Innovazione

La lunga strada per l’innovazione green. Report Aie

di

Aie

Secondo Aie (Agenzia Internazionale per l’Energia) ci vorranno da 18 anni a più di 100 anni per aumentare le tecnologie chiave per la lotta al cambiamento climatico.

 

Senza una grande accelerazione nell’innovazione dell’energia pulita, i paesi e le aziende di tutto il mondo non saranno in grado di mantenere gli impegni presi per ridurre le loro emissioni di carbonio a zero nei prossimi decenni. È quanto ammonisce il rapporto speciale pubblicato dall’Agenzia Internazionale per l’Energia (Aie) che valuta ci vorranno da 18 anni a più di 100 anni per aumentare le tecnologie chiave per la lotta al cambiamento climatico.

IL RAPPORTO

Il rapporto – la prima pubblicazione della serie dell’Aie Energy Technology Perspectives (ETP) – comprende un nuovo strumento completo che analizza la disponibilità sul mercato di oltre 400 tecnologie energetiche pulite. E valuta i modi in cui l’innovazione nel campo dell’energia pulita può essere accelerata in modo significativo per ottenere emissioni nette zero, migliorando al contempo la sicurezza energetica in un arco di tempo compatibile con gli obiettivi internazionali in materia di clima e di energia sostenibile.

LA SFIDA DEI SETTORI DIFFICILI DA DECARBONIZZARE

Una parte significativa della sfida proviene da settori importanti in cui sono attualmente disponibili poche tecnologie per ridurre a zero le emissioni, come il trasporto marittimo, l’autotrasporto, l’aviazione e le industrie pesanti come l’acciaio, il cemento e i prodotti chimici. La decarbonizzazione di questi settori richiederà in gran parte lo sviluppo di nuove tecnologie che non sono attualmente in uso commerciale, osserva l’Aie. Tuttavia, il processo di innovazione che porta un prodotto dal laboratorio di ricerca al mercato di massa può essere lungo e il successo non è garantito. Ci sono voluti decenni perché i pannelli solari e le batterie raggiungessero lo stadio attuale. Ora il tempo è ancora più breve.

In particolare, il rapporto sottolinea l’importanza di assicurarsi che le soluzioni cruciali per l’energia pulita siano pronte in tempo per l’inizio di cicli di investimento pluri-decennali nei settori chiave. In questo modo si potrebbero creare enormi mercati per le nuove tecnologie ed evitare di bloccare grandi quantità di emissioni per i decenni a venire. Se le tecnologie chiave saranno disponibili entro il 2030 per sfruttare il prossimo ciclo di rinnovamento degli impianti nell’industria pesante, si potrebbero evitare quasi 60 gigatonnellate di emissioni di Co2.

CONTINUA SPINTA ALL’INNOVAZIONE PER RIDURRE COSTI E ACCELERARE LA DIFFUSIONE

Un altro problema è che molte delle tecnologie per l’energia pulita oggi disponibili – come le turbine eoliche offshore, i veicoli elettrici e alcune applicazioni di cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio – hanno bisogno di una continua spinta all’innovazione per ridurre i costi e accelerare la diffusione.

Secondo il rapporto dell’Aie, circa tre quarti delle riduzioni cumulative delle emissioni di carbonio che sarebbero necessarie per portare il mondo su un percorso sostenibile verrebbero da tecnologie che non hanno ancora raggiunto la piena maturità. Ad esempio, sarebbe necessario un rapido progresso nella progettazione di nuove batterie che sono ancora in fase di prototipo per spostare il trasporto a lunga distanza dai combustibili fossili all’elettricità.

Ma il settore pubblico e quello privato non sono attualmente in grado di realizzare gli sforzi di innovazione necessari per sostenere le loro ambizioni di “net-zero” – e la crisi della Covid-19 minaccia di compromettere ulteriormente i progetti in tutto il mondo incentrati sullo sviluppo di nuove tecnologie energetiche di vitale importanza.

I CINQUE PRINICIPI CHIAVE DI AIE

Per aiutare a guidare i responsabili politici in questo difficile momento, il rapporto dell’Aie offre cinque principi chiave dell’innovazione per i governi che mirano a produrre emissioni nette a zero, migliorando nel contempo la sicurezza energetica:

Dare priorità, tracciare le priorità e adeguarsi. Rivedere i processi di selezione dei portafogli tecnologici per il sostegno pubblico per garantire che siano rigorosi, collettivi, flessibili e allineati ai vantaggi locali.

Incrementare la R&S pubblica e l’innovazione privata guidata dal mercato. Utilizzare una serie di strumenti – dalla ricerca e sviluppo pubblici agli incentivi di mercato – per espandere i finanziamenti in base alle diverse tecnologie.

Indirizzare tutti gli anelli della catena del valore. Guardate il quadro generale per garantire che tutti i componenti delle catene del valore chiave avanzino in modo uniforme verso la prossima applicazione di mercato e sfruttino le ricadute.

Costruire infrastrutture abilitanti. Mobilitare i finanziamenti privati per contribuire a colmare la “valle della morte” condividendo i rischi di investimento dei potenziamenti della rete e dei dimostratori su scala commerciale.

Lavorare a livello globale per il successo regionale. Collaborare per condividere le migliori pratiche, le esperienze e le risorse per affrontare le sfide tecnologiche urgenti e globali, anche attraverso le piattaforme multilaterali esistenti.

I GOVERNI MANTENGANO I FINANZIAMENTI IN RICERCA E SVILUPPO

In particolare, il rapporto evidenzia le questioni che richiedono un’attenzione immediata nel contesto della crisi Covid-19, come l’importanza che i governi mantengano i finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo ai livelli pianificati fino al 2025 e considerino la possibilità di aumentarli in aree strategiche. E sottolinea che le politiche e i finanziamenti basati sul mercato possono aiutare a scalare le catene del valore per le piccole tecnologie modulari con esigenze di innovazione che si sovrappongono, come i nuovi tipi di batterie ed elettrolizzatori, facendo avanzare in modo significativo il loro progresso.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati