Innovazione

Iphone, ecco perché Facebook e Apple guerreggiano sugli annunci pubblicitari

di

Google Facebook

Facebook mette in guardia gli inserzionisti sulle modifiche alla privacy di Apple apportate su iOS 14: le entrate pubblicitarie potrebbero dimezzarsi. Fatti, commenti e analisi sulla diatriba

 

Don’t touch my adv.

Facebook si scaglia contro Apple a causa della funzionalità anti-tracciamento del nuovo sistema operativo iOS 14.

Il colosso social di Mark Zuckerberg ha avvertito i suoi partner pubblicitari che dovrebbero aspettarsi che la loro capacità di monetizzare efficacemente su Audience Network diminuisca.

Il gruppo di Menlo Park afferma che le modifiche di Apple influenzeranno la sua attività di Audience Network, che collega le identità di Facebook degli utenti con le loro attività fuori dalla piattaforma.

Le modifiche entreranno in vigore con il nuovo sistema operativo Apple per iPhone, chiamato iOS14, rilasciato in versione beta agli sviluppatori questa settimana.

“IOS 14 danneggerà molti dei nostri sviluppatori ed editori in un momento già difficile per le aziende”, ha dichiarato la società di Zuckerberg.

Nonostante l’annuncio, le azioni di Facebook hanno guadagnato oltre l’8% sul mercato mercoledì.

L’AUDIENCE NETWORK DI FACEBOOK

L’Audience Network di Facebook consente agli sviluppatori di software mobile di fornire pubblicità in-app mirate agli utenti sulla base dei dati di Facebook.

Oggi, gli inserzionisti possono utilizzare un numero ID dispositivo univoco chiamato IDFA per indirizzare meglio gli annunci e stimarne l’efficacia.

COSA PREVEDE APPLE PER IOS14

Ma Apple ci ha messo lo zampino. Le modifiche in arrivo con il software iOS 14, ogni app che desidera utilizzare questi identificatori chiederà agli utenti di attivare il monitoraggio quando l’app viene avviata per la prima volta.

“Con iOS 14, iPadOS 14 e tvOS 14, dovrai ricevere l’autorizzazione dell’utente attraverso il framework App Tracking Transparency per tracciarli o accedere all’identificatore pubblicitario del loro dispositivo”, ha dichiarato Apple in un post online rivolto agli sviluppatori.

Apple dovrebbe rilasciare il nuovo sistema operativo mobile iOs entro la fine dell’anno.

LE MODIFICHE DI FACEBOOK

Facebook mercoledì ha dichiarato che smetterà di utilizzare i vecchi strumenti di tracciamento di Apple nelle proprie app e adotterà la nuova offerta di Apple.

… LE LAMENTELE…

Facebook ha comunicato che si adatterà alle modifiche, non senza borbottare. Il social network ha pubblicato un post sul blog che delinea i passaggi necessari per garantire che la sua attività pubblicitaria sia conforme ai requisiti di Apple. Questi passaggi limiteranno l’efficacia con cui Facebook e i suoi inserzionisti possono indirizzare gli annunci agli utenti di iPhone e iPad.

“Sebbene sia difficile quantificare l’impatto su editori e sviluppatori a questo punto con così tante incognite, nei test abbiamo visto un calo di oltre il 50% nelle entrate degli editori di Audience Network quando la personalizzazione è stata rimossa dalle campagne di installazione di annunci mobili”. Si legge nel post pubblicato da Facebook.

“In realtà, l’impatto su Audience Network su iOS 14 potrebbe essere molto maggiore, quindi stiamo lavorando su strategie a breve e lungo termine per supportare gli editori attraverso questi cambiamenti”, ha aggiunto Facebook nel post.

… E LE MINACCE

“Alla fine” ha chiosato il gruppo di Menlo Park “nonostante i nostri migliori sforzi, gli aggiornamenti di Apple potrebbero rendere Audience Network così inefficace su iOS 14 che potrebbe non avere senso offrirlo su iOS 14.”

ANNUNCI MIRATI SU SMARTPHONE ANDROID

Tuttavia, il sistema di Facebook sarà ancora in grado di indirizzare gli annunci nelle app realizzate per smartphone o tablet Android. Ha assicurato la società di Mark Zuckerberg.

MODELLI DI BUSINESS A CONFRONTO

Facebook, nel 2018, aveva pagato 1,5 miliardi di dollari a sviluppatori ed editori per il diritto di mostrare annunci sulle loro piattaforme nel 2018. Apple ha criticato l’operazione di raccolta dati che è alla base dell’enorme attività pubblicitaria di Facebook.

Facebook ricava quasi tutte le sue entrate dalla pubblicità, ma non è noto quale percentuale sia attribuibile all’Audience Network rispetto agli annunci su Facebook e altre proprietà.

Dall’altro lato Apple, che non fa affidamento sulle entrate pubblicitarie digitali, ha lavorato per limitare il monitoraggio delle attività online e ha sottolineato la privacy degli utenti come una priorità.

Ad agosto il colosso di Cupertino ha raggiunto una capitalizzazione da record. Apple è la prima società statunitense a superare i 2000 miliardi di dollari.

L’ATTENZIONE DI APPLE ALLA PRIVACY DEGLI UTENTI

Ma cosa c’è dietro la strategia di Apple? L’azienda di Cupertino in precedenza forniva uno strumento chiamato identificatore per gli inserzionisti, o IDFA, che consentiva a Facebook e ad altri di impegnarsi in tale tracciamento degli utenti attraverso le app.

Ma a giugno il produttore di iPhone ha affermato che tale attività richiederà il consenso da parte degli utenti. Le società di pubblicità digitale si aspettano che la maggior parte degli utenti rifiuterà di concedere tale autorizzazione.

O ALLE PROPRIE TASCHE?

Come ha riportato Reuters, John Nardone, ceo della società di software per la pubblicazione di annunci Flashtalking, ha dichiarato che la decisione di Apple di limitare il proprio business pubblicitario potrebbe essere vista come anti-competitiva aumentando i prezzi per i consumatori abituati ad app gratuite e supportate da pubblicità.

“C’è un interesse personale che Apple faccia questo perché, man mano che il flusso di entrate pubblicitarie diventa più difficile, le app devono far pagare gli utenti e Apple, come testimoniato dal caso di Epic Games, ne prende il 30%”, ha detto Nardone. “Apple non ha una partecipazione negli annunci, ma ha una partecipazione nelle app a pagamento.”

IL CASO FORTNITE

A metà agosto Epic Games, creatore del videogioco Fortnite, ha fatto causa alla Apple per il modo in cui gestisce il suo App store, accusando il gigante di Cupertino di esercitare il potere di monopolio. Epic Games ha chiesto a un giudice federale di ordinare ad Apple di interrompere la sua “condotta anticoncorrenziale” e di annullare le regole del gigante tecnologico che richiedono agli sviluppatori di app di pagare il 30% delle transazioni per fare affari su App Store.

La causa è stata intentata lo stesso giorno in cui Apple ha ritirato Fortnite dal mercato online. Epic Games aveva aggiunto un sistema di pagamento che consentiva alle transazioni dei giocatori di bypassare il sistema App Store, risparmiando denaro nel processo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati