skip to Main Content

Facebook nasconde i dati più importanti sulla disinformazione. Report Atlantic

Facebook Disinformazione

Apparentemente miliardi di persone si sono imbattute in fake news riguardo ai vaccini sulla piattaforma social Facebook, ma quel numero non significa nulla senza un denominatore, evidenzia The Atlantic

Documenti interni trapelati suggeriscono che Facebook – che recentemente si è rinominato Meta – sta facendo molto peggio di quanto sostiene nel minimizzare la disinformazione sui vaccini anti Covid-19 sulla piattaforma di social media Facebook.

La disinformazione online sul coronavirus e sui vaccini è una grande preoccupazione. In uno studio, gli intervistati che hanno ottenuto alcune o tutte le loro notizie da Facebook erano significativamente più propensi a rifiutare i vaccini Covid-19 rispetto a quelli che hanno ottenuto le loro notizie da fonti di media tradizionali.

Il semplice conteggio dei casi di disinformazione trovati su una piattaforma di social media lascia due domande chiave senza risposta: quanto è probabile che gli utenti si imbattano nella disinformazione, e alcuni utenti sono particolarmente propensi ad essere colpiti dalla disinformazione? Queste domande sono il problema del denominatore e il problema della distribuzione – leggiamo su The Atlantic.

Lo studio sulla disinformazione Covid-19 “Facebook’s Algorithm: A Major Threat to Public Health”, pubblicato dal gruppo di difesa dell’interesse pubblico Avaaz nell’agosto 2020, ha riportato che le fonti che hanno condiviso frequentemente disinformazione sulla salute – 82 siti web e 42 pagine Facebook – avevano una portata totale stimata di 3,8 miliardi di visualizzazioni in un anno.

A prima vista, questo è un numero incredibilmente grande. Ma è importante ricordare che questo è il numeratore. Per capire cosa significa 3,8 miliardi di visualizzazioni in un anno, bisogna calcolare anche il denominatore. Il numeratore è la parte di una frazione sopra la linea, che viene divisa per la parte della frazione sotto la linea, il denominatore.

Un possibile denominatore è 2,9 miliardi di utenti mensili attivi su Facebook, nel qual caso, in media, ogni utente di Facebook è stato esposto ad almeno una informazione da queste fonti di disinformazione sanitaria. Ma il numeratore è 3,8 miliardi di visualizzazioni di contenuti, non utenti discreti. Quante informazioni incontra l’utente medio di Facebook in un anno? Meta non rivela questa informazione.

I ricercatori di mercato stimano che gli utenti di Facebook passano da 19 a 38 minuti al giorno sulla piattaforma. Se gli 1,93 miliardi di utenti attivi giornalieri di Facebook vedono una media di 10 post nelle loro sessioni giornaliere – una stima molto prudente – il denominatore per quei 3,8 miliardi di informazioni all’anno è 7,044 trilioni (1,93 miliardi di utenti giornalieri per 10 post giornalieri per 365 giorni in un anno). Questo significa che circa lo 0,05% dei contenuti su Facebook consiste in post condivisi da pagine Facebook sospette.

La cifra di 3,8 miliardi di visualizzazioni comprende tutti i contenuti pubblicati su queste pagine, compresi i contenuti innocui sulla salute, quindi la percentuale di post su Facebook che sono disinformazione sulla salute è inferiore a un ventesimo di percentuale.

È preoccupante che ci sia abbastanza disinformazione su Facebook affinché tutti abbiano probabilmente incontrato almeno un caso? O è rassicurante che il 99,95% di ciò che viene condiviso su Facebook non proviene dai siti su cui Avaaz mette in guardia? Nessuno dei due.

Oltre a stimare un denominatore, è importante considerare la distribuzione di queste informazioni. Tutti su Facebook hanno la stessa probabilità di incontrare disinformazione sulla salute? O le persone che si identificano come anti-vaccino o che cercano informazioni sulla “salute alternativa” hanno più probabilità di incontrare questo tipo di disinformazione?

Un altro studio sui social media che si concentra sui contenuti estremisti su YouTube offre un metodo per capire la distribuzione della disinformazione. Utilizzando i dati del browser di 915 utenti web, un team della Anti-Defamation League ha reclutato un campione ampio e demograficamente diversificato di utenti web degli Stati Uniti e ha sovracampionato due gruppi: gli utenti pesanti di YouTube e gli individui che hanno mostrato forti pregiudizi negativi di razza o di genere in una serie di domande poste dagli investigatori. Il sovracampionamento consiste nel sondare un piccolo sottoinsieme di una popolazione più della sua proporzione della popolazione per registrare meglio i dati sul sottoinsieme.

I ricercatori hanno scoperto che il 9,2% dei partecipanti ha visto almeno un video da un canale estremista, e il 22,1% ha visto almeno un video da un canale alternativo, durante i mesi coperti dallo studio. Un pezzo importante di contesto da notare: un piccolo gruppo di persone era responsabile della maggior parte delle visualizzazioni di questi video. E più del 90% delle visualizzazioni di video estremisti o “alternativi” sono state effettuate da persone che hanno riportato un alto livello di risentimento razziale o di genere nel sondaggio precedente allo studio.

Anche se circa una persona su 10 ha trovato contenuti estremisti su YouTube e due su 10 hanno trovato contenuti di provocatori di destra, la maggior parte delle persone che hanno incontrato tali contenuti li hanno “rimbalzati” e sono andati altrove. Il gruppo che ha trovato contenuti estremisti e ne ha cercati di più erano persone che presumibilmente avevano un interesse: persone con forti atteggiamenti razzisti e sessisti.

Gli autori hanno concluso che “il consumo di questo contenuto potenzialmente dannoso è invece concentrato tra gli americani che sono già ricchi di risentimento razziale”, e che gli algoritmi di YouTube possono rafforzare questo modello. In altre parole, conoscere solo la frazione di utenti che incontrano contenuti estremi non ti dice quante persone li stanno consumando. Per questo, è necessario conoscere anche la distribuzione.

Uno studio ampiamente pubblicizzato dal gruppo di difesa contro l’odio, Center for Countering Digital Hate, intitolato “Pandemic Profiteers”, ha mostrato che su 30 gruppi Facebook anti-vaccini esaminati, 12 celebrità anti-vaccini erano responsabili del 70% dei contenuti circolati in questi gruppi, e i tre più importanti erano responsabili di quasi la metà. Ma ancora una volta, è fondamentale chiedere dei denominatori: Quanti gruppi anti-vaccini sono ospitati su Facebook? E quale percentuale di utenti di Facebook incontra il tipo di informazioni condivise in questi gruppi?

Senza informazioni sui denominatori e sulla distribuzione, lo studio rivela qualcosa di interessante su questi 30 gruppi Facebook anti-vaccini, ma nulla sulla disinformazione medica su Facebook nel suo complesso.

Questo tipo di studi solleva la domanda: “Se i ricercatori possono trovare questo contenuto, perché le piattaforme dei social media non possono identificarlo e rimuoverlo? Lo studio “Pandemic Profiteers”, che implica che Facebook potrebbe risolvere il 70% del problema della disinformazione medica cancellando solo una dozzina di account, sostiene esplicitamente la deplorazione di questi commercianti di disinformazione. Tuttavia, ho scoperto che, a partire dalla fine di agosto, Facebook ha già rimosso 10 dei 12 influencer anti-vaccino presenti nello studio dalla piattaforma.

Considerate Del Bigtree, uno dei quattro più importanti diffusori di disinformazione sulla vaccinazione su Facebook. Il problema non è che Bigtree sta reclutando nuovi seguaci anti-vaccini su Facebook; è che gli utenti di Facebook seguono Bigtree su altri siti web e portano i suoi contenuti nelle loro comunità di Facebook. Non si tratta di 12 individui e gruppi che pubblicano disinformazione sulla salute online – sono probabilmente migliaia di singoli utenti di Facebook che condividono disinformazione, con questa dozzina di persone, trovata altrove sul web. È molto più difficile vietare migliaia di utenti di Facebook che vietare 12 celebrità anti-vaccino.

Ecco perché le questioni del denominatore e della distribuzione sono essenziali per comprendere la disinformazione online. Denominatore e distribuzione permettono ai ricercatori di chiedere quanto siano comuni o rari i comportamenti online, e chi si impegna in questi comportamenti. Se milioni di utenti si imbattono ciascuno in pezzi occasionali di disinformazione medica, le etichette di avvertimento potrebbero essere un intervento efficace. Ma se la disinformazione medica è consumata principalmente da un gruppo più piccolo che cerca e condivide attivamente questo contenuto, quelle etichette di avvertimento sono molto probabilmente inutili.

Cercare di capire la disinformazione contandola, senza considerare i denominatori o la distribuzione, è ciò che accade quando le buone intenzioni si scontrano con strumenti scadenti. Nessuna piattaforma di social media permette ai ricercatori di calcolare accuratamente quanto sia prominente un particolare contenuto nella sua piattaforma.

Facebook limita la maggior parte dei ricercatori al suo strumento Crowdtangle, che condivide informazioni sul coinvolgimento dei contenuti, ma questo non è la stessa cosa delle visualizzazioni dei contenuti. Twitter vieta esplicitamente ai ricercatori di calcolare un denominatore: il numero di utenti di Twitter o il numero di tweet condivisi in un giorno. YouTube rende così difficile scoprire quanti video sono ospitati sul suo servizio che Google chiede abitualmente ai candidati ai colloqui di stimare il numero di video ospitati su YouTube per valutare le loro capacità quantitative.

I leader delle piattaforme di social media hanno sostenuto che i loro strumenti, nonostante i loro problemi, sono buoni per la società, ma questo argomento sarebbe più convincente se i ricercatori potessero verificare indipendentemente questa affermazione.

Man mano che gli impatti sociali dei social media diventano più prominenti, la pressione sulle piattaforme Big Tech per divulgare più dati sui loro utenti e sui loro contenuti è destinata ad aumentare. Se queste aziende rispondono aumentando la quantità di informazioni a cui i ricercatori possono accedere, guardate molto attentamente: permetteranno ai ricercatori di studiare il denominatore e la distribuzione dei contenuti online? E se no, hanno paura di ciò che i ricercatori troveranno?

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore