skip to Main Content
ads

Horizon 2020: 230 milioni per progetti su internet 5G e Industria 4.0

Horizon 2020

Ue a caccia di progetti Itc innovativi: mette sul piatto 230 milioni di euro  per ricerca su Internet 5G, Industria 4.0, Tecnologie per audiovisivo e social media, nell’ambito di Horizon 2020

Internet 5G, Industria 4.0, Tecnologie per audiovisivo e social media. Sono questi i temi che intende approfondire e sviluppare l’Unione Europea, mettendo a disposizione ben 230 milioni di euro per nuovi progetti Itc, nell’ambito di Horizon 2020. Entro l’8 novembre 2016 sarà possibile sottoporre all’Ue la propria richiesta di finanziamento, specificando la propria area di ricerca.

L’Ue, nell’ambito di Horizon 2020, pone particolare attenzione alla ricerca e allo sviluppo di progetti legati alla tecnologia 5G, che promette di migliorare in velocità ed efficienza le attuali connessioni mobili. La Commissione ha destinato ben 100 milioni di euro a tutte quelle iniziative che rientrano nel focus “5G: Partenariati pubblico privati per la ricerca e convalida di sistemi e tecnologie critiche”,  volte a favorire le partnership sulle nuove reti.

I progetti che rientrano nel topic “5G Ppp tecnologie convergenti” possono attingere, invece, a ben 45 milioni di euro: si parla, soprattutto, di progetti legato alle reti miste. 18 milioni di euro sono destinati alla ricerca in ambito “Reti di ricerca al di là del 5G”: questa call potrebbe coinvolgere le università, che potrebbero trasferire poi i risultati alle Pmi e alle Start della comunità.

Horizon 2020
Non solo 5G. L’Ue è a caccia anche di progetti che potrebbero accelerare, migliorare e rendere efficiente l’Industria 4.0. Su  230 milioni totali,  24,5 milioni sono destinati alla ricerca in ambito “Smart, ogni cosa in ogni luogo”, ovvero a progetti legati a  tecnologie digitali in ambito industriale. Infine c’è anche un call Ue che prevede 38 milioni per progetti di convalida delle nuove tecnologie per l’audiovisivo e i social media.

Horizon 2020: come ottenere i finanziamenti?

Chi fosse interessato, può presentare domanda di finanziamento entro l’8 novembre 2016, indicando ovviamente l’ambito di ricerca in cui ci si muoverà. Per ulteriori informazioni e chiarimenti, l’Unione Europea ha messo a disposizione  i propri Punti di contatto nazionale. Ci si può rivolgere anche  all’Agenzia per la promozione della ricerca europea, mentre le Pmi possono rivolgersi alla rete Enterprise Europe Network.
Chi avrà accesso ai finanziamenti Horizon 2020, comunque, porà beneficiare di una copertura del 100% dei costi eleggibili per ricerca e innovazione (ricerca di base o applicata, sviluppo tecnologico, test e validazione su prototipo) e del 70% per altre azioni innovative come prototipazione, testing, sperimentazione e validazione del prodotto su larga scala.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore