skip to Main Content

Google all’Ue: vogliamo tasse semplici

Google

Google chiede di pagare le tasse in un unico Paese dove genera valore e non nei Paesi in cui opera

 

Google chiede all’Europa tasse più semplici. L’azienda di Mountain View non intende andare via dal Vecchio Continente, il mercato è favorevole ed investire potrebbe essere una grande opportunità, a patto che anche Bruxelles faccia la sua parte. Questo, in breve, quanto Google ha affermato al Web Summit, un evento tecnologico in corso a Lisbona.

L’azienda vorrebbe “tasse più semplici”, ha detto Matt Brittin, capo europeo della divisione business&operations di Big G. Brittin non ha potuto fare a meno di parlare delle beghe legali tra il colosso tecnologico e la Commissione Antitrust Ue: l’Ue accusa Google di elusione fiscale e abuso di posizione dominante per le applicazioni del suo software di comparazione prezzi Shopping e del suo sistema operativo Android.

smartphone Google facebookQuello che vorrebbe Brittin è trovare un accordo che permetta a Google di pagare le imposte in un unico Paese dove genera valore e non nei diversi mercati dove opera (Italia inclusa). Insomma, le idee di Big G. per ora andrebbero a contrastare con i principi della WebTax.

Sul fronte delle accuse Europee, invece, Matt Brittin sostiene che gli utenti “sono liberi di fare quello che vogliono”, rispondendo alle accuse di abuso di potere e influenza dei consumatori. “Gli utenti possono fare quello che ritengono. Ci vogliono 30 secondi per togliere la “barra” delle ricerche di Google e impostarne un’altra”.

Tocca anche l’argomento privacy, tanto caro a Bruxelles. Google Europe “prende la questione sul serio” e sta cercando di rendersi inattaccabile. “I nostri sviluppatori di Monaco hanno messo a punto myaccount.google.com (uno strumento per verificare l’utilizzo delle proprie informazioni, ndr) proprio per questo – ha detto – Abbiamo interesse per privacy e sicurezza degli utenti”.

“Bisognerebbe lavorare sul mercato digitale unico. Noi abbiamo formato 5,6 milioni di persone in 49 paesi alle digital skills, le competenze digitali”, ha concluso Brittin.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore