skip to Main Content

Google accetta un accordo sulla privacy da 392 milioni di dollari con 40 Stati americani

Google Antitrust

In base all’accordo, che secondo i procuratori generali degli Stati è il più grande accordo sulla privacy in Internet degli Stati Uniti, Google deve anche rendere più chiare agli utenti le sue pratiche di tracciamento della posizione. L’articolo del New York Times

Lunedì Google ha raggiunto un accordo record da 391,5 milioni di dollari per la tutela della privacy con una coalizione di 40 Stati per le accuse di aver ingannato gli utenti facendo loro credere di aver disattivato il tracciamento della posizione nelle impostazioni dell’account, anche se l’azienda ha continuato a raccogliere tali informazioni.
In base all’accordo, Google renderà più chiare le informazioni sulla localizzazione a partire dal 2023.

I procuratori generali hanno dichiarato che l’accordo è il più grande accordo sulla privacy in Internet concluso dagli Stati Uniti. L’accordo è giunto al termine di un’indagine durata quattro anni sulle pratiche adottate dal gigante della ricerca su Internet nel periodo 2014-20, che secondo i procuratori generali avrebbero violato le leggi sulla protezione dei consumatori degli Stati.

Google ha dichiarato di aver già corretto alcune delle pratiche menzionate. “Coerentemente con i miglioramenti che abbiamo apportato negli ultimi anni, abbiamo risolto questa indagine, che si basava su politiche di prodotto obsolete che abbiamo cambiato anni fa”, ha dichiarato José Castañeda, un portavoce della società.

Gli Stati hanno assunto un ruolo sempre più centrale nel limitare il potere e i modelli di business delle aziende della Silicon Valley, in un vuoto di azione da parte dei legislatori federali.

Più di quattro anni dopo che l’Europa ha introdotto regole sulla privacy dei dati per i suoi cittadini, il Congresso e le autorità di regolamentazione non sono riusciti a trovare un accordo su una legge federale per la protezione dei dati negli Stati Uniti. I legislatori si sono accapigliati sui dettagli delle proposte in materia di privacy e i giganti del settore tecnologico hanno schierato eserciti di lobbisti per annacquare o distruggere la legislazione.

Al posto della legge federale, Stati come la California, il Colorado e la Virginia hanno emanato le proprie norme sulla privacy, creando un mosaico di regolamenti che iniziano e finiscono artificialmente ai confini dello Stato. I procuratori generali degli Stati hanno anche controllato i giganti tecnologici attraverso cause legali e si sono accordati o hanno in corso cause contro Google, Meta, Apple e Amazon per denunce di violazioni antitrust, discorsi dannosi, violazioni della privacy e pratiche di lavoro illegali.

Sebbene vi sia un ampio sostegno bipartisan per una sorta di legislazione federale sulla privacy, i Repubblicani e i Democratici sono in disaccordo da quasi un decennio su quanto in là debbano spingersi le regole per frenare modelli di business come quello di Google, che si basa sulla raccolta di dati per vendere annunci pubblicitari mirati. Le informazioni sugli spostamenti e la cronologia di localizzazione di un utente possono essere particolarmente preziose per i rivenditori che sperano di offrire promozioni in tempo reale e annunci pubblicitari più personalizzati. I gruppi per la tutela della privacy hanno protestato contro il tracciamento sensibile della geolocalizzazione, che può rivelare l’identità degli utenti, anche se le aziende affermano che tali dati sono resi anonimi.

Nell’accordo sulla privacy, i procuratori generali degli Stati hanno sostenuto che Google ha dato la falsa impressione che quando gli utenti disattivano i servizi di tracciamento della posizione, l’azienda non raccoglie più dati di geolocalizzazione su di loro. Ma attraverso l’ampia gamma di altri servizi di Google, come la ricerca, le mappe e le applicazioni che si connettono al Wi-Fi e alle torri dei telefoni cellulari, l’azienda ha continuato ad accumulare e memorizzare un’intricata storia degli spostamenti degli utenti, secondo gli Stati.

Fino a maggio 2018, Google ha persino tracciato la posizione degli utenti che avevano effettuato il logout dalle app di Google, un’azione che potrebbe indurre un consumatore a credere che la localizzazione sia stata disattivata, hanno dichiarato i procuratori generali.

“Per anni, Google ha dato priorità al profitto rispetto alla privacy delle persone che utilizzano i prodotti e i servizi di Google”, ha dichiarato Ellen Rosenblum, procuratore generale dell’Oregon, che ha condotto il caso insieme al Nebraska. “I consumatori pensavano di aver disattivato le funzioni di localizzazione su Google, ma l’azienda ha continuato a registrare segretamente i loro spostamenti e a utilizzare queste informazioni per gli inserzionisti”.

Oltre a pagare la somma monetaria, che andrà alle casse dello Stato, Google ha promesso di rendere più chiaro il modo in cui raccoglie i dati sulla posizione, compresi i tipi di dati che può ancora accumulare quando il rilevamento della posizione è disattivato per un’impostazione ma non per altre. L’azienda dovrà inoltre informare gli utenti su come disattivare il rilevamento della posizione, cancellare i dati raccolti dalle impostazioni e impostare i limiti di conservazione dei dati. Gli utenti saranno avvisati da caselle pop-up e da informazioni più dettagliate sulla pagina informativa di Google sulle tecnologie di localizzazione.

L’indagine degli Stati è iniziata dopo un articolo dell’Associated Press del 2018 sulle pratiche ingannevoli di Google in materia di localizzazione. I procuratori generali hanno esaminato le pratiche di Google dal 2014 al 2020, che secondo loro violavano le leggi statali sulla protezione dei consumatori che vietano alle aziende di fuorviare e ingannare i consumatori.

Il mese scorso, Google ha patteggiato separatamente con l’Arizona per 85 milioni di dollari in una causa simile relativa al tracciamento della posizione. Google deve affrontare altre cause intentate da Washington, D.C., Indiana e Texas per il rilevamento ingannevole della posizione.

Tra gli altri Stati che hanno condotto le indagini nell’accordo di lunedì figurano Arkansas, Florida, Illinois e Louisiana.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore