Innovazione

Il vaccino russo anti Covid è ok. Lo studio pubblicato su Lancet

di

vaccino Astrazeneca Italia

Il vaccino russo anti Covid produce anticorpi. Che cosa è scritto nello studio dell’Istituto nazionale di ricerca epidemiologica Gamaleya di Mosca pubblicato sulla rivista specializzata Lancet

Il vaccino russo Sputnik funziona. A dirlo è uno studio pubblicato su Lancet: secondo quanto riportato dal gruppo di Denis Logunov, dell’Istituto nazionale di ricerca epidemiologica Gamaleya di Mosca, il vaccino avrebbe prodotto una risposta immunitaria in tutti i 76 volontari, adulti sani tra i 18 e 60 anni, coinvolti nelle fasi 1 e 2 della sperimentazione.

Andiamo per gradi.

LO STUDIO

Lo studio sul vaccino, prodotto dalla Binnopharm, è stato condotto da Denis Y Logunov e colleghi del NF Gamaleya Research Institute of Epidemiology and Microbiology.

LA SPERIMENTAZIONE

In occasione della sperimentazione, i ricercatori hanno arruolato, tra il 18 giugno e 3 agosto, 76 volontari adulti sani (di età compresa tra 18 e 60 anni) in due diversi studi (38 persone in ciascuno studio); 53 (70%) partecipanti erano uomini e 23 (30%) erano donne.

Le principali misure di valutazione erano la sicurezza e l’immunogenicità (immunità umorale antigene-specifica). Nella fase 1 di ciascuno studio, due gruppi di nove volontari hanno ricevuto una dose del vettore dell’adenovirus ricombinante tipo 26 (rAd26) o del vettore dell’adenovirus ricombinante tipo 5 (rAd5), entrambi portatori del gene per la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 ( SARS-CoV-2) glicoproteina spike (rAd26-S e rAd5-S), in forma liofilizzata o congelata.

Nella fase 2, un altro gruppo di 20 volontari adulti sani in ciascuno studio ha ricevuto dosi sequenziali di rAd26-S seguite da rAd5-S di una delle due formulazioni.

covid

LE REAZIONI AVVERSE

Nessun evento avverso grave. Le controindicazioni sono stati dolori al sito di iniezione (44 [58%]), ipertermia (38 [50%]), mal di testa (32 [42%]), astenia (21 [28%]) e muscoli e articolazioni dolore (18 [24%]), secondo quanto riportato su Lancet.

LO SVILUPPO DEGLI ANTICORPI

Da un punto di vista immunologico, invece, nella fase 2, l’85% dei partecipanti aveva anticorpi rilevabili 14 giorni dopo la dose di priming, salendo al 100% entro il giorno 21.

I LIMITI DELLO STUDIO

Non mancano, riporta Lancet, i limiti. Il vaccino congelato è stato somministrato a giovani militari, ed è probabile che i soldati siano più in forma e più sani della popolazione generale, non presentando sintomi particolari.

Negli anziani, invece, la senescenza potrebbe rendere i vaccini meno immunogenici. Nessun anziano, però, è stato incluso nello studio.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati