lavoratori avviano aziende che sviluppano i propri prodotti. Oleksandr Bornyakov, vice ministro ucraino per la trasformazione digitale, afferma che la visione del governo è quella di “costruire il più grande hub informatico dell’Europa orientale”.

Il motivo per cui l’industria ha resistito relativamente bene alla guerra è in parte una pianificazione intelligente. Prima dell’invasione russa, GlobalLogic, un’azienda americana con circa 8.000 programmatori in Ucraina, ha pianificato il trasferimento dei dipendenti in aree più sicure del Paese e ha effettuato prove di una settimana lavorando da Lviv, una città dell’ovest.

Vitaly Sedler, amministratore delegato di Intellias, una società di software ucraina, ha adottato una strategia simile. Quattro ore dopo il passaggio delle forze russe oltre il confine, il 24 febbraio, autobus noleggiati hanno iniziato a trasportare i suoi sviluppatori e le loro famiglie da Charkiv, nel nord-est, e da altre città vicine alla Russia verso la relativa sicurezza nell’ovest dell’Ucraina. N-iX, un altro sviluppatore di software ucraino che ha rapidamente trasferito i propri dipendenti, riferisce che alla fine di marzo la produttività era tornata ai livelli precedenti all’invasione e da allora è rimasta sostanzialmente invariata. Le associazioni di categoria hanno aiutato i programmatori che si sono rintanati in uffici, bunker e appartamenti a mettere in comune le risorse, condividendo i collegamenti satellitari e i sistemi di alimentazione di riserva.

Ma i venti contrari si stanno facendo sentire. Nelle ultime settimane i metodici attacchi russi alle infrastrutture critiche hanno causato diffuse interruzioni di acqua ed elettricità. Secondo il presidente Volodymyr Zelensky, il 17 novembre 10 milioni di ucraini erano senza corrente. Per il settore informatico ucraino questo potrebbe essere “devastante”, avverte Andrei Drobot, professore alla Kyiv School of Economics, parlando da un appartamento senza corrente. La coscrizione è un problema minore. Si stima che il 3% dei lavoratori ucraini del software stia attualmente combattendo nelle forze armate.

La crescita di quest’anno potrebbe essere stata favorita da quello che Ihor Kostiv, dirigente di GlobalLogic a Leopoli, definisce “sostegno emotivo” da parte di clienti occidentali comprensivi. È improbabile che tale altruismo resista a blackout più estesi. Le esportazioni di IT, la maggior parte delle quali è costituita da software, sono già rallentate. La crescita tra luglio e settembre di quest’anno è stata del 13%, secondo Konstantin Vasyuk dell’Associazione ucraina per l’informatica, ben al di sotto del tasso della prima metà dell’anno.

A lungo termine, il “rischio enorme”, secondo Bornyakov, è che un numero maggiore di aziende ucraine del settore IT si trasferisca in Polonia o altrove in Europa. Dei circa 285.000 specialisti tecnologici presenti in Ucraina all’inizio di quest’anno, più di 50.000 – per lo più donne – si sono trasferiti all’estero, secondo un’indagine del Lviv IT Cluster, un’associazione di settore. Per fermare la fuga di cervelli, l’Ucraina dovrà mantenere in funzione le proprie infrastrutture. E, in ultima analisi, avrà bisogno che i combattimenti cessino.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore