Innovazione

Leonardo-Finmeccanica e Tempest, ecco che cosa farà il governo Conte 2 con Guerini (Pd) alla Difesa

di

Analisti e addetti ai lavori sono unanimi: la scelta del governo Conte 1 di far aderire l’Italia al progetto britannico Tempest per il caccia di sesta generazione sarà confermato anche dal più europeista Conte 2, magari in attesa di un’integrazione con il progetto franco-tedesco Fcas.

CHE COSA SUCCEDE SU TEMPEST E LEONARDO-FINMECCANICA

L’Italia potrebbe ritardare l’adesione al programma britannico Tempest: la costruzione di un caccia multi-ruolo di sesta generazione, il primo aereo da combattimento stealth europeo. Il velivolo dovrebbe sostituire tutti i Tornado esistenti e quindi il già collaudato Eurofighter “Typhoon” entro il 2035, integrandosi con l’F-35.

LO SCOOP DELLA STAMPA SU TEMPEST, ITALIA E LEONARDO-FINMECCANICA

Secondo La Stampa, l’Italia avrebbe dovuto annunciare la sua adesione all’iniziativa del Regno Unito durante la fiera DSEI a Londra il prossimo 11 settembre. “Ora che il governo italiano è cambiato, è possibile che l’annuncio venga ritardato; scrive il giornale milanofinanza.it diretto da Roberto Sommella.

COME SI COMPONE IL PROGETTO

Il programma Tempest è sviluppato da Bae Systems, un consorzio che include Rolls-Royce, Mbda e la divisione britannica di Leonardo (ex Finmeccanica). Il progetto del caccia di sesta generazione Tempest è stato promosso dal Regno Unito. La Svezia ha già aderito al programma, mentre Francia, Germania e Spagna hanno avviato un programma alternativo, il Fcas.

COME SARA’ IL CACCIA DI 6° GENERAZIONE

Ma come e dove nasce il progetto Tempest? Nel 2018 la Gran Bretagna ha acceso i motori per il progetto Tempest: la realizzazione di un caccia multiruolo di sesta generazione, primo aereo da combattimento stealth europeo. Come ha sottolineato l’analista Arcangelo Milito su Start Magazine, il velivolo dovrebbe sostituire tutti i Tornado esistenti e quindi il già collaudato Eurofighter “Typhoon” entro il 2035, integrandosi con l’F-35, ha scritto Chiara Rossi di Start nelle scorse settimane.

LE ATTESE DEL COMPARTO SULLE MOSSE DEL NEO MINISTRO GUERINI

L’Italia fino ad alcuni giorni, nonostante le sollecitazioni di esperti, analisti e aziende del comparto, non aveva deciso, salvo accelerare negli ultimi giorni del governo Conte 1 sostenuto da Movimento 5 Stelle e Lega. “Ora la palla passa a Lorenzo Guerini, ministro della Difesa del governo giallorosso, chiamato a confermare una scelta auspicata da tempo dal settore”, ha scritto Formiche, giornale edito da Paolo Messa, top manager del gruppo Leonardo-Finmeccanica.

IL REPORT DI BANCA AKROS SU LEONARDO-FINMECCANICA E TEMPEST

“Comunque tutto suggerisce che l’Italia non cambierà la sua decisione sul programma poiché l’Aeronautica Militare italiana ha un mix di flotte identico a quello della Raf del Regno Unito, ma il nuovo governo italiano ha profondamente cambiato il suo atteggiamento nei confronti dell’Europa e c’è una modesta possibilità che qualcosa possa cambiare anche sul tema del caccia di sesta generazione”, hanno affermato in una nota di oggi gli analisti di Banca Akros.

I NUMERI IN BALLO

“Sottolineiamo che Leonardo impiega circa 7 mila persone nel Regno Unito e che si è unito al programma Tempest dal primo giorno; una scelta diversa dal Tempest, vale a dire la scelta di aderire al Fcas, non avrebbe senso per Leonardo e l’industria italiana. Riteniamo che una scelta simile sia dirompente e negativa, ma crediamo che le possibilità di uno scenario simile siano davvero limitate”, hanno aggiunto gli analisti della banca d’affari, come scrive Mf/Milano Finanza.

LE IDEE DEL DEMOCRAT GUERINI ALLA DIFESA PIU’ VICINE ALLA LEGA RISPETTO A QUELLE DELLA GRILLINA TRENTA. IL POST DEL PROF. DOTTORI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati