Advertisement skip to Main Content

Huawei

Cosa fa Huawei per aggirare le sanzioni americane

Tutte le mosse di Huawei sugli smartphone e non solo. L'articolo di Giuseppe Gagliano

 

La società di telecomunicazioni cinese Huawei si è rivolta a partnership con aziende cinesi per aggirare le sanzioni statunitensi che hanno paralizzato il suo business degli smartphone.

Eric Xu, presidente di Huawei, ha dichiarato a settembre che le entrate degli smartphone dell’azienda potrebbero scendere fino a 40 miliardi di dollari quest’anno, con nuovi flussi di crescita che difficilmente bilanceranno i decrementi subiti.

Per scongiurare questa emorragia, l’azienda sta diversificando in altri settori, come quella dei veicoli elettrici. Ma nel tentativo di salvare la sua attività di smartphone, ha anche trovato il modo di aggirare le sanzioni statunitensi, vale a dire concedendo in licenza i suoi progetti di telefoni a terze parti cinesi per ottenere così l’accesso a chip statunitensi critici.

All’inizio di novembre Huawei ha presentato il suo primo smartphone 5G sul suo sito ufficiale, un dispositivo marchiato TD Tech Ltd., un produttore cinese di apparecchiature per le telecomunicazioni, chiamato TD Tech N8 Pro.

Il telefono è essenzialmente una copia del Huawei Nova 8 Pro, lanciato l’anno scorso. L’unica differenza è che il dispositivo TD Tech supporta il 5G, qualcosa che pochi smartphone Huawei offrono a seguito delle sanzioni statunitensi.

L’elenco è stato ritirato dal sito web di Huawei dopo una settimana e dalle sue storie online sui siti di e-commerce cinesi, tra cui JD.com, Alibaba.com e Suning.com.

Secondo un articolo del 16 novembre di NetEast, un portale di notizie cinese, un anonimo membro dello staff di TD Tech ha confermato che la società acquista hardware da Huawei e contrassegna il telefono con il proprio nome. Attualmente sta vendendo lo smartphone ai clienti aziendali, ma lo venderà direttamente ai consumatori sul sito di e-commerce di JD.com entro la fine dell’anno, ha aggiunto il membro dello staff.

TD Tech dovrebbe anche rilasciare un altro telefono Huawei rebadged chiamato TD Tech 5G M40, essenzialmente Mate 40E di Huawei, nonché una suite di altri prodotti Huawei dagli smartwatch ai tablet, secondo i resoconti dei media cinesi.

TD Tech, che ha uffici nelle città di Pechino, Shanghai e Chengdu, è una consociata interamente controllata da TD Tech Holding Limited, una società registrata a Hong Kong. TD Tech Holding è stata fondata da Huawei e Nokia Siemens Networks nel settembre 2003. A partire dal 2010, Huawei deteneva il 49% delle azioni della società, mentre Nokia Siemens deteneva il restante 51%, secondo un post sul sito web di TD Tech all’epoca. Non è chiaro se questa struttura proprietaria sia cambiata da allora.

Il direttore di TD Tech Holding è Eric Xu, presidente di Huawei, secondo i rapporti di novembre dei media cinesi e di Hong Kong. È anche membro del consiglio di amministrazione della società, sottolineano i rapporti. Nel frattempo, il direttore generale e rappresentante legale di TD Tech è Dong Biao, un senior manager veterano di Huawei, secondo Qichacha, un database aziendale cinese.

Il curriculum di Deng pubblicato sul sito web Huawei mostra che è entrato a far parte dell’azienda nel 1996. Da allora ha diretto una serie di divisioni, dal software di telecomunicazione e dal core business della rete al controllo di qualità. Non è chiaro se Deng lavori ancora in Huawei.

Nel novembre 2020, Huawei ha venduto la sua attività di smartphone Honor Budget a un consorzio guidato da una società statale a Shenzhen, una mossa che mette in quarantena l’operazione dalle sanzioni statunitensi. A differenza di Huawei, Honor è in grado di acquistare chip 5G di fascia alta da fornitori tra cui Qualcomm con sede negli Stati Uniti e MediaKit con sede a Taiwan.

Da allora Honor è salito al terzo posto nel mercato interno degli smartphone in Cina, con una quota del 15% nel terzo trimestre di quest’anno, secondo una ricerca sul contrappunto. Le sue fortune contrastano con quelle di Huawei. La società, che al suo apice deteneva il 46  per cento del mercato, rappresentava solo circa l’8 per cento nel terzo trimestre.

Huawei ha detto al momento della vendita che non avrebbe detenuto alcuna azione o sarebbe stata coinvolta nella gestione o nel processo decisionale della nuova società, chiamata Shenzhen Zhixinxin Information Technology. Ma il consiglio di amministrazione e il senior management dell’azienda presentano molti ex dipendenti Huawei.

Secondo i resoconti dei media cinesi, Huawei ha spostato i manager dalle sue altre attività per guidare la nuova azienda. Cinque dei sei membri del consiglio di amministrazione di Zhixinxin sono dipendenti veterani di Huawei. Il presidente, Wan Biao, era in precedenza membro del consiglio di amministrazione di Huawei e dirigeva l’attività consumer di Huawei immediatamente prima di trasferirsi nella nuova società. Wan ha esperienza nella costruzione di catene di approvvigionamento e si è unito all’azienda per costruire quest’area, hanno riferito i media cinesi.

Gli altri quattro membri del consiglio di amministrazione di Zhixinxin di Huawei sono Zhao Ming, l’ex presidente del business Honor di Huawei, Fang Fei, ex vicepresidente della linea di produzione, Li Shanlin, ex vicepresidente delle risorse umane, e Peng Qiu’en, ex direttore finanziario. Zhao è anche l’amministratore delegato della nuova società, secondo i resoconti dei media cinesi.

Yang Jian, ex direttore del business retail di Huawei per la regione cinese, ha anche assunto la posizione di responsabile della vendita al dettaglio di Honor, secondo i media cinesi.

Back To Top