Innovazione

In Germania il Covid si combatte con l’aerazione delle stanze

di

Germania Covid

Non solo distanziamento e mascherine: tra le misure per prevenire il Covid, in Germania, rientra anche l’aerazione delle stanze 

La ventilazione delle stanze è stata aggiunta alla formula del governo tedesco per la lotta contro il coronavirus, in una notizia rinfrescante per gli esperti di igiene dell’aria del paese che da mesi ne chiedono l’ufficializzazione – scrive The Guardian.

L’usanza è una sorta di ossessione nazionale, con molti tedeschi che abitualmente aprono le finestre due volte al giorno, anche in inverno. Spesso il requisito è inserito come clausola legalmente vincolante nei contratti di locazione, soprattutto per proteggere dalla muffa e dai cattivi odori.

Ma mentre alcuni possono liquidare il metodo come primitivo, “può essere uno dei modi più economici ed efficaci” per contenere la diffusione del virus, Angela Merkel ha insistito martedì.

La cancelliera tedesca ha spiegato che le linee guida del governo per affrontare il virus, racchiuse nell’acronimo AHA, che sta per distanziamento, igiene e copertura del viso, saranno estese fino a diventare AHACL. La “C” sta per l’app governativa di avvertimento del coronavirus, e la “L” per Lüften o l’aerazione di una stanza.

“Una regolare ventilazione d’impatto in tutti i locali privati e pubblici può ridurre notevolmente il pericolo di infezione”, spiega la raccomandazione del governo.

La ventilazione d’impatto, o Stosslüften, che necessita di una spiegazione per la maggior parte delle persone che non hanno familiarità con la Germania, ad eccezione degli esperti di igiene dell’aria, comporta l’apertura di una finestra al mattino e alla sera per almeno cinque minuti per consentire la circolazione dell’aria. Ancora più efficiente è il Querlüften, o ventilazione incrociata, in cui tutte le finestre di una casa o di un appartamento vengono aperte lasciando uscire l’aria viziata e far entrare aria fresca.

Il principale esperto di coronavirus del Paese, Christian Drosten, capo virologo dell’ospedale Charité di Berlino, ha già dedicato un’edizione del suo podcast di successo sulla pandemia all’importanza della Luftverdünnung e della Luftbewegung – rarefazione e movimento dell’aria – in cui esalta le lodi delle frequenti ventilazioni, mentre il settimanale Die Zeit ha pubblicato un articolo di 10 pagine sulla ventilazione, inclusa la scienza che c’è dietro e, soprattutto, su come farlo in inverno.

Anche senza coronavirus, Martin Kriegel, ingegnere e analista di correnti d’aria all’Università Tecnica di Berlino, ha detto a Die Zeit, “ci sono chiare prove che la qualità dell’aria negli uffici è correlata al numero di giorni di assenza per malattia dei lavoratori”.

Le scuole, che sono state sempre più considerate un banco di prova per capire come la società può imparare a convivere con la malattia, hanno da tempo adottato questa pratica. Un recente incontro dei ministri dell’Istruzione dei 16 stati tedeschi è stato dedicato a come arieggiare un’aula. Cinque esperti, dalla meccanica dei fluidi agli igienisti dell’aria interna e agli aerodinamici, hanno rafforzato l’importanza di arieggiare un’aula ogni 15-20 minuti, per cinque minuti in primavera e in autunno e tre minuti in inverno.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati