skip to Main Content

I robot danneggiano i lavoratori? Report The Economist

Robot

Il tasso di disoccupazione ha portato gli economisti a chiedersi se i robot stanno rubando o ruberanno posti di lavoro, ma la risposta è meno scontata di quanto si possa pensare

 

Quando la pandemia ha colpito per la prima volta, la disoccupazione si è impennata. Non succedeva dai tempi della Depressione che la disoccupazione americana superava il 14%, come nell’aprile 2020. Ma i timori di un periodo prolungato di alta disoccupazione non si sono avverati. Secondo gli ultimi dati disponibili, per novembre, il tasso di disoccupazione per il club Ocse di paesi per lo più ricchi era solo marginalmente più alto di quanto non lo fosse prima della pandemia. A questo punto potrebbe anche essersi livellato. Il rimbalzo del mercato del lavoro del mondo ricco è l’ultimo fenomeno che porta gli economisti a guardare di nuovo a una questione fondamentale nella materia: se i robot aiutano o danneggiano i lavoratori – scrive The Economist.

La narrativa cupa, che dice che un’invasione di robot che uccidono il lavoro è dietro l’angolo, ha avuto per decenni una straordinaria presa sull’immaginazione popolare. Avvertire la gente di un futuro senza lavoro ha, abbastanza ironicamente, creato un sacco di lavoro per ambiziosi intellettuali pubblici in cerca di un accordo per un libro o di un’opportunità di parlare. Poco prima della pandemia, però, altri ricercatori stavano iniziando a mettere in discussione la teoria corrente. Il mondo era presumibilmente nel mezzo di una rivoluzione dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento automatico, ma nel 2019 i tassi di occupazione nelle economie avanzate erano saliti ai massimi storici. Il Giappone e la Corea del Sud, dove l’uso dei robot era tra i più alti di tutti, avevano i tassi di disoccupazione più bassi.

Molti pensavano che la pandemia avrebbe finalmente dato ragione ai profeti di sventura. A metà del 2020, un documento pubblicato dall’Ufficio Nazionale di Ricerca Economica americano sosteneva che il Covid-19 “può accelerare l’automazione dei lavori”, e un altro affermava che stava “rafforzando sia la tendenza all’automazione che i suoi effetti”. Un documento pubblicato dall’Imf si chiedeva, invece, se i posti di lavoro persi durante la pandemia sarebbero “tornati”. Parte della logica era che siccome i robot non si ammalano, i capi si sarebbero rivolti a loro invece che alle persone – come sembrava essere successo in alcune pandemie precedenti. Altri hanno notato che le esplosioni di automazione tendono a verificarsi durante le recessioni.

Due anni dopo, però, le prove della disoccupazione indotta dall’automazione sono scarse, anche se la spesa globale per gli investimenti sta aumentando. Il mondo ricco affronta una carenza di lavoratori – secondo i nostri calcoli ci sono un record di 30 milioni di posti vacanti in tutta l’area Ocse – che è difficile da conciliare con l’idea che le persone non sono più necessarie. La crescita dei salari per i lavoratori poco qualificati, le cui occupazioni sono generalmente ritenute più vulnerabili alla sostituzione da parte dei robot, è insolitamente veloce. Ci sono ancora poche prove dall’America che i lavori di “routine”, ritenuti più facili da automatizzare, si stiano riducendo rispetto ad altri tipi di lavoro.

Considerando che sono sorti così tanti dubbi sulla narrativa “i robot uccidono i lavori”, non è sorprendente che stia emergendo una tesi diversa. In un recente documento Philippe Aghion, Céline Antonin, Simon Bunel e Xavier Jaravel, economisti di diverse istituzioni francesi e britanniche, propongono una “nuova visione” dei robot, dicendo che “l’effetto diretto dell’automazione può essere quello di aumentare l’occupazione a livello aziendale, non di ridurla”. Questa opinione, per quanto eretica possa sembrare, ha un solido fondamento microeconomico. L’automazione potrebbe aiutare un’azienda a diventare più redditizia e quindi ad espandersi, portando ad un aumento delle assunzioni. La tecnologia potrebbe anche permettere alle aziende di muoversi in nuove aree, o di concentrarsi su prodotti e servizi che sono a più alta intensità di lavoro.

Un numero crescente di ricerche sostiene questa tesi. Daisuke Adachi della Yale University e altri colleghi esaminando la produzione giapponese tra il 1978 e il 2017 ha notato che un aumento di un’unità robotica per 1.000 lavoratori aumenta l’occupazione delle aziende del 2,2%. Un altro studio, di Joonas Tuhkuri del Massachusetts Institute of Technology (Mit) e altri colleghi, ha esaminato le aziende finlandesi e ha concluso che la loro adozione di tecnologie avanzate ha portato a un aumento delle assunzioni. Un lavoro inedito di Michael Webb della Stanford University e Daniel Chandler della London School of Economics ha analizzato le macchine utensili nell’industria britannica e trovato che l’automazione ha avuto “una forte associazione positiva con la sopravvivenza dell’impresa, e che una maggiore automazione iniziale è stata associata ad aumenti dell’occupazione”.

I non economisti possono essere perdonati per aver roteato gli occhi sull’apparente voltafaccia della categoria. Ma le cose non sono così semplici come dire che gli economisti avevano sbagliato prima. Per cominciare, i metodi statistici sono migliorati dalla pubblicazione dei documenti fondamentali della robonomia, come quello di Carl Benedikt Frey e Michael Osborne dell’Università di Oxford nel 2013, che è stato ampiamente interpretato come se dicesse che il 47% dell’occupazione americana era a rischio di automazione. La metodologia utilizzata da Adachi e dai suoi coautori è particolarmente intelligente. Uno dei problema è districare la causalità: le aziende che assumono possono anche comprare robot, piuttosto che il contrario. Ma l’articolo mostra che le aziende comprano i robot quando i loro prezzi scendono. Questo aiuta a stabilire una catena causale dai robot più economici, a più automazione, a più posti di lavoro.

Una seconda qualifica è che la “nuova visione” non stabilisce che l’automazione sia “buona”. Finora, ha avuto poco da dire sulla qualità del lavoro e sui salari. Ma un libro di prossima pubblicazione di David Autor, David Mindell e Elisabeth Reynolds del Mit rileva che anche se i robot non creano una diffusa mancanza di lavoro, possono aver contribuito a creare un ambiente in cui le ricompense sono “skewed towards the top”. Altri sostengono che l’automazione riduce la qualità del lavoro.

Aghion e i suoi colleghi aggiungono che anche se l’automazione aumenta l’occupazione a livello di impresa o di industria, l’effetto sull’intera economia è meno chiaro. In teoria, le aziende che adottano i robot potrebbero avere così tanto successo da spingere i concorrenti fuori dal mercato, riducendo il numero totale di posti di lavoro disponibili. Queste domande lasciano ai ricercatori ancora molto da indagare. Ma quello che sembra chiaro a questo punto è che l’era delle narrazioni cupe e travolgenti sull’automazione è davvero finita.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore