skip to Main Content

Germania Chip

Chip, perché la Germania delude Intel, Infineon e Tsmc

La crisi di bilancio minaccia i sussidi della Germania alle aziende produttrici di microchip. L'approfondimento dell'Economist.

La crisi di bilancio della Germania potrebbe influire sui piani di distribuzione di miliardi di euro di sussidi governativi alle aziende produttrici di chip, compromettendo le speranze del Paese di giocare un ruolo significativo nell’industria globale dei semiconduttori, scrive il Financial Times.

Il governo tedesco ha promesso ingenti aiuti statali ai produttori internazionali di chip che investono nella più grande economia europea. Intel, che sta spendendo 30 miliardi di euro (32,5 miliardi di dollari) per due nuove fabbriche nella città orientale di Magdeburgo, riceverà 9,9 miliardi di euro in sovvenzioni per il suo progetto, il più grande investimento straniero nella storia del dopoguerra del Paese.

Ma i dubbi sul sostegno statale sono cresciuti da quando, il mese scorso, una sentenza bomba della Corte costituzionale tedesca ha gettato nel caos i piani di spesa del governo per il 2024.

LA CRISI DI BILANCIO MINACCIA I PROGETTI SUI CHIP

Politici, esperti del settore e dirigenti d’azienda temono che i progetti sui semiconduttori possano essere vittime dell’imbroglio di bilancio, un esito che, a loro avviso, potrebbe infliggere un enorme danno alla reputazione della Germania.

“Sarebbe un disastro totale per l’immagine della Germania come luogo in cui investire, perché dimostrerebbe che non si può più fare affidamento su questo Paese”, ha dichiarato Sven Schulze, ministro dell’Economia dello Stato orientale della Sassonia-Anhalt, dove Intel costruirà il suo impianto di produzione.

“Sarebbe un colpo devastante, mai visto prima nella storia del dopoguerra”, ha dichiarato al Financial Times.

La crisi si è accesa quando la Corte Suprema tedesca ha stabilito che il governo ha violato la Costituzione spostando 60 miliardi di euro di linee di credito destinate alla gestione della pandemia Covid-19 nel “Fondo per il clima e la trasformazione”, un veicolo fuori bilancio utilizzato per finanziare la modernizzazione industriale della Germania.

Le sovvenzioni per Intel e altri produttori di chip come TSMC, con sede a Taiwan, avrebbero dovuto provenire dal fondo per il clima. La sentenza ha messo in allarme le aziende, non solo i produttori di chip ma anche altri grandi gruppi che avrebbero dovuto ricevere sovvenzioni, come i produttori di acciaio che stanno investendo ingenti somme per passare a una produzione a zero emissioni di carbonio.

La crisi colpisce il cuore di una delle politiche più importanti della Germania: il suo piano per diventare un grande produttore di chip. Questo, a sua volta, fa parte di una più ampia strategia dell’UE volta a rafforzare le catene di approvvigionamento, a migliorare la resilienza economica e a ridurre la dipendenza del blocco dai fornitori taiwanesi – una potenziale vulnerabilità nel caso di un confronto tra Cina e Taiwan.

INTEL, TSMC E NON SOLO

Intel non è l’unico grande investitore che la Germania ha attirato. TSMC, il più grande produttore di chip a contratto del mondo, ha dichiarato che investirà 10 miliardi di euro in una nuova fabbrica nella città orientale di Dresda, insieme al produttore olandese di semiconduttori NXP e alle tedesche Bosch e Infineon. A questa fabbrica sono stati promessi 5 miliardi di euro di sovvenzioni.

Nel frattempo, Infineon sta costruendo un impianto da 5 miliardi di euro, sempre a Dresda, Bosch sta investendo 250 milioni di euro per espandere la sua camera bianca di Dresda e il produttore di chip statunitense GlobalFoundries è al quarto anno di espansione della sua capacità di produzione di wafer nella città. Tutti e tre contano su un generoso sostegno statale.

Il mese scorso il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha dichiarato in una conferenza che “vuole assolutamente” che le fabbriche di chip procedano come previsto. “È un segnale importante per il futuro, per tutti noi, che i semiconduttori vengano prodotti in Europa, soprattutto in Germania, e in particolare nella Germania orientale”, ha detto Scholz.

Schulze, membro dell’opposizione cristiano-democratica, ha detto di sperare che Scholz faccia sul serio. “Non sono preoccupato per l’investimento di Intel perché il cancelliere ha assicurato personalmente che procederà”, ha detto. “E se non ci si può fidare della sua parola, allora tanto vale rinunciare a questo governo”.

Ma Robert Habeck, vice-cancelliere e ministro dell’Economia, ha dichiarato la scorsa settimana a un evento che il governo potrebbe essere costretto a frenare le sue ambizioni in materia di sussidi, “privando … … l’uno o l’altro progetto che non soddisfa la definizione più rigorosa di neutralità di carbonio e sicurezza economica”.

Scholz, Habeck e il ministro delle Finanze Christian Lindner stanno tenendo colloqui di crisi su come risolvere l’impasse di bilancio e mettere insieme un piano di spesa rivisto per il 2024, con Habeck che ha rinunciato a un viaggio programmato al vertice delle Nazioni Unite sul clima a Dubai per concentrarsi sulla questione.

Intel e TSMC hanno rifiutato di commentare se temono che le sovvenzioni promesse siano a rischio.

Ma persone informate sulle comunicazioni di TSMC con Berlino hanno detto che se il governo tedesco riduce il suo impegno di sovvenzione, l’azienda potrebbe dover rinegoziare i termini del suo stabilimento di Dresda, anche con i suoi partner tedeschi di joint-venture.

“Nel peggiore dei casi, se tra nove mesi si scopre che non ci saranno sovvenzioni, dovremo cancellare il progetto”, ha dichiarato una fonte.

Altre aziende hanno espresso pubblicamente la loro preoccupazione per gli effetti del verdetto del tribunale. Il fornitore tedesco di automobili ZF, che sta costruendo una fabbrica di chip nella regione occidentale del Saarland insieme al gruppo statunitense Wolfspeed, ha dichiarato di essere preoccupato per le conseguenze sulla Germania come luogo in cui fare affari.

“Si tratta di capire se importanti progetti di trasformazione industriale potranno essere avviati in Germania o se il futuro sarà in altre parti del mondo”, ha dichiarato ZF.

COME FUNZIONANO LE SOVVENZIONI

Lindner ha cercato di dissipare i timori degli investitori. “Gli accordi che abbiamo raggiunto e che sono legalmente vincolanti saranno rispettati”, ha dichiarato in un’intervista rilasciata lunedì al media The Pioneer.

Un esempio è il sussidio di 564 milioni di euro per Northvolt, il gruppo tecnologico svedese che sta costruendo una fabbrica di batterie nel nord della Germania. Il ministero dell’Economia di Habeck ha annunciato domenica di aver ottenuto un’esenzione dal blocco delle spese imposto al fondo per il clima, che consentirebbe il pagamento del sussidio a Northvolt.

Ma molte delle sovvenzioni concordate non sono così avanzate come quella di Northvolt. Dei 31 progetti microelettronici a cui la Commissione europea ha dato il via libera lo scorso giugno in base alle norme sugli aiuti di Stato, solo 15 hanno ricevuto una promessa formale di finanziamento. Secondo gli addetti ai lavori, gli altri rischiano di essere privati di qualsiasi sostegno governativo.

“Chiunque parli con l’industria dei chip che ha un progetto in Germania e non ha ancora ricevuto un contratto legalmente vincolante dal governo si sta grattando la testa”, ha detto un dirigente a conoscenza della questione delle sovvenzioni.

Un altro dirigente di un produttore di chip è stato più diretto. “La Germania non è solo l’uomo malato d’Europa, ma anche l’uomo stupido d’Europa”, ha dichiarato. “È un fiasco totale”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top